Provvedimenti a costo zero verso la grid parity del fotovoltaico


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Oltre 6.000 i posti di lavoro persi nell’ultimo anno e numerose aziende costrette a chiudere: con il V conto energia il fotovoltaico italiano sta vivendo il suo peggior periodo di sempre. Dall’Assemblea annuale di Anie/Gifi preoccupazione per la situazione attuale, ma anche voglia di guardare al futuro con positività.

“Oltre 6.000 i posti di lavoro persi nell’ultimo anno e numerose le aziende costrette a chiudere o trasferire all’estero le proprie attività. È la conseguenza di una serie di misure legislative e normative – V Conto Energia e CEI 0-21 – approvate nel giro di poche settimane che non hanno recepito le istanze dell’industria e che hanno affossato in maniera consistente un settore che ha dimostrato, in un periodo di crisi finanziaria, una dinamicità unica generando benefici enormi per il Sistema Paese.”

“Stiamo vivendo il periodo peggiore della storia del fotovoltaico italiano – dichiara Valerio Natalizia Presidente di ANIE/GIFI, la voce fotovoltaica di Confindustria – e una situazione al limite dal paradosso. Il fotovoltaico contribuisce a soddisfare oltre il 7% della produzione elettrica nazionale e allo stesso tempo abbiamo un comparto industriale che rischia di scomparire a causa di provvedimenti privi di lungimiranza che hanno ulteriormente inasprito la burocrazia e inibito quei processi virtuosi che permettevano alle aziende di pianificare investimenti sul territorio.”

Parte da questo presupposto il presidente Natalizia per lanciare l’ennesimo appello al Governo affinché intervenga con alcune misure a costo zero in grado di agevolare il raggiungimento della grid parity e rilanciare il settore. Proposte che contemplano la riduzione della burocrazia e degli oneri per l’accesso al sistema elettrico e di esercizio degli impianti fotovoltaici e un’estensione dell’attuale meccanismo di Scambio sul Posto: “Questi provvedimenti non avrebbero nessun impatto sulla bolletta elettrica, sarebbero a costo zero sia per le casse dello Stato sia per i cittadini e contribuirebbero ad abbassare i costi degli impianti per accompagnare la tecnologia alla piena competitività”.

“Auspichiamo – ha concluso Natalizia – che, almeno questa volta, i nostri interlocutori istituzionali mostrino apertura e disponibilità ad ascoltare le istanze di un settore che fino al 2011 ha dato lavoro e prosperità a oltre 100.000 persone”.

9 thoughts on “Provvedimenti a costo zero verso la grid parity del fotovoltaico

  1. A me capita spesso, molto spesso.
    Ogni volta che penso di porre una domanda su Yahoo! Answers poi la dimentico.
    A pensare che la maggior parte delle volte mi vengono in mente al mattino, appena mi alzo dal letto!

    Grazie per le risposte.
    Buona settimana e che Dio vi benedica!

  2. Che domanda vorresti porre a Silvio Berlusconi?
    Il Presidente del Consiglio, al rientro dalle vacanze, ha deciso di querelare il quotidiano La Repubblica che, da mesi, chiede che il Premier risponda a 10 quesiti.

    Se potessi ottenere una risposta, quale domanda vorresti porre a Silvio Berlusconi?

    ESPRIMETEVI LIBERAMENTE

  3. Non so se sono riuscita a porre bene la domanda…
    cosa che ne pensate di quel tipo di persona che sa adattarsi ad ogni persona diversa: cioè se sta parlando con un cafone, diventa cafone; se sta parlando con una ragazza delicata, diventa perfettino ed educato; ecc…

    voi le definireste persone false e prive di carattere personale?
    quelle persone che cambiano quasi idea a seconda della persona con cui stanno parlando…

  4. Ciao a tutti, ho qui una domanda da porre..

    Ho lasciato il cellulare in mano al mio cuginetto che deve aver sicuramente toccato qualcosa dove non avrebbe dovuto, e ora quando qualcuno mi chiama parte la suoneria normalmente, ma dopo qualche secondo pronuncia anche il nome della persona che mi sta chiamando. Come faccio a disabilitare questa cosa? In poche parole vorrei solo la suoneria senza voce! Qualcuno di voi sa come fare? 10 punti al migliore

  5. ogni giorno che passa divento più bello del giorno precedente !
    come debbo fare per porre rimedio a tutto ciò?
    quanto cattivo gusto in alcune risposte!
    invidiosi !
    non posso essere fotografato in quanto la mia accecante bellezza abbaglia tutti gli obbiettivi delle fotocamere.

    Solo il mio personale pittore di corte ha l’onore di riprodurre la mia immagine su pregiata tela.

  6. Che vantaggi reali avete ottenuto?
    Ma il Conto Energia come funziona in pratica?
    Ritenete di essere soddisfatti??

  7. Si può valutare la capacità di una risorsa idrica sotterranea e quanta acqua può fornire al giorno?
    Nel mio condominio abbiamo un pozzo sotterraneo la cui acqua viene utilizzata per irrigare il giardino. Tuttavia sappiamo che gli antichi la utilizzavano per scopi casalinghi e la bevevano pure. Si sa inoltre che si tratta di un pozzo immenso, senza fine.
    Se volessimo riutizzarlo come potremmo fare a capire se è in grado di soddisfare il fabbisogno idrico di tante famiglie, tenuto conto che il concetto di igiene si è evoluto nel tempo e l’acqua utilizzata da ciascuno è aumentata rispetto a 80 anni fa?
    Chi è lo specialista che fa le prove di portata ? In che cosa consistono le prove di portata e come si eseguomo?
    Da quelllo che dicono gli anziani del condominio , pur trattandosi di un pozzo di acqua dolce , l’acqua arriverebbe dal mare e passando attraverso diversi strati di terra si libererebbe dei suoi sali.
    In tal caso c’è da chiedersi se in effetti potrebbe essere una risorsa idrica “infinita”.Il condominio sorge in Sicilia e non dista molto dalla costa. E’ credibile una situazione di questo tipo?

  8. Quanta energia, espressa in Kwh, è necessaria per produrre un metro quadro di un pannello fotovoltaico? Intendo il processo completo: dalla produzione del silicio, purificazione dello stesso alla produzione delle giunzioni PN del pannello.

  9. Il fotovoltaico se non sugli impianti a isola è una tecnologia morta e comunque sempre più cara. A mio avviso se non per installazione mirata a vendita il cosiddetto conto energia non doveva esistere.. Che abbia creato per un periodo posti di lavoro è indubbio, ma sempre facendo danni all’economia ed ai contribuenti. Si è visto l’antieconomicità del nucleare (tecnologia in cui credo molto comunque) non capisco perché vogliono salvare un sistema che costa anche 10 volte in più. Mi auguro che mettano tetti massimi veramente minimi.
    Siete tutti di sinistra o qualcuno d’accordo con me c’è?
    Kiocciola: Ma vedi che nessuno ragiona veramente? Il vantaggio per chi si installa il fotovoltaico è evidente. Ma alle spalle dei contribuenti. Ti sembra giusto che tutti debbano pagare la bolletta sempre più cara per colpa dei pochi che hanno speculato col conto energia? Per certa gente sembra che i soldi piovano dal ciel cielo. Nucleare a parte sono sicuramente contrario al conto energia, perché i danni economici che porta sono evidenti. Ma d’altronde vi hanno fatto il lavaggio del cervello parlandovi dei soli ed esclusivi vantaggi che porta a chi lo installa, tanto per vendere vendere vendere.. Per 20 anni avremo questo cancro sulle nostre già care bollette.
    Valentina. E’ chiaro dalla tua risposta che devi portare acqua ai mulini, ma sta tranquilla (sai perché i costi si sono abbassati? perché spagna e grecia il conto energia l’hanno chiuso già da un pezzo e li gli addetti hai lavori gli hanno mandati a casa tutti). Il nucleare di cherobyl che citi è pura ignoranza. Pochi di chi fa proselitismo contro il nucleare sa le differenze enormi che passano tra una centrale occidentale ed una sovietica e l’esperimento che stavano facendo quando è esplosa (anche perché tecnicamente è impossibile su un reattore occidentale). O che fukushima era una centrale di prima generazione con gravissimi difetti (non doveva mai partire, ma la azienda produttrice a falsificato le perizie).
    http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=124&ID_articolo=1197&ID_sezione=274&sezione=

    Adesso spiegatemi come potete essere a favore nel fotovoltaico che costa OTTO volte in più del nucleare. Non faremo centrali atomiche proprio perché è una tecnologia non conveniente economicamente, ma continua la truffa ai danni dei contribuenti per il conto energia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>