Autore: IlSoftware.it

Che cos’è la “misteriosa” partizione riservato per il sistema che appare nella finestra Gestione disco di Windows 7? Si tratta di una partizione di dimensioni molto contenute (100 o 200 MB; 350 MB nel caso di Windows 8) alla quale non è associata alcuna lettera identificativa d’unità. La sua presenza è discreta: trattandosi di una partizione nascosta, essa non viene elencata nella finestra Computer del sistema operativo. Per verificarne l’eventuale presenza sul disco fisso, è quindi necessario digitare gestione disco nella casella Cerca programmi e file del pulsante Start di Windows 7 e premere Invio:

La partizione “riservato per il sistema” è stata portata al debutto con Windows 7 ed il suo utilizzo è stato poi successivamente riconfermato anche nel caso di Windows 8.

A cosa serve la partizione “riservato per il sistema” di Windows 7

La piccola partizione riservato per il sistema, di dimensioni contenute rispetto alla capienza che offrono i moderni dischi fissi, funge da contenitore per i file di avvio di Windows 7. Qui vengono “stivati”, ad esempio, il “boot manager” di Windows ed i dati da esso gestiti. All’avvio del personal computer, il boot manager (bootmgr) provvede a leggere i dati BCD (Boot Configuration Data), necessari per esporre un menù di avvio che permetta all’utente di selezionare il sistema operativo da avviare.

Sempre all’interno della partizione riservato per il sistema, Windows 7 memorizza i file necessari per il corretto funzionamento di BitLocker Drive Encryption, la tecnologia Microsoft che consente di crittografare l’intero contenuto del disco fisso sul quale è installato il sistema operativo (BitLocker è disponibile solo nelle versioni Ultimate ed Enterprise di Windows 7).

Fatta eccezione per i file di BitLocker, che non può funzionare sui dischi fissi ove non sia presenta la partizione riservata, tutti gli altri file – compresi quelli per il boot del sistema – possono trovare spazio nella medesima partizione ove è installato Windows 7.

Se si è certi di non utilizzare mai BitLocker, al momento dell’installazione di Windows 7 (o di Windows 8) si può fare in modo che la partizione “riservato per il sistema” non venga automaticamente creata.

La partizione riservata per il sistema è di fatto una “partizione primaria”: le specifiche del MBR non consentono di avere, su uno stesso disco, più di quattro partizioni primarie. Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e Windows 8 debbono essere necessariamente installati su di una partizione primaria resa attiva ed avviabile. Le distribuzioni Linux, viceversa, possono essere avviate anche da partizioni logiche, create all’interno di partizioni estese. All’interno di una partizione estesa è possibile inserire fino a 64 partizioni logiche.

Partizione “riservato per il sistema”: come evitare che venga creata durante l’installazione di Windows 7

PRIMO METODO

La procedura d’installazione di Windows 7 crea automaticamente la partizione “riservato per il sistema” su tutti i dischi fissi ove non sia stata preventivamente creata alcuna partizione.

La soluzione per evitare la creazione della partizione riservata consiste nel creare una o più partizioni vuote andando a “coprire” l’intero quantitativo di spazio disponibile sull’hard disk ove verrà installato Windows 7.

Allo scopo è possibile utilizzare il software GParted. Parted Magic (Parted Magic 5.8: manutenzione del sistema e risoluzione dei problemi; qui il download), un supporto avviabile che contiene, al suo interno, GParted, software libero per il partizionamento dei dischi fissi.

SECONDO METODO

In alternativa, dalla schermata di installazione di Windows 7, dopo aver effettuato il boot dal supporto DVD, si potrà ricorrere alla combinazione di tasti MAIUSC+F10 per richiamare il prompt dei comandi.

Da qui dovranno digitare, in sequenza, i comandi seguenti:

diskpart
select disk 0
create partition primary
exit
exit

Così facendo, supponendo di aver collegato un unico disco fisso vuoto, si potrà richiedere la creazione di un’unica partizione primaria occupante tutto lo spazio disponibile nell’unità.
A questo punto si potrà proseguire con l’installazione di Windows 7 certi che la partizione riservata non verrà creata (bisognerà cliccare su Personalizzata (utenti esperti) quindi selezionare l’unica partizione appena creata sul disco).