L’UE annuncia i finalisti del Premio l’architettura contemporanea

Autore: Rinnovabili

(Rinnovabili.it) – Sono stati annunciati i nomi dei cinque finalisti che concorreranno al Premio dell’Unione europea per l’architettura contemporanea Mies van der Rohe 2013, organizzato dalla Commissione Europea e dalla Fondazione Mies van der Rohe.

Tutt’altro che secondario a livello europeo, il settore dell’architettura e della creatività, garantiscono da soli circa mezzo milione di occupanti, essendo i responsabili di circa il 4,5% del PIL dell’UE. Giunto alla sua 13° edizione il Premio si inserisce esattamente in questo contesto, mettendo in risalto con cadenza biennale, i progetti che meglio hanno saputo investire nel settore dell’innovazione tecnologica e urbana.

 

“Abbiamo un enorme bagaglio di talenti nell’architettura europea che è un esempio luminoso del dinamismo dei nostri settori culturali e creativi. Nel contempo ci rendiamo conto però che l’industria dell’architettura si trova ad affrontare importanti sfide a causa del rallentamento dell’economia. La Commissione europea e la Fondazione Mies van der Rohe sono impegnate a sostenere questo settore che dà un importante contributo all’economia e alla creazione di posti di lavoro oltre a produrre opere di grande bellezza e a contribuire alla coesione della nostra società. Continueremo a sostenere l’architettura, anche attraverso questo Premio, per il tramite del futuro programma Europa creativa“ ha affermato Androulla Vassiliou, Commissario europeo responsabile per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù.

 

Tra i 335 partecipanti al concorso provenienti da ben 37 differenti Paesi, i cinque vincitori selezionati sono stati:

 

Municipio, Ghent, Belgio
Architetti: Robbrecht en Daem architecten; Marie-José Van Hee architecten

 

Superkilen (parco urbano interculturale), Copenaghen, Danimarca
BIG Bjarke Ingels Group; Topotek1; Superflex

Inaugurato a fine dello scorso anno, Superkilen è un esempio di riqualificazione urbana e sociale perfettamente riuscita, un vero e proprio parco multietnico, destinato a valorizzare l’attenzione al riciclo, all’integrazione sociale e all’efficienza energetica.

 

Harpa – Sala concerti e centro conferenze di Reykjavik, Reykjavik, Islanda
Batteríid Architects; Henning Larsen Architects; Studio Olafur Eliasson

Una scatola di cristallo, realizzata attraverso una struttura alveare in mattoni di vetro, che permettono alla luce naturale di inondare gli spazi interni, perfettamente integrata alle soluzioni tecnologiche adottate per l’efficienza acustica ed energetica.

 

Casa per anziani, Alcácer do Sal, Portogallo
Aires Mateus Arquitectos

Una micro comunità racchiusa in un candido involucro bianco, a ricordare la tradizione portoghese e per ridurre il guadagno solare dell’edificio. Tetti verdi, e percorsi interni rendono la struttura efficiente sotto tutti i punto di vista, con grandi aperture vetrare rigorosamente protette dalla luce diretta del sole.

 

Metropol Parasol (spazio culturale e commerciale), Siviglia, Spagna
J. Mayer H.

Una gigantesca struttura lignea, che protegge la piazza sottostante dal caldo sole di Siviglia, richiamando l’attenzione di turisti e cittadini, per riqualificare uno spazio urbano e

13 thoughts on “L’UE annuncia i finalisti del Premio l’architettura contemporanea

  1. anche qualche autore nordico,ma qualcuno che scriva senza troppi idiomi,il mio livello d’inglese è un buon intermedio

  2. Sto cercando il titolo di un libro francese in cui il protagonista (il testo mi sembra sia ambientato nella Francia fra il Settecento e l’Ottocento) è un uomo che dice sempre la verità a tutto e a tutti.
    Il messaggio centrale di questo volume è il seguente: “Un uomo che dice sempre la verità, è un uomo che si trova costantemente in mezzo ai pasticci”.
    Così mi diceva il mio professore di lettere e storia, ma non ricordo più il titolo e soprattutto l’autore di questo libro. Grazie.

  3. Sono intollerante alla scuola, e in generale all’ idea che qualcuno che non sia io abbia la presunzione di giudicare la mia cultura( forse sarà la mia una presunzione, ma sono convinta di quanto ho scritto). Ci sono poi materie che dovrebbero essere bandite, o per lo meno l’ approccio ad esse dovrebbe essere rivisto. In particolare, una delle materie più drammatiche nel modo in cui vengono studiate credo sia l’ italiano: ho visto poesie e romanzi( studiati in un secondo momento per me, e non per un’ interrogazione) privati della loro anima, e ridotti a semplici e inutili nozioni.

    Al di là di una mia opinione più o meno condivisibile, avete mai avvertito come estranei autori e opere che amate nel momento in cui vi sono stati presentati dai vostri professori?

    Fino a pochi giorni fa non avevo mai sperimentato questa terribile sensazione. L’altra mattina la mia insegnante ha presentato il mio amato Pirandello come “l’ autore del doppio, facile da inserire in un percorso d’esame”: mentre si cimentava nel suo monologo, mi sono sentita ferita, oltraggiata perché potesse ridurre il suo genio alla struttura delle novelle e alla ricezione dei romanzi del Novecento. Dopo quest’ esperienza, si è rafforzata( se ce ne fosse stato bisogno, aggiungerei) la convinzione che quando Pirandello o Leopardi o altri scrivevano, non avrebbero mai pensato nè voluto che le loro creazioni fossero così brutalmente stuprate.

    Grazie delle risposte.

    P.S. So bene che non tutti gli insegnanti privano gli autori della loro essenza, ma so altrettanto bene che spesso è la struttura stessa della scuola a far sì che succeda.
    Buona serata a te, Alice. ^_^

  4. Ricordo che tanti anni fa lessi un bellissimo racconto di un autore contemporaneo italiano,in cui narrava la sua personale vicenda.
    Aveva perso il suo cane e lo ritrovò in un laboratorio di vivisezione, aperto con delle sonde dentro,ma vivo e muto,insieme a tanti altri.
    Il responsabile del laboratorio gli disse che i cani non si lamentavano perchè gli avevano tagliato le corde vocali.

    Non ricordo ne l’autore ne il titolo.

    Potete aiutarmi?

  5. Nel senso che riesce a guadagnare abbastanza con i suoi romanzi da poterne fare una professione?
    Da profana di questo genere, ma sentendone spesso parlare, mi domando a chi e a cosa serva un romanzo che prende i personaggi inventati da un altro autore per inserirli in nuove storie, spesso scritte male e prive di originalità.
    Capisco che per il fan sia un modo di esternare la sua passione per un certo “universo” e relativi personaggi, ma non capisco chi le legge. Non vi pare che il solo fatto che dietro a quelle storie non ci sia l’autore originale renda il tutto un esercizio sterile, una pallida copia dell’immaginario altrui?

  6. Salve,

    come da titolo, c’è una canzone di diversi anni fa di cui non ricordo né titolo né autore (mi pare fosse di un gruppo britannico ma non ne sono sicura e non riesco assolutamente a ricordarne il nome) ma di cui ricordo il video.
    La canzone era abbastanza alternativa e in gran parte strumentale con un pianoforte come base; il video mostrava un uomo probabilmente fuori di senno in un tunnel dove passavano delle auto. L’uomo veniva investito (mi pare) dalle auto ma ogni volta si rialzava e continuava a passeggare in questo tunnel borbottando qualcosa, incurante delle auto che lo investivano. Dalle mie reminiscenze ricordo che quest’uomo indossava un cappotto ma non ricordo altro.
    L’atmosfera della canzone, come quella del video era inquietante e molto suggestiva.

    Qualcuno di voi se lo ricorda per caso??

    Grazie mille a chi mi risponderà

  7. Si chiamerà Leonardo!
    Il giorno che nascerà (e ciò accadrà tra meno di 1 mese…!) mi piacerebbe inviare ad amici e parenti un sms per annunciare la lieta notizia, ma al momento non ho nessuna idea per la testa!

    Ringrazio anticipatamente tutti coloro che proveranno ad aiutarmi!

  8. ammesso e concesso che molti umani comunque devono credere in dio; ammesso e concesso che dio è una creatura del pensiero umano, formatosi nei secoli, perché non ci inventiamo un dio migliore?
    Perché tutti insieme non proviamo a pensare ad un dio con meno contraddizioni, un dio più coerente e credibile. Ad esempio va studiato meglio il rapporto tra dio e l’uomo. Sì su dio ormai abbiamo inventato tutto sappiamo che questo dio è onni…qualsiasi cosa. Questo per merito di tanti filosofi che si son presi la briga ed hanno pensato per noi. D’accordo questo dio è meraviglioso, magistrale e chi più ne ha più ne metta. Certo ma a noi quanto ci riguarda? Che ruolo ha verso noi umani? In che rapporto dio è con gli uomini. Non con le civette o i cerbiatti ma con gli uomini; non con gli oceani ed i venti boreali ma con noi!!! Questo i filosofi non ce l’hanno chiarito. Bene dobbiamo lavorare su questo tema. Reinventiamoci un dio lavorando meglio sul rapporto che deve avere con noi.

    Per carità non ditemi libero arbitrio perché non lo sopporto, è un’idea che va bene per un troglodita che fa due pensierini al giorno non per un uomo contemporaneo che ha maggiori capacità di discernimento. Per il semplice motivo che il libero arbitrio favorisce il persecutore che agisce ma non la vittima che subisce. Certo posso decidere come agire, ma la persona che subisce le mie azioni non ha potuto decidere così che persino il male diventa strumento di dio. Va be accantoniamo il libero arbitrio concetto troppo banale e limitato.

    Allora che rapporto ha dio con gli uomini qual è il suo ruolo nella nostra vita e nella nostra esistenza? Qual è la sua presenza nella nostra storia…bene come ce l’ho vogliamo inventare?
    @ Alessandro parla per te, parla per me o per tuo cugino ma evidentemente l’uomo ha bisogno di credere in dio altrimenti 6 miliardi di persone su 7 non ci crederebbero. A questo punto inventiamone uno migliore. Adesso se agli elfi ci credessero 6 miliardi di persone il discorso era lo stesso. Alessandro non cadiamo insieme in questi pasticci. Dai! Non puoi togliere dal mondo l’idea di dio se tanti né hanno bisogno. L’unica cosa da fare è crearne uno migliore affinché porti frutti positivi. Dai dammi idee…
    @ Dai Ale dammi qualche idea piuttosto che brontolare su cose irrealizzabili (come diavolo pretendi di togliere le religioni dal mondo degli umani!!!). Dimmi che rapporto deve avere dio con l’uomo? A me interessa da un punto di vista più filosofico e sociologico che altro. Non sono credente. Poi ci sono tante religioni ma non ti dicono il ruolo che dio ha con gli uomini. Hanno profeti, santoni, maestri e guru ma non ci dicono di dio che caspita di ruolo ha con noi. Insomma l’uomo deve fare un po’ di testa sua ma dio?
    # Ah Già Scusa Papa Alessandro hai ragione…no intendevo il coniglietto giallo…Alexander
    @ Dai sporco pirata però così esageri…lo sai che Gino Strada “un grande cristiano” è ateo (o meglio anticlericale)…insomma Medici senza frontiere è una associazione che cerca di far tanto bene nel mondo. Ci sono tanti anticlericali in gamba. Ci son anche clericali in gamba ovvio. Non è che gli atei o anticlericali sono senza regole anzi hanno più regole perché devono essere responsabili di se stessi.
    Ad ogni modo non sono ateo sono critico verso il clero, sono anticlericale.

  9. Faccio design e sono al 3 anno dell’artistico, e la prof per le vacanze ci ha assegnato una tavola con assonometria,schema e proiez.ortagonale della poltrona. Mi sento in difficoltà perchè non ci ha dato le misure e su internet ne ho trovate poche,non so proprio da dove cominciare!! Qualcuno mi saprebbe aiutare?

  10. qui non abbiamo parenti,amici,nessuno..
    siamo qua per studio e per ora siamo lontani da tutti i cari,
    avete qualche idea originale e divertente per annunciare a tutti gli amici,parenti ecc..che sono incinta?
    l’ho scoperto ieri,ed e la seconda gravidanza.

    usiamo facebook spesso,perche e la via piu facile e gratis per contattarci,informarci..

    GRAZIE..

  11. Salve sto studiando storia dell’architettura, ma non riesco a capire cosa intendesse Van Der Rohe con questa affermazione…
    Che l’architettura per essere bene esplicata dv essere essenziale?!
    Mi potreste aiutare?

  12. Di solito quando il Berluska comincia con le sue azioni di marketing politico tipo annunciare una disfatta dell’avversario in maniera che la gente la percepisca come tale prima ancora che si verifichi e’ perche’ ha paura.

    Lui l’esito dei sondaggi piu’ segreti non lo comunica. Ma li conosce.

    E invece secondo me la politica di Franceschini e’ quella giusta. Secondo me il calo lo avra’ proprio il PDL e la Lega. Non e’ un dato fondamentale visto quanto contano le elezioni europee ma un buon segnale per consolidare la leadership di Franceschini.

    Che per il momento mi sembra l’unico valido nel PD.

    Cosa ne pensate ?

  13. Nel video che è stato trasmesso proprio qualche minuto fa a inizio puntata e dove tutti i finalisti sono comparsi!
    Ed è anche la canzone che si sente quando le carte si muovono per annunciare il vincitore!.
    Come si chiama ?? Grazieeee

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 − uno =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>