Klimhouse 2013 visita l’Amburgo del futuro

Autore: Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Dal 24 al 27 gennaio si svolgerà a Bolzano la celebre fiera internazionale dedicata al mondo dell’architettura Klimahouse 2013, richiamando l’attenzione sull’efficienza energetica e sulla sostenibilità edilizia, anche attraverso innumerevoli congressi e tavole rotonde. Una delle più importanti novità dell’edizione 2013 sarà presentata in occasione del Congresso Internazionale del 26 gennaio, quando alla presenta dell’architetto Simona Weisleder, sarà presentato il progetto per  l’IBA Hamburg 2013, la Mostra Internazionale del costruito che vedrà quale protagonista la città di Amburgo. Si tratta di un progetto molto ambizioso ideato dall’Autority della città anseatica che affronta i più urgenti temi della contemporaneità, a partire dalle trasformazioni dei centri urbani a seguito dei cambiamenti climatici, sino ai più dettagliati piani di sviluppo che possano garantire un’elevata qualità della vita nel rispetto dell’ambiente.

Quel miglior città se non la Green Capital del 2011 Amburgo, poteva essere posta al centro di questa importante tematica. Le recenti trasformazioni dei vecchi Docks nella moderna HafenCity, hanno infatti trasformato Amburgo in un simbolo di efficienza e pianificazione smart; il progetto IBA Hamburg 2013 aggiungerà eccellenza a questa città, entrando nel merito della progettazione di 50 differenti edifici dislocati nell’area di Wilhelmsburg, l’isola sull’Elba a pochi chilometri dal centro storico. L’obiettivo è quello di rendere energeticamente autosufficiente questo quartiere entro il 2025 grazie all’impiego di sistemi integrati di energie rinnovabili ed entro il 2050 CO2 neutrale.

 

Per le innumerevoli potenzialità racchiuse in quest’area, la Fiera di Bolzano cogliendo l’occassione di KlimaHouse, ha deciso di organizzare tra marzo e novembre2013 nove visite guidate all’IBA Hamburg, attraverso una serie di tour guidati destinati sia ai professionisti che ad interessati, per mostrare direttamente sul campo, il valore e le potenzialità della progettazione e della pianificazione secondo alti standard energetici.

 

Le date in cui si svolgeranno i tour saranno:

  • 23-24 marzo 2013
  • 27-28 aprile 2013
  • 4-5 maggio 2013
  • 22-23 giugno 2013
  • 27-28 luglio 2013
  • 10-11 agosto 2013
  • 14-15 settembre 2013
  • 12-13 ottobre 2013
  • 14-15 novembre 2013

 

7 thoughts on “Klimhouse 2013 visita l’Amburgo del futuro

  1. Nel frattempo che mettono la crack funzionante di football manager 2013,vorrei sapere se qualcuno conosce un altro gioco simile a questo..

  2. I depressi sono sempre più in aumento e forse non è un luogo comune il detto:si stava meglio quando si stava peggio!

  3. Vorei sapere il titolo e autore di questo pezzo Jazz che ho già sentito in diverse sigle di diversi programmi.
    Linko un video usato da un sito giornalistico-amatoriale dove all’inizio e alla fine è presente la musica.
    http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=63820
    Magari se mi fate sapere invece anche da quali altri programmi è usata completate la domanda da punteggio pieno. Grazie

  4. Io ho 2 figlie e per averle sopratutto la prima ho faticato e pregato tanto San Pio e magari poi in un altra domanda raccontero’ per adesso leggete quest’ articolo e dite quello che ne pensate…

    R. COLOMBO

    XII ASSEMBLEA GENERALE
    CONGRESSO INTERNAZIONALE
    “L’EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO”
    Il processo di fecondazione e le sue fasi. Dai gameti dei genitori all’embrione unicellulare

    Nell’introduzione al suo storico saggio del 1930, The Interpretation of Development and Heredity, Edward Stuart Russell rammentava al lettore che il “problema dello sviluppo è indiscutibilmente uno dei più difficili e affascinanti di tutta la sfera della conoscenza. Che da un minuscolo germe dotato di una struttura relativamente semplice si sviluppi gradualmente, attraverso una serie di processi meravigliosamente coordinati nello spazio e nel tempo, la complessa organizzazione dell’adulto, è cosa che non ha mai cessato di suscitare lo stupore del genere umano. Questo problema ha rappresentato una sfida incessante all’intelletto umano, e molte e disparate sono le teorie inventate per spiegarlo. Esso si annovera fra i problemi principali della biologia”.[1] Lo “stupore del genere umano” per i “meravigliosi processi” che intervengono nel concepimento e nello sviluppo dell’essere umano è espresso in maniera viva e appassionata dal Salmista: “Sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre. Ti lodo, perché mi hai fatto come un prodigio; sono stupende le tue opere”.[2] Fra gli scienziati che hanno dedicato tutta la loro vita professionale a indagare come l’embrione si formi e si sviluppi diventando prima un feto e poi un adulto, vi è una comune sensazione che Lewis Wolpert esprime in modo conciso ed efficace con queste parole: “Chiunque studi lo sviluppo non può non sentirsi colmare da un senso di stupore e di letizia. Lo sviluppo dell’embrione è un processo davvero notevole, e comprenderlo nulla toglie a quel senso di stupore”.[3] Una breve panoramica della biologia della riproduzione umana e delle prime fasi dello sviluppo embrionale è già presente negli Atti della III Assemblea della Pontificia Accademia per la Vita,[4] e la conclusione generale che è stata tratta è tuttora coerente con le più recenti evidenze scientifiche sul processo di fecondazione: “Alla fusione dei due gameti, un nuovo reale individuo umano incomincia la propria esistenza”
    http://www.academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/embr_preimp/colombo/colombo&lang=italiano

    qui c’e molto di piu’ , vi invito a leggerlo!
    comunque e’ certo che se mia madre avesse abortito quando ero solo una o piu’ cellule io non sarei qui…..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = dodici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>