Autore: Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Pechino ha ufficialmente dichiarato di voler offrire agli automobilisti incentivi per l’acquisto di nuovi veicoli elettrici. Il valore del sussidio dovrebbe equivalere all’incirca a 10mila dollari per ogni vettura, con la speranza di riuscire a stimolare il mercato degli EV e contribuire a smuovere l’economia della Repubblica e a ridurre le emissioni inquinanti prodotto dal settore trasporti.

 

Il paese che vanta il triste numero di 16 tra le città più inquinate al mondo sta cercando di dare uno stimolo in più alla popolazione affinché riescano a collaborare per la riduzione dell’inquinamento atmosferico. Sostenere l’acquisto di veicoli ecologici servirà alla Cina per avvicinarsi all’obiettivo di vendita di 500 EV fissato al 2015 per poi passare all’ancora più ambizioso traguardo: 5 milioni di vetture elettriche entro il 2020.

Ma cosa sta bloccando le vendite dei veicoli ad alimentazione elettrica? Oltre ai costi spesso elevati degli EV a scoraggiare i guidatori cinesi anche la mancanza delle necessarie infrastrutture di ricarica, che rende insicuri i viaggiatori.

Insieme ai veicoli elettrici il governo cinese ha dichiarato di voler sostenere l’acquisto di soluzioni ibride plug-in provvedendo anche ad aumentare il numero degli autobus ecologici all’interno della flotta di trasporto pubblico, di taxi elettrici e di vetture green della nettezza urbana.