Sumflower e la floricultura diventa sostenibile

Autore: Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Questo gennaio il ministero dell’ambiente dedica la sua pagina di approfondimento del programma europeo LIFE+, ad un’iniziativa particolare. Il progetto, arrivato al suo terzo anno di attività, si chiama SUMFLOWER (Sustainable Management of Floriculture in Western Riviera) ed è stato lanciato con l’obiettivo di creare un sistema sostenibile di gestione per la floricoltura e l’orticoltura ornamentali. L’iniziativa ha un approccio olistico abbracciando, oltre ovviamente la componente ambientale, anche quella economica e sociale caratterizzante il territorio di Riviera di Ponente.

 

Nel dettaglio SUMFLOWER sta realizzando ha analizzato, valutato e ridotto i principali impatti ambientali della floricoltura migliorando l’efficienza, senza trascurare la redditività, assistendo le PMI del comparto nell’applicazione delle migliori tecniche disponibili, delle tecnologie e pratiche innovative al fine di garantire il rispetto delle norme nazionali e dei regolamenti comunitari in materia di ambiente. Il progetto intende mostrare con misure quantitative, nel quadro della strategia di Göteborg, le opportunità e i vantaggi derivanti da una floricoltura sostenibile e provvederà inoltre a testare e migliorare i metodi attuali di certificazione da fornire ai prodotti della floricoltura, con un valore aggiunto sia in termini di qualità e sostenibilità.

Sumflower e la floricultura diventa sostenibile ultima modifica: 2013-01-07T12:33:15+00:00 da admin

Una opinione su “Sumflower e la floricultura diventa sostenibile

  1. Io tra due anni prenderò il diploma di ragioneria. Dopo aver preso il diploma posso entrare nell’aeronautica militare? O bisogna aver fatto l’ istituto tecnico aeronautico?

    Come posso entrare?

    Un pilota militare può sperare di diventare un pilota di linea?

    Sinceramente mi piacerebbe molto di più fare il pilota di linea.

    Grazie per le risposte

    Solo risposte serie.
    peppe, perché scrivi risposte cretine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine