Ingroia, Boccassini e Falcone: ecco la verità

Ingroia, Boccassini e Falcone: ecco la verità

Autore: Uploads by IDVstaff

http://www.italiadeivalori.it

http://www.rivoluzionecivile.it

30 gennaio 2012, Antonio Di Pietro analizza la vicenda Ingroia-Boccassini, spiegando perchè la polemica non ha ragione d'esistere.

From:
IDVstaff
Views:
192
4
ratings
Time:
01:27
More in
News & Politics

5 thoughts on “Ingroia, Boccassini e Falcone: ecco la verità

  1. Sono appassionato dei Led Zeppelin e ho creato un account di posta elettronica con scritto jimmypage@…. .it, Jimmy Page è il nome del chitarrista di questo gruppo, mi potrebbero dare dei problemi con i diritti d’autore o con il copyright??

  2. L’esecutivo sta approvando provvedimenti che l’ex Di Pietro pm non esita a definire un «poker di porcherie» in stile sudamericano, azzardando anche un paragone alla nascita del nazismo nella Germania degli anni Trenta. E per questo chiede al presidente della Repubblica di intervenire per fermare in anticipo quella che il leader dell’Idv considera una nuova «mortificazione del Parlamento».

    «STRAPPO ALLA COSTITUZIONE» – Lo fa in una lettera aperta al Quirinale in cui si punta il dito contro Palazzo Chigi e la maggioranza. «Signor Presidente – si legge nella missiva indirizzata a Napolitano che Di Pietro pubblica sul proprio blog- ci sia permesso segnalarLe, nella sua qualità di garante della Carta Costituzionale, che, a nostro avviso, il Governo Berlusconi sta per porre in essere un altro strappo alla Costituzione. Egli ha già piegato a sè il Parlamento con il ricorso massiccio ai decreti legge e al “voto di fiducia obbligato”. Ha già occupato l’informazione pubblica e privata in totale conflitto di interessi. Ha già mortificato, con il Lodo Alfano e con l’altra miriade di leggi ad personam che ha imposto, il principio dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. Ora, con un colpo solo, si accinge ad un “poker di porcherie” degno del peggior modello argentino: la nomina dei componenti del Consiglio di amministrazione della Rai, la modifica dell’organo di autogoverno della Corte dei Conti, la limitazione delle intercettazioni telefoniche, la modifica dei regolamenti parlamentari».

    «SENZA PIU’ CONTROLLI» – «Occupando la Rai – denuncia Di Pietro – i cittadini non potranno pi sapere quel che accade nelle segrete stanze del potere e non potranno più esercitare alcun controllo democratico. Modificando i componenti della Corte dei Conti che ha il compito specifico previsto dalla Costituzione di controllare i conti della Pubblica Amministrazione – si mette anche tale organismo sotto il controllo dell’Esecutivo che, quindi, potrà falsificare a proprio piacimento i bilanci dello Stato senza che nessuno possa impedirglielo. Limitando indiscriminatamente le intercettazioni telefoniche si impedisce alla magistratura di fare il proprio dovere e di contrastare efficacemente la criminalità organizzata. Stravolgendo i regolamenti parlamentari si impedisce all’opposizione di esercitare i suoi diritti costituzionali e si riduce il Parlamento ad un semplice zerbino dell’Esecutivo».

    IL PARAGONE CON IL NAZISMO – «Quello che sta avvenendo nel nostro Paese, ad opera dell’attuale Governo – denuncia ancora Di Pietro – sembra ricalcare pi le orme del partito nazionalsocialista tedesco degli anni ’30 che quelle di una democrazia fondata sul diritto. Ci sia premesso di chiederle rispettosamente ma con fermezza di non rimanere in silenzio e di intervenire per evitare questo scempio della democrazia. Prima che sia troppo tardi».

    Sono d’accordo con Antonio Di Pietro, seguite il suo forum su italiadeivalori.it
    è molto interessante
    cosa vuol dire? sei d’accordo nella sostanza ma non ti piacciono le parole, così come sono messe?
    lord, ma gli italiotti non capiscono nulla
    come mi spieghi il nano premier?
    ti immagini il nano premier in Germania o in Inghilterra? impossibile, nemmeno lo candiderebbero

    Di Pietro deve usare questo linguaggio, perchè sennò il popolo capra italiotta non capisce
    è la paura tua e di tutti quelli che hanno un po di buon senso
    lord non ti offendere, ti capisco..
    ma capisci bene come ragiona l’italiotta medio, rincitrullito da anni e anni di mediaset

  3. Antonio Di Pietro da magistrato fu protagonista di episodi eticamente disprezzabili: si fece prestare centinaia di milioni di lire senza interessi da imprenditori inquisiti, altri misero a sua disposizione un appartamentino a Milano dietro Piazza Duomo, altri gli regalarano una Mercedes. Il CSM lo avrebbe sicuramente sospeso dalla Magistratura perchè un comportamento del genere per un magistrato è altamente scorretto e lui si dimise in maniera plateale adducendo motivazioni incomprensibili. Non riesco a capire come mai Marco Travaglio, accanito sostenitore dei comportamente eticamente corretti nonchè persecutore degli affaristi, stimi tanto Di Pietro che ha sempre dimostrato di essere uno scaltro arraffone!
    Certo, so bene che non è stato condannato, ma quei favori sono stati riconosciuti, anche se non si poteva materialmente dimostrare che lui contraccambiasse. Resta che lui si è dimesso dalla magistratura perchè lì il suo comportamneto sarebbe stato giudicato altamente scorretto e non idoneo alla professione. Che centra Berlusconi? Quei fatti ci sono e non sono secondo me segno di una persona stimabile. Questo è il senso della mia sincera domanda.
    Noto che molti di voi non leggono quello che ho scritto nella domanda e nei dettaglii. CHE SIA STATO ASSOLTO LO SO E L’HO DETTO E RIDETTO. Ma quei grossi favori non sono mai stati smentiti nè da lui nè da altri, le prove dei favori ci sono – eccome – anche se mancano le prove del fatto che lui ha favorito qualcuno in cambio. Infatti Di Pietro si è dimesso dalla magistratura perchè l’organo di autoregolamentazione della stessa (il CSM) lo avrebbe sospeso. Tant’è vero che quando vennero fuori i favori ricevuti si affrettò a restituire i soldi avuti in “prestito” dagli inquisiti. RIferito ad un magistrato, vi sembra un comportamento dignitoso? A Travaglio un magistrato che si comporta così sembra dignitoso?

  4. Fini Gianfranco e Di Pietro Antonio, gli italiani non li hanno votati, e , per la prima volta dopo decenni, non potranno sedere sugli scranni del parlamento.
    Cercate di mettervi nei loro panni, tutto quel tempo libero: secondi, ore , minuti, giorni , mesi…senza non poter più contribuire al teatrino parlamentare.
    Un baratro insomma…
    Vorrei che voi mi scriveste suggerimenti, da girare ai suddetti ,per impiegare il loro tempo libero.
    Proposte?

  5. Adesso fanno tutti quadrato intorno al cavaliere, ma se si osserva bene si vede che lui ha la faccia infrattata di un colore rosso che sia sangue o meno è impossibile accertasene, ma riflettendo avendo preso un colpo forte dal naso doveva scorrere sangue mentre non si è sporcato neanche la camicia, il sangue che teneva sulla faccia non era liquido, se già era salito sulla macchina perché è uscito nuovamente ed esporsi con l’ aiuto mettendosi in pericolo? Perché la macchina è rimasta ferma e non è partita verso il primo soccorso?
    Sto pensando che Di Pietro ha ragione di dire quello che ha detto!!!
    E voi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 1 = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>