Videogiochi anche in Cina, dopo Apple festeggiano le case di sviluppo?

Autore: Gadgetblog.it

videogiochi cinaSembravano destinati a non vedere più i videogiochi, i cinesi, eppure qualcosa starebbe cambiando. Forse consapevole degli introiti che potrebbero derivarne – anzi, quasi sicuramente – il governo starebbe pensando di aprire le porte non soltanto alle console della nuova generazione ma anche a quelle già rilasciate sul mercato (certo, pare difficile pensare a un facile accordo con Nintendo e con diversi competitor, vista l’origine tutta nipponica delle case di sviluppo).

La notizia è trapelata dal China Daily e ha colto di sorpresa veramente tutti, perché nel 2000 furono ben sette i membri del governo a impedire ai produttori di rilasciare sul mercato qualsiasi tipo di console; da allora i cinesi hanno dovuto adattarsi come meglio potevano, e cioè ora utilizzando Personal Computer e Mac (quindi emulatori e programmi del genere) ora dispositivi mobile (che, però, non regalano la stessa esperienza di gioco).

Va detto, comunque, che il quotidiano cinese non ha parlato di notizie certe e che la fonte non si è detta sicurissima dei cambiamenti che il governo intende adottare. Fatto sta che, qualora dovesse succedere, Sony, Microsoft e Nintendo – e con loro tutte le software house – non potrebbero far altro che esultare: il mercato cinese è uno tra i più ambiti (pensate alle posizioni espresse da Apple) ed è anche quello di massima espansione al giorno d’oggi. I guadagni che ne deriverebbero, insomma, sarebbero altissimi.

Censura, permettendo…

 

2 thoughts on “Videogiochi anche in Cina, dopo Apple festeggiano le case di sviluppo?

  1. mi consigliate un libro o un autore di celebri poesie che parlano della natura e del rapporto tra uomo e natura, devo associare queste poesie a delle fotografie, quindi mi serve qualcosa che evochi delle immagini. Cmq mandatemi tutto quello che a voi piace e ha creato delle particolari emozioni! XD grazie mille

  2. Ho girato un video che devo pubblicare sul mio sito, ovviamente da vedere in streaming. Vorrei montare della musica, ma non so se devo rispettare i diritti d’ autore e se devo pagare qualcosa. Qualcuno sa aiutarmi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>