Autore: Gadgetblog.it

Il 31 gennaio era il termine ultimo per poter acquistare gli aggiornamenti di Windows 8 e Windows 8 Pro a prezzo scontato, ma se avete acquistato un computer con Windows 7 di recente, o magari anche non così di recente (come vedremo tra poco…), c’è tempo ancora per tutto febbraio per beneficiare della Windows Upgrade Offer e acquistare una licenza d’aggiornamento per la ridicola cifra di 14,99€. Ma se abbiamo acquistato un computer prima della data prevista dall’offerta? Continua dopo la pausa.

Tecnicamente l’offerta è valida solo se il computer è stato comprato tra il 2 giugno 2012 e il 31 gennaio 2013, ma il bug avvistato e documentato originariamente da The Next Web nell’ottobre scorso sembra che sia stato lasciato lì dov’era, permettendo con una facilità estrema di circumnavigare la limitazione sulla data d’acquisto e portarsi a casa l’aggiornamento scontato.

Tutto quello che bisogna fare, scriveva il sito, è iscriversi e specificare una data d’acquisto idonea compresa tra giugno e gennaio. Com’è possibile? Semplice, i server non effettuano alcuna verifica sulla data, tutto quello che serve è un sistema su cui è installata una copia legale di Windows 7 nelle versioni Home Basic, Home Premium, Professional o Ultimate (Starter non è sufficiente).

“It’s not a bug, it’s a feature” è una frase ironica che sembra calzare a pennello con la situazione, e non ci stupirebbe che questo anomalo baco sia stato lasciato (o addirittura piazzato ad hoc?) per far salire di qualche punto percentuale le vendite dell’OS.

Ricordiamo che gli sconti sulle versioni classiche d’aggiornamento di Windows 8 e Windows 8 Pro sono terminati 2 giorni fa, e hanno ora un costo di 119,99€ e 279,99€, e sono decisamente meno appetibili di prima. Calcolatrice alla mano, è un aumento del 400% o di 5 volte rispetto ai 14,99€ della Windows Upgrade Offer.

Via | The Next Web