Francia: primo edificio al mondo Leed, BREEAM e HQE

Autore: Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Il primo edificio al mondo ad essere stato accreditato secondo i tre più importati sistemi di certificazione rispettivamente BREEAM, Leed e HQE, si trova in Francia e precisamente nella cittadina di Guyancourt, poco distante da Versailles. Si tratta della sede della società Bouygues Construction, in particolare l’edificio “Challenger” soprannominato il Triangolo del Nord, costruito nel 1988 ed oggetto di un importante intervento di ristrutturazione che gli consentirà di raggiungere risultati sorprendenti. Iniziati nel 2010 i lavori dovrebbero terminare entro il 2014, trasformando Challenger in un fiore all’occhiello della società di costruzione, arrivando ad abbattere le emissioni di anidride carbonica di oltre il 90%, riducendo i consumi idrici del 60% ed abbattendo i consumi di energia primaria di oltre il 10%.

Il progetto di ristrutturazione è stato firmato dalla SRA Architecture a cui è spettato il difficile compito di riuscire a puntare alla massima efficienza, conciliando per altro le richieste specifiche di ciascuno dei tre differenti sistemi di rating:

 

  • BREEAM “excellent” ( Regno Unito), questo sistema di certificazione richiede un’attenzione particolare alla conservazione della biodiversità, per questo motivo è stata installata una vasca per la fitodepurazione delle acque meteoriche e delle acque grigie, depurando naturalmente il sito oggetto dell’intervento;
  • LEED Platinum (Stati Uniti), sottolinea l’importanza della qualità dell’aria indoor, escludendo perciò la presenza di VOC e di formaldeide, privilegiando materiali naturali prevenienti da una distanza massima di 800 km dal sito di progetto e favorendo soluzioni di riciclo. Inoltre questo sistema richiede un monitoraggio esclusivo dei consumi energetici nel rispetto di standard internazionali quale ad esempio il sistema ASHRAE;
  • HQE (Francia), punta all’impatto ambientale, monitorando l’intero ciclo di vita di tutti i materiali utilizzati per costruire l’edificio.

 

Per raggiungere simili livelli di efficienza, la ristrutturazione ha riguardato tutti i componenti dell’edificio, a partire dalla sostituzione della vecchia facciata vetrata con una facciata a doppia pelle, fino ad arrivare all’inserimentodi soluzioni tecnologiche per produrre energia pulita e ridurre gli sprechi.  Challenger arriverà ad avere oltre 21.500 mq di pannelli fotovoltaici, 420 mq di pannelli solari, 75 sonde geotermiche ed un impianto di fitodepurazione.

 

Ristrutturazione del Triangle Nord è solo l’inizio di un operazione di riqualificazione che coinvolgerà tutti gli edifici della società Bouygues Construction.

8 thoughts on “Francia: primo edificio al mondo Leed, BREEAM e HQE

  1. Ciao, sapete per caso il titolo e autore del pezzo rock, fishiettato nel ritornello che si sente come musica di fondo nell’applicazione fiat 500 video configurator del sito della fiat 500 (quando costruisci la tua 500 come vuoi)?

    10 punti a chi mi risponde giusto!

  2. E’ per una tesina di matura, mi piacerebbe trovare il commento o qualche articolo di un autore italiano di quel periodo, che rientri possibilmente nel programma di italiano di quinta superiore, grazie :)

  3. Mi spiego, se qualcuno fa un danno all’edificio incolpando voi, con l’intento di lucrarci per sistemarlo, cosa occorre fare rivolgersi ad un avvocato o alle forze dell’ordine? Grazie
    Come mai due pareri opposti? Chi ha ragione????
    Grazie michele e Daniele, anche io ero dello stesso avviso :)) ma desidero anche altri pareri ;)

  4. Volevo avere delle delucidazioni in merito ad una legge.
    Questa legge a quanto ho capito dice che l’altezza di un edificio adiacente ad una strada deve essere pari o inferiore alla larghezza di quest’ultima.
    Per facilitare le cose:
    ad esempio avendo un terreno coperto su 2 lati, nei lati scoperti ho una strada di 6mt larga e una di 9mt, supponendo che alzo di 2 piani (quindi 6mt). Dato che ancora nel lato di 9mt posso ancora alzare, volendo fare un terzo piano di quanto devo rientrare nel lato di 6mt per poterlo fare?
    Spero di essere non essere stato confusionario!!!
    Potete allegare la legge o spiegarmi esattamente come funziona? Grazie

  5. ciao a tutti!
    sto cercando di calcolare il coefficiente di esposizione ce, ho trovato la categoria di esposizione e tutto il resto, solamente che non capisco cosa si intenda, nella formula, z, cioè la quota dell’edificio a cui si calcola la pressione del vento. sarebbe l’altezza del mio edificio??
    e siccome è a tetto piano con un rialzo centrale che sono le scale che arrivano sul tetto, devo prendere l’altezza massima, cioè quella del cubo al centro più alto rispetto al resto della copertura o quella della copertura piana? grazie mille;)))

  6. nel mio paese è stata demolita solo una parte di un edificio in muratura, grazie ad una ordinanza sindacale (l’edificio è stato considerato pericolante viste le crepe sui muri) ,ora però ho paura riguardo problemi di stabilità della parte di edificio rimasta, la demolizione ha compreso i due piani dell edificio e la parte restante ha assunto una forma ad “L” per intenderci.
    Mi sono rivolto al comune, ma è possibile che non hanno un progetto di demolizione o qualcosa di simile per capire che hanno combinato?
    Sono un prossimo ingegnere, volendo valutare l’attuale stabilità dell’ edificio cosa dovrei fare?

  7. Non è un problema di terreno ma di calcestruzzo delle fondamenta quasi del tutto privo di cemento e con molte pietre di media pezzatura.
    Il resto dell’edificio è in buono stato (precedente ristrutturazione senza tener conto delle fondamenta carenti)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


1 × = sei

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>