Baget Bozzo, giallo sulla morte: i familiari chiedono la riesumazione della salma


Autore: Il Fatto Quotidiano

Per i familiari ci sarebbe la concreta possibilità che don Gianni Baget Bozzo, sacerdote genovese per lungo tempo consigliere politico di Silvio Berlusconi, sia stato ucciso. O comunque che la sua morte, giunta al termine di una lunga malattia, sia stata agevolata. Per questo ne richiedono la riesumazione della salma, così da consentire ulteriori e più mirati approfondimenti autoptici. A veicolare la notizia è l’avvocato Elio Di Rella che, attraverso le pagine del quotidiano genovese Il Secolo XIX denuncia che, nonostante la volontà del tribunale di Genova di effettuare gli accertamenti, non ci sarebbero i soldi per la riesumazione e l’ulteriore autopsia. Sullo sfondo l’eredità milionaria lasciata dal prete che fu intimo anche di Bettino Craxi, prima che di Berlusconi.

I beni di don Baget Bozzo sono andati tutti al suo medico curante, Patrizio Odetti, indagato per omicidio colposo. La riesumazione, a questo punto, avverrà a spese dei familiari del sacerdote. Il costo complessivo è stimato in 5mila euro e l’operazione non dovrebbe svolgersi prima del prossimo anno.

Gianni Baget Bozzo è morto l’8 maggio 2009 a 84 anni, nella sua casa di Carignano. Stava male da giorni. Il medico Patrizio Odetti, successore testamentario, gli diagnostica solo un’indigestione. Nella perizia di parte, viene scritto che “era prudenza e diligenza ricorrere al ricovero”. La procura adesso vuol capire se Odetti sottovalutò la situazione e perché. Il sacerdote, salvato da un tumore grazie ad una diagnosi tempestiva del medico, decise nel 2000 di lasciargli tutti i suoi averi, consegnando un foglietto nelle mani del notaio Rosaria Bono. Successivamente il sacerdote avrebbe redatto un nuovo testamento, svanito però nelle fasi concitate e successive alla sua morte.

6 thoughts on “Baget Bozzo, giallo sulla morte: i familiari chiedono la riesumazione della salma

  1. Ricordo che tanti anni fa lessi un bellissimo racconto di un autore contemporaneo italiano,in cui narrava la sua personale vicenda.
    Aveva perso il suo cane e lo ritrovò in un laboratorio di vivisezione, aperto con delle sonde dentro,ma vivo e muto,insieme a tanti altri.
    Il responsabile del laboratorio gli disse che i cani non si lamentavano perchè gli avevano tagliato le corde vocali.

    Non ricordo ne l’autore ne il titolo.

    Potete aiutarmi?

  2. Mi sapete dire titolo e autore della canzone dance appena uscita da poco il cui video è ambientato in una città deserta post distruzione dove ci sono una sorta di zombie che ballano e contagiano gli altri a ballare anche loro. Grazie ciao a tutti.

  3. Silvio Berlusconi dice che fa questo e quello, ma i cittadini protestano perchè affermano di non aver ricevuto gli adeguati aiuti dal governo. Certe notizie mi fanno veramente schifo: per anni e anni sono stati sperperati soldi dal governo per cose futilissime e per i tornaconti personali dei politici (indistintamente di uno o dell’altro orientamento) e ora che ci sono 65.000 persone che in un solo giorno hanno perso tutto (casa, famiglia, figli, amici) e che ora fanno la fame e vivono nelle tendopoli dal 6 aprile, i soldi non ci sono. Noi che possiamo e che non siamo stati colpiti dal sisma, facciamo gli altruisti, un piccolo gesto di donazioni può aiutare molte persone. Doniamo i soldi, quelle persone non hanno colpa degli sporchi intrugli del governo che non ha soldi per aiutarli. Aiutiamoli noi. Siete d’accordo?

  4. Come saprete, il PDL vuole sollevare un conflitto di attribuzione per spostare il processo dal Tribunale di Milano al Tribunale dei ministri.

    Il tribunale dei ministri si occupa di reati ministeriali, ossia dei reati commessi nell’esercizio delle funzioni ministeriali. Il Presidente del Consiglio NON ha, tra le sue funzioni, il potere di chiamare la questura e indurre l’affidamento di chicchesia.

    Non lo dico io, lo dice Berlusconi in persona:
    «Non ho assolutamente influenzato nessuno. Anche perché essendo io uno che sa bene quali sono i poteri che ha il Primo ministro, e in Italia non ne ha nessuno, non avrei potuto pensare di esercitare un potere che semplicemente non ho» (Silvio Berlusconi, 2 novembre 2010).

    E allora che c’entra il Tribunale dei Ministri???
    E perché sollevano un conflitto di attribuzione per spostare il processo al tribunale dei ministri???
    Ma è così facile prendervi per il cu**???

  5. BARI – “Offrivano e spacciavano cocaina durante le feste”. La Guardia di Finanza ha arrestato con questa accusa Massimiliano Verdoscia e Stefano Iacovelli nell’ambito dell’inchiesta su Gianpaolo Tarantini, l’imprenditore barese che portò le escort nella residenza romana del premier Silvio Berlusconi. L’ordinanza di misura cautelare in carcere è stata emessa dal gip del di Bari, Vito Fanizzi, su richiesta del pm Giuseppe Scelsi. L’accusa è detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 − = quattro

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>