Autore: Hardware Upgrade RSS

Gabe Newell, il boss di Valve, ha chiarito la posizione della sua compagnia a proposito della fantomatica ‘Steam Box’, già anticipata a più riprese dalle indiscrezioni principalmente perché la stessa Valve ha già disseminato dei piccoli indizi. Newell ha, infatti, detto che Valve spera di iniziare a vendere la sua soluzione di PC gaming da salotto a partire dall’anno prossimo.

La società di Bellevue ha già lanciato la modalità Big Picture, ma gradirebbe poterla inserire in una configurazione hardware ben definita, in modo da proporre un unico tipo di offerta e portare definitivamente Steam nei salotti dei consumatori.

“Penso che molti consumatori e molti sviluppatori si siano definitivamente resi conto che il PC è il migliore ambiente in assoluto”, ha detto Newell a Kotaku. Secondo il CEO di Valve non ha più senso che la stanza del ritrovo per eccellenza continui a escludere il gaming, anzi quest’ultimo deve essere una forma di intrattenimento come le altre. Semplicemente perché la gente ormai la considera in questo modo.

Newell sostiene, inoltre, che Valve non sarà l’unica a offrire una soluzione di questo tipo, anzi entrà a far parte di un settore con fitta concorrenza. La piattaforma di Valve, inoltre, potrebbe non essere così open source, anzi la società di Bellevue reclamerebbe un certo tipo di controllo sul nuovo sistema.

“Il nostro hardware farà parte di un sistema molto controllato”, aggiunge. “Chi desidera maggiore flessibilità, potrà comunque continuare a comprare un PC tradizionale. Ma per le persone che cercano qualcosa di pronto all’uso, la nostra soluzione potrebbe essere l’ideale”.

Quello che Newell vuole suggerire è che i PC da salotto configurati in questa maniera e con queste caratteristiche potranno essere un importante competitor per le console di prossima generazione, che verosimibilmente arriveranno nella prossima stagione natalizia.