Corso di formazione – Produrre e distribuire pellet secondo gli standard europei. La certificazione ENPLUS


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Corso di formazione

Produrre e distribuire pellet secondo gli standard europei. La certificazione ENPLUS

Giovedì 14 febbraio 2013
ORE 9.45 – 17.00

Sala convegni palazzo Veneto Agricoltura – Agripolis / Legnaro (Padova)

IEL, membro dell’European Pellet Council e associazione nazionale responsabile dell’attuazione di ENplus in Italia, organizza in collaborazione con Holzfoschung Austria, ente di ricerca nel settore del legno ed ente ispettivo accreditato per il sistema ENplus, ed ENAMA, ente ispettivo accreditato nonché organismo di certificazione convenzionato per il rilascio di ENplus, questo corso di formazione, nell’ambito del progetto IEE SolidStandards, con l’obiettivo di fornire agli operatori del settore le principali indicazioni teorico-pratiche affinché possano ottenere la certificazione ENplus, basata sulle norme europee UNI EN 14961-2 e UNI EN 15234-2, l’unico sistema di garanzia sia della qualità del pellet sia del sistema distributivo, con particolare riferimento alla fornitura in autobotte.

Il corso è gratuito e destinato a un numero massimo di  40 partecipanti.

Programma e altre informazioni (pdf)

Per iscrizioni: www.enplus-pellets.it/iscrizione-corso-formazione-14-febbraio-2013.html

 

2 thoughts on “Corso di formazione – Produrre e distribuire pellet secondo gli standard europei. La certificazione ENPLUS

  1. qualche buona critica o recensione, la pubblicità martellante, la copertina, la trama, la presentazione del libro, un intervista all’ autore…etc ?
    Questo mi fa pensare che non lo acquistereste mai :-)

  2. A un mio amico arrivò qualche mese fa una lettera a casa di una azienda di cui non faccio il nome con sede a Padova che gli proponeva un corso di formazione di disegno CAD della durata ore di 70 con il successivo stage formativo presso un azienda del posto. Il mio amico interessato si presentò a colloquio con il direttore del centro che gli sottopose da firmare un foglio a sua detta che era l’ iscrizione, il mio amico firma, dopo due gg si rende conto di essere caduto in una truffa poiché invece che una iscrizione quel foglio era un vero e proprio contratto che prevedeva di per sé il versamento di € 280. Manda via una lettera di rescissione del contratto solo che la manda per posta ordinaria invece che per raccomandata, la lettera non arriva, a detta del direttore ma comunque non avrebbe avuto alcun valore perché questi atti devono essere fatti tramite raccomandata. Intanto passa un mesetto, il direttore lo richiama e gli dice che adesso lui è iscritto al corso che parte a breve e deve pagare € 1.900, il mio amico dice che non dispone di questa somma e allora il direttore gli propone due alternative: o gli paga un 70% della somma e non partecipa al corso o paga all’intero della somma e vi parteciperà il prossima anno, secondo voi c’è un modo per rimediare a questa situazione??

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 7 = due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>