Apple riga dritto dopo Foxconn, la Grande Mela contro il lavoro minorile

Autore: Gadgetblog.it

Apple

Apple ha imparato bene la lezione di Foxconn, azienda cinese conosciuta da tutti, ormai, per sfruttare senza ritegno tutti i suoi dipendenti (passerà alla storia, per esempio, lo scandalo che ha coinvolto Nintendo l’anno scorso). Ecco perché non può permettersi di sbagliare nuovamente: “trasparenza” e “rispetto” sembrano essere diventare le parole chiave del rapporto fra la compagnia e i terzi che con questa entrano in contatto. Scoprite assieme a noi perché. 

Apple ha pubblicato un rapporto in cui sottolinea che tutte le relazioni con aziende che sfruttano la manodopera minorile verranno meno in questo 2013. A Cupertino, infatti, sono intenzionati a sospendere qualsiasi intesa con Guangdong Real Faith Pingzhou Electronics: l’azienda avrebbe commesso ben settantaquattro violazioni l’anno scorso, tutte legate allo sfruttamento del lavoro minorile; ma non è finita qui: oltre ad aver cessato qualsiasi rapporto, Apple ha pensato bene (per fortuna) di denunciare l’agenzia di lavoro che forniva la manodopera all’azienda, soddisfacendo alla grande le aspettative.

I bambini – ha spiegato la compagnia – sono ritornati presso le loro famiglie, mentre a Guangdong Real Faith Pingzhou Electronics è stato richiesto di provvedere alle spese di viaggio per facilitare il ritorno a casa”.

Speriamo che questioni del genere diventino, in un lontano domani, soltanto un ricordo…

 

3 thoughts on “Apple riga dritto dopo Foxconn, la Grande Mela contro il lavoro minorile

  1. Quando leggi un libro del tuo autore preferito riesci a giudicarlo in modo obiettivo o ti senti condizionato e tendi quindi a difenderlo ad ogni costo o a non vederne i difetti?
    C’è un libro del vostro autore preferito che non vi è piaciuto?

    Buona serata.

  2. Per l’estate mi manca da leggere un libro che per forza deve essere di un’autore italiano, qualcuno mi sa consigliare qualche romanzo di un autore italiano che abbia un po’ di avventura, che non sia un libro troppo incentrato su storie d’amore e sentimentalismi, che non sia un poliziesco e che non sia ambientato nel ‘900? Non mi ispirano molto i libri che parlano delle due guerre mondiali, ho sempre letto libri fantasy come Lo Hobbit o Orchi, e racconti ambientati in quei contesti non mi ispirano tanto. Comunque ho appena finito di leggere Delitto e Castigo di Dostoevskj e mi è piaciuto molto ma non mi sembra di aver visto molti libri simili di autori italiani.

  3. Cerco titolo e autore di un libro per ragazzi, letto parecchi anni fa, edito da Salani nelle edizioni Gl’Istrici. Era la storia di un ragazzino in uno strano collegio, enorme e labirintico, con migliaia di stanze. Mentre esplora questi infiniti corridoi incontra un ragazzo che vive sotto una campana di vetro…. lo stile è quello surreale di Roald Dahl, ma non credo sia lui l’autore.
    Grazie a chiunque saprà aiutarmi!
    mi rendo conto di non avere molte informazioni… posso solo aggiungere di averlo letto alla fine degli anni ottanta…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ due = 8

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>