Nuovo iPad da 128GB di quarta generazione all’orizzonte? Nuovi rumor confermano l’ipotesi

Autore: Gadgetblog.it

Potrebbe esserci un nuovo iPad dal formato classico all’orizzonte, ma stando a quanto si legge per la rete si tratterebbe di un modello molto simile a quello che già conosciamo tranne per la capienza: 128 ampi gigabyte su cui salvare tanti, tantissimi dati. Ad alimentare il mulino del pettegolezzo è stato 9TO5MAC, che poche ore fa ha pubblicato alcune sigle provenienti da 4 nuovi misteriosi modelli in arrivo presso un grosso rivenditore. Continua dopo la pausa.

La decodifica delle sigle ci fa capire che abbiamo a che fare con due modelli sia in bianco che nero, nelle due classiche versioni solo Wi-Fi e connettività cellulare. Non c’è nessuna menzione esplicita verso la nuova capienza se non la parola “Ultimate”, nella colonna delle descrizioni.

Cos’è Ultimate? L’azienda è nota per identificare i vari tagli dei suoi tablet con aggettivi — ma non qui da noi, a meno di essermi perso qualcosa nella versione localizzata italica — e Ultimate a rigor di logica va a collocarsi esattamente dopo Good (16GB), Better (32GB) e Best (64GB).

Un’ipotesi fattibile, resa ancora più plausibile dagli avvistamenti di non meglio identificati dispositivi da 128GB nei meandri (ma evidentemente celati in modo non così efficace) sia di iOS 6.1 che in iTunes 11.

L’ultima domanda che viene da porsi è… perchè? 9TO5MAC non esclude che potrebbe trattarsi di un modello riservato alle agenzie governative, rivenditori o altri usi specifici e quindi non destinato al grande pubblico, ma potrebbe essere anche un modo per proporre qualcosa di nuovo e migliore, da annunciare nelle prossime settimane e contrapporre all’uscita dei nuovi Surface con Windows 8 Pro di Microsoft, in arrivo il 9 febbraio in alcuni mercati. O forse, la risposta è semplicemente perchè Apple può.

Via | 9TO5MAC

 

2 thoughts on “Nuovo iPad da 128GB di quarta generazione all’orizzonte? Nuovi rumor confermano l’ipotesi

  1. Sto cercando il nome di un autore che per le traduzioni delle sue opere in lingue straniere ha fatto tutto da solo, senza ricorrere all’aiuto di traduttori esterni.

  2. La percentuale che dovrebbe percepire un autore sulla vendita di un suo libro edito da una casa editrice si aggira tra il 10 e il 20% dei guadagni complessivi. Ma questa percentuale viene recepita subito, dalla prima tiratura (anche di sole 200 o 300 copie) o dalla seconda in poi? Se il libro non dovesse vendere quelle 200 o 300 copie iniziali, non ci sarà mai una seconda tiratura, vero? e per quanto riguarda il pagamento della percentuale, come fa la casa editrice a darti quel 10 – 20% dei guadagni? te lo invia per posta?
    Rispondete se avete già una o più pubblicazioni alle spalle e accendete stelline per farla girare se non sapete rispondere. Grazie a tutti!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>