Autore: IlSoftware.it

A distanza di due mesi esatti dal primo sbarco sulla piattaforma Android, TomTom presenta una versione rinnovata della sua applicazione per ottenere indicazioni stradali e calcolare percorsi in tempo reale. TomTom 1.1 per Android diventa adesso compatibile con una più vasta schiera di dispositivi che montano il sistema operativo di Google, anche con quelli che utilizzano risoluzioni comprese tra 800×480 e 1280×800 pixel. Tra i nomi di spicco: il Samsung Galaxy S3, l’HTC One X ed il Google Nexus 4.

Così come era stato preannunciato, la nuova versione di TomTom per Android consente il download delle mappe di navigazione direttamente sulla scheda di memoria installata nello smartphone: in questo modo, non è necessario utilizzato una connessione Internet attiva in modo permanente.

L’applicazione è adesso capace di rilevare gli indirizzi direttamente dalla rubrica del telefono, ne facilita l’inserimento e visualizza le informazioni sul percorso da seguire in modo decisamente più chiaro che in passato.

Il download della nuova versione di TomTom per Android è effettuabile da Google Play facendo riferimento a questa pagina, ove sono elencate tutte le release disponibili. TomTom Italia, contenente tutte le mappe aggiornate della rete stradale del nostro Paese, viene offerto al costo promozionale di 34,99 euro.

Le mappe di TomTom resteranno gratuite “a vita” (disponibili, durante un anno, almeno quattro aggiornamenti che consentiranno di tenere traccia delle varie modifiche apportate alla circolazione stradale).
Requisito indispensabile, oltre ad Android 2.2 o versioni successive, è la disponibilità di una scheda di memoria con almeno 3,4 GB di spazio disponibile. Al primo avvio, infatti, TomTom provvede a scaricare le mappe complete salvandole sul dispositivo dell’utente.

Grazie alla funzionalità IQ Routes, TomTom utilizza i dati sulla velocità istantanea dei veicoli per stabilire, di volta in volta, qual è il tragitto migliore per raggiungere una certa destinazione. Il software “tiene conto dell’ora di punta, dei semafori, …e persino delle ore solitamente scelte per lo shopping“, si spiega dall’azienda olandese. L’indicatore di corsia avanzato consente inoltre di districarsi in maniera molto più efficace durante la navigazione sui raccordi stradali più complessi. I nomi delle vie vengono poi letti dalla voce sintetizzata in modo da aiutare l’utente a mantenere gli occhi sulla strada ed a scongiurare pericolose distrazioni.

Come esplicitato nella scheda Autorizzazioni di Google Play, TomTom per Android – una volta installato – può effettuare numerose operazioni, alcune delle quali potrebbero avere notevoli implicazioni sulla privacy dell’utente. Durante il suo funzionamento, infatti, TomTom raccoglie informazioni sulla posizione della vettura, sulla sua velocità, su provenienza e destinazione. La società assicura di utilizzare in modo rispettoso i dati registrati e di impiegarli solamente per migliorare il comportaemnto dell’applicazione.

I portavoce di TomTom hanno poi invitato tutti gli utenti di Google Android a porre la massima attenzione nello scaricare applicazioni dal servizio Play. Ci sono alcuni sviluppatori che stanno distribuendo applicazioni che non hanno nulla a che vedere con TomTom sfruttandone però nome e marchio. In questi casi, si potrà segnalare il problema a Google e richiedere un rimborso.