Ricerche più efficaci con il Knowledge Graph italiano

Autore: IlSoftware.it

Lo avevamo ipotizzato nei giorni scorsi: la modifica della veste grafica utilizzata da Google per mostrare i risultati delle ricerche effettuate dagli utenti italiani (Google abilita anche in Italia le nuove pagine di ricerca) lasciava presagire un imminente arrivo, anche nel nostro Paese, di Knowledge Graph, un’innovazione che consentirà di ottenere informazioni più pertinenti, dettagliate ed utili.

Il nuovo “Knowledge Graph” che sarà progressivamente attivato nelle prossime ore (come confermato dai responsabili di Google Italia), grazie ad una serie di algoritmi messi a punto nei mesi scorsi dai tecnici del colosso di Mountain View, riesce a mettere in correlazione argomenti, oggetti, persone, località in modo efficace elaborando un grafico, in continua evoluzione ed espansione, che di fatto collega le varie entità. Così, come avevamo evidenziato nell’articolo Google migliora le ricerche con il “Knowledge Graph”, digitando – ad esempio – la parola chiave Parma nel motore di ricerca, questo non soltanto proporrà una serie di link pertinenti come accaduto sino ad oggi ma, nella parte di destra della pagina, fornirà un insieme di informazioni che permetteranno di apprendere, a colpo d’occhio, alcuni dati salienti. Il motore di ricerca, grazie al “Knowledge Graph” ed alle informazioni conservate nei suoi indici, riuscirà a stabilire che “Parma” è sì una città ma anche una squadra di calcio, un’università e molto altro ancora.
Tenendo presenti tali diversità, Google fornirà dei risultati già suddivisi sulla base di ciò che può interessare all’utente.

Digitando il nome di un personaggio o di una personalità di spicco, il motore di ricerca saprà immediatamente visualizzarne le informazioni sulla biografia e sulla sua storia. Sempre attingendo al “grafico della conoscenza“, inoltre, Google sarà capace di proporre un elenco di persone, opere ed avvenimenti strettamente correlati.

Google spiega che “il Knowkledge Graph non è solo basato su fonti pubbliche come Freebase, Wikipedia e il CIA World Factbook, ma è amplificato su una scala molto più estesa, poiché il nostro intento è offire una portata molto più esauriente e approfondita. Al momento contiene oltre 570 milioni di oggetti, oltre a 18 miliardi di informazioni e relazioni tra questi diversi elementi ed è perfezionato in base alle ricerche dagli utenti e alle informazioni che troviamo sul Web“.

Il nuovo “Knowledge Graph” facilita inoltre scoperte inaspettate mettendo in evidenza tutta una serie di informazioni che potrebbero spingere la ricerca verso temi diversi da quelli da cui si era partiti. Così, ad esempio, cercando informazioni su “Brunelleschi”, potremmo facilmente approfondire anche i nomi e il lavoro degli altri grandi rappresentanti del Rinascimento fiorentino, come ad esempio Donatello.

Anche in Italia Google compie un ulteriore passo in avanti verso il cosiddetto “web semantico”: un motore di ricerca di questo tipo si occupa di “studiare” il significato di una o più parole nel contesto dell’interrogazione effettuata da parte dell’utente stabilendo poi delle relazioni attinenti. È esattamente ciò che Google sta cominciando a fare.

11 thoughts on “Ricerche più efficaci con il Knowledge Graph italiano

  1. Nel senso che riesce a guadagnare abbastanza con i suoi romanzi da poterne fare una professione?
    Da profana di questo genere, ma sentendone spesso parlare, mi domando a chi e a cosa serva un romanzo che prende i personaggi inventati da un altro autore per inserirli in nuove storie, spesso scritte male e prive di originalità.
    Capisco che per il fan sia un modo di esternare la sua passione per un certo “universo” e relativi personaggi, ma non capisco chi le legge. Non vi pare che il solo fatto che dietro a quelle storie non ci sia l’autore originale renda il tutto un esercizio sterile, una pallida copia dell’immaginario altrui?

  2. Sono appassionato dei Led Zeppelin e ho creato un account di posta elettronica con scritto jimmypage@…. .it, Jimmy Page è il nome del chitarrista di questo gruppo, mi potrebbero dare dei problemi con i diritti d’autore o con il copyright??

  3. Ciao a tutti!Mi servirebbe un consiglio su un libro da leggere per le vacanze…la mia prof di francese ci ha assegnato la lettura di un romanzo di un autore del romanticismo e non so quale scegliere!Avevo pensato a Madame Bovary di Flaubert…voi che mi consigliate??Grazie in anticipo

  4. Vorei sapere il titolo e autore di questo pezzo Jazz che ho già sentito in diverse sigle di diversi programmi.
    Linko un video usato da un sito giornalistico-amatoriale dove all’inizio e alla fine è presente la musica.
    http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=63820
    Magari se mi fate sapere invece anche da quali altri programmi è usata completate la domanda da punteggio pieno. Grazie

  5. Ovviamente specifico, tutte le facoltà di “lingue e letterature straniere” che si trovano in Italia… Se qualcuno ha la pazienza di scrivermi tutto lo ringrazio moltissimo :)

  6. Ieri ho visto che c’era scritto Google.com in English, e allora mi sono incuriosita e ho provato a schiacciarlo, e ovvimanete mi è venuto fuori in inglese. Così ho schiacciato dove c’era scritto Go to Google Italia e mi è tornato in italiano, ma adesso mi sono accorta che ogni volta che apro internet, google è in inglese e devo sempre schiacchiare su Go to google Italia per farlo in italiano… Sapete per caso se c’è un modo per impostare google sempre e solo in italiano??
    Per favore aiutatemi!! 10 punti alla risposta migliore!!
    Grazieeee!!!

  7. Salve ragazzi mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi magari appassionato o che bazzica spesso su Maps ha notato che dopo gli ultimi aggiornamenti molte vie sono state tracciate male. Molti nomi di piazze vicoli o vie sono errati o del tutto inventati! Ho segnalato con l’account Google molti errori nelle mappe della periferia di Palermo… Miglioreranno le mappe?! Grazie in anticipo

  8. Che è inutile che continiuate a postare la solita domanda idiota, in quasi tutto il mondo civile c’è una retribuzione minima sindacale, per una determinata qualifica e quella la trovate cercando con google, poi in base alle vostre capacità ed all’impegno richiesto contrattate lo stipendio con il datore di lavoro.
    Non è un concetto difficile capire che il cuoco unico della Pensione Clementina ha uno stipendio diverso dall’Executive Chef del Savoy Hotel di Londra, quindi mettetevi l’animo in pace e smettete di fare domande idiote e puerili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>