Sintesi della giornata finanziaria: 07 febbraio 2013

Autore: EconomicBlog

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,bce,mario draghi,europa,stati uniti,disoccupazioneAzioni Italia

Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (EUR : 0.2399): la banca senese ha stimato in circa 730 miliardi di Euro le perdite potenziali sui contratti derivati. A fine dicembre l’impatto dell’operazione Santorini è pari a 305 milioni, quello di Alexandria di 273 milioni, mentre le perdite di Nota Italia ammontano a 151,76 milioni. Nell’ambito delle indagini, sempre ieri la Guardia di Finanza ha sequestrato titoli e liquidità presso banche e fiduciarie circa 40 milioni, oggetto di scudo fiscale. Banca Popolare dell’Emilia Romagna Sc (EUR : 5,92) e Fondazione Cassa di Risparmio di Bra hanno dato esecuzione in data odierna al passaggio del 35,98% del capitale di CR Bra dalla Fondazione a Banca Popolare dell’Emilia Romagna Sc (Bper) per 23,9 milioni di Euro, salendo così all’attuale 67%. Enel Green Power S.p.A. (EUR : 1,432): la società energetica ha messo in esercizio un nuovo impianto eolico in Calabria che sarà in grado di produrre oltre 50 mln di KWh all’anno. ENI S.p.A. (EUR : 17,33): in forte calo il titolo alla notizia che l’Amministratore delegato Paolo Scaroni è indagato per corruzione dalla Procura di Milano nell’ambito di un’inchiesta sulle attività di Saipem in Algeria, è in particolare riguardo una commessa per un valore di 11 miliardi di dollari, che sarebbe stata ottenuta grazie ad una presunta mazzetta di 197 milioni di Euro versata ad alcuni politici algerini. Fiat Industrial S.p.A. (EUR : 9.47): la società ha annunciato di avere concluso il rinnovo di una linea di credito revolving da 2 miliardi di Euro a 3 anni con un gruppo di 21 istituti bancari. Saipem S.p.A. (EUR : 21,76): la società ha comunicato che dalla fine dello scorso novembre si è aggiudicata nuovi contratti per un valore di 3,2 miliardi di Euro, di cui la porzione relativa a dicembre è pari a 1,4 miliardi. Sorin S.p.A. (EUR : 1,886): gruppo che opera nelle tecnologie medicali, focalizzato nei prodotti per il trattamento delle malattie cardiovascolari ha archiviato il 2012 con ricavi scesi dell’1,7% a 731,1 milioni di Euro, un Ebitda a 101,8 milioni (-20,9%) ed un utile netto rettificato calato del 28,2% a 42,1 milioni, con un impatto del terremoto emiliano stimato in circa 20 milioni. L’indebitamento finanziario netto è sceso a 87,8 milioni da 105,9 di dicembre 2011. Telecom Italia Media S.p.A. (EUR : 0,1552): la società controllata da Telecom Italia, ha chiuso il 2012 con ricavi pari a 222,3 milioni di Euro, in calo del 6,7% rispetto al 2011. L’Ebitda è risultato negativo per 44,8 milioni, in peggioramento di 72,1 milioni. L’indebitamento finanziario netto risulta invece in salita a 260,1 milioni dai 138,7 dello scorso anno. Unione di Banche Italiane Scpa (EUR : 3,51): ha annunciato di aver avviato il progetto di fusione per incorporazione di Centrobanca, controllata al 99,76%. L’efficacia giuridica dell’operazione è prevista entro il primo semestre del 2013. Yoox S.p.A. (EUR : 13,81): l’azienda italiana specializzata nell’e-commerce al dettaglio di abbigliamento di alta moda e accessori nel 2012 ha visto i ricavi attestarsi a 375,9 milioni di Euro (+29,1% sul 2011). Il dato relativo al solo 4Q ha raggiunto 109,8 milioni (+26,6% sul 4Q11).

L’indice borsistico milanese Ftse/Mib termina le contrattazioni in ribasso dell’1,22%, registrando la peggior performance tra le principali borse europee e condizionato nel finale dalla notizia di indagini per corruzione su l’Amministratore delegato di ENI Paolo Scaroni, (-4,62%). In calo i titoli del comparto bancari, A2A, Enel, Snam, Enel GP, Exor, Generali, Luxottica, Tod’s e Stm. In denaro Impregilo, Saipem, Pirelli e Ansaldo. Lo spread Btp/Bund a 10 anni è salito a 297 bp, con il Btp decennale che rende il 4,57%.

Azioni Estero

Alcatel-Lucent SA (EUR : 1,24): la multinazionale francese delle telecomunicazioni ha chiuso l’ultimo trimestre del 2012 con una perdita netta di 1,37 miliardi di Euro, in netto peggioramento rispetto ai risultati del 4Q11 (868 milioni). L’Ebitda rettificato è sceso a 117 milioni (-58%), mentre il fatturato è diminuito a 4,1 miliardi (-1,3%). Audi AG (EUR : 586.9): a gennaio la casa automobilistica tedesca, appartenente al gruppo Volkswagen, ha piazzato sul mercato 111.750 autovetture, (+16,3% in relazione al 2011), mai così tante nel primo mese dell’anno. La casa di Ingolstadt ha registrato un’impennata netta in Cina (+38,5%), ma di rilievo anche il risultato conseguito in Germania (+11,8%). La casa tedesca punta a superare il record del 2012, chiuso con 1,455 milioni di autovetture (+11,7%). Biogen Idec Inc. (USD : 159,18): l’impresa biotech americana ha acquistato la quota di Elan nel Tysabri, un farmaco per la cura della sclerosi multipla, per 3,25 miliardi di dollari. Credit Suisse Group AG (CHF : 26,16): ha chiuso il 4Q12 con un utile netto di 397 milioni di franchi svizzeri, sotto il consensus per 645 milioni. L’obiettivo legato alla riduzione dei costi è aumentato di 0,4 miliardi a 4,4 miliardi entro fine 2015. Il Consiglio di amministrazione proporrà un dividendo pari a 0,75 centesimi per azione, misto contanti e azioni. Cigna Corporation (USD : 60,50): la società di servizi globale di nel comparto della salute ha chiuso il 4Q12 con un utile netto di 406 milioni di dollari (+49% su base annua) con un Eps rettificato di 1,57 dollari (attese 1,49). In aumento anche i ricavi a 7,62 miliardi (da 5,43 miliardi dell’anno precedente). La società ha inoltre alzato le previsioni sugli utili 2013, attendendo un EPS su base annua nel range 5,85-6,3 dollari. Daimler AG (EUR : 44,2): la casa automobilistica tedesca ha chiuso il 2012 con profitti netti pari a 6,5 miliardi di Euro (in miglioramento rispetto ai 6 miliardi del 2011), mentre i ricavi hanno raggiunto i 114,3 miliardi (da 106,5). Si è inoltre registrata una riduzione dell’Ebit da operazioni continue di 8,1 miliardi. Per il solo 4Q, l’Ebit è salito a 2,32 (+6,7%), di poco sotto il consensus pari a 2,35 miliardi. easyJet plc (GBp : 958.50): a gennaio la compagnia area low-cost britannica ha registrato un ulteriore incremento del numero di passeggeri trasportati a quota 3,878 milioni, il +4% rispetto allo stesso periodo del 2012 (3,72 milioni). In crescita anche il fattore di riempimento dei voli, che passa dall’82% di gennaio 2012 all’84,4% di gennaio 2013. Da febbraio 2012 a gennaio 2013 easyJet ha trasportato 59,35 milioni di passeggeri (+7% sui 12 mesi precedenti) con un load factor salito all’88,9% (+1,4%). In seguito alla sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso della compagnia aerea Alitalia relativo agli slot sulla tratta Roma-Milano, easyJet ha messo a punto le offerte e gli orari dei suoi nuovi collegamenti tra gli aeroporti milanese urbano di Linate e lo scalo romano di Fiumicino. Embraer SA (BRL : 16.08): l’azienda brasiliana costruttrice di aeromobili ha scelto Honeywell per l’avionica della seconda generazione di E-Jet, famiglia di aerei regionali bimotore a reazione, con fusoliera stretta, per voli a corto e medio raggio, che entrerà in servizio nel 2018, dove verrà installato il sistema integrato Primus Epic 2. La decisione è un altro importante traguardo nel programma, che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno. Ford Motor Company (USD : 13,02): le vendite delle sue joint venture in Cina a gennaio si sono attestate a 61.475 veicoli, il 98% in più rispetto a gennaio 2012. General Motors Company (USD : 28.40): il marchio automobilistico tedesco Opel AG, controllato da GM, nella prima settimana dal lancio commerciale della sua nuova citycar Opel Adam ha già incassato 20.000 ordini, confermando le buone impressioni che aveva destato al Salone di Parigi. Con prezzi compresi tra 11.750 e 15.600 Euro la nuova autovettura ha già mostrato in muscoli davanti alle due principali avversarie rispettivamente Mini e Fiat 500. Ryanair Holdings plc (EUR : 5.66): il vettore aereo low-cost irlandese stima di chiudere l’esercizio 2012, a fine marzo, con profitti netti di 540 milioni di Euro: la previsione supera quella precedente di almeno 40 milioni, e del 7% il risultato dell’esercizio 2011. I dati del terzo trimestre, vede i profitti netti aumentare di un netto 21% su ricavi totali di 969 milioni di Euro (più 15%), mentre i passeggeri sono cresciuti solo del 3%, ma le tariffe dell’8%, vantaggio parzialmente eroso dal 4% di aumento del costo carburante per passeggero. Ryanair ha una densità media di 189 posti per aeromobile con circa il 82% di posti occupati nel 2012. Su una rete di oltre 1.500 rotte che collegano 28 Paesi in Europa e Nord Africa, in tutto 178 aeroporti dei quali quasi 60 sono basi in cui il vettore ha aeromobili e personale. Nei piani strategici immediati Ryanair punta a ottenere entro il 6 marzo il via libera della Commissione Europea all’acquisto di Aer Lingus per 694 milioni di euro. In un ultimo sforzo per convincere Bruxelles è stato concluso, in Gran Bretagna, un accordo con il vettore regionale Flybe per la creazione di Flybe Ireland. Sanofi SA (EUR : 66,55): il gruppo farmaceutico francese è in forte calo nella piazza borsistica di Parigi in seguito al peggioramento delle previsioni per il bilancio 2013. La società infatti ha dichiarato di attendersi profitti invariati o in flessione del 5% su base annuale. Sanofi ha chiuso il 4Q12 con un EPS in calo a 1,19 Euro (-26,3%) e ricavi netti a 8,2 miliardi di Euro (-1,7%). Sprint Nextel Corporation (USD : 5,71): l’azienda di telecomunicazioni statunitense ha chiuso il 4Q12 con una perdita netta di 1,32 miliardi di dollari (da 1,3 miliardi di un anno fa). Le vendite invece sono salite a 9,01 miliardi, superando le attese di 8,93 miliardi. TIM Participações SA (BRL : 8.46): la controllata brasiliana del gruppo Telecom Italia ha chiuso il quarto trimestre del 2012 con un margine operativo lordo in aumento dell’8,2%, battendo le stime degli analisti. In miglioramento anche l’utile netto, anche se in questo caso la crescita è stata inferiore alle attese. La società ha annunciato di aver nominato Rodrigo Modesto de Abreu alla carica di Amministratore delegato. Abreu prende il posto di Andrea Mangoni, che aveva annunciato a sorpresa le dimissioni dalla carica. Vodafone Group Plc (GBP : 172): il gruppo britannico delle telecomunicazioni ha annunciato che nel suo terzo trimestre fiscale i ricavi sono diminuiti a 11,4 miliardi di sterline (-2% a/a), poco sopra le aspettative di mercato (11,3 miliardi). I ricavi da servizi sono calati del 2,6% (attese -2,4%) a 10,4 miliardi. Il Gruppo si attende per l’esercizio in corso un utile operativo adjusted compreso tra 11,1 miliardi e 11,9.

Memo – Economia Europa: resta in linea con le attese, Banca Centrale Europea (BCE) e Bank of England (BoE) hanno lasciato invariati i tassi rispettivamente a 0,75% e 0,50%. In conferenza stampa presieduta dal Governatore della Bce Mario Draghi ha dichiarato che l’economia continuerà ad essere debole nella prima parte del 2013 a seguito della bassa fiducia dei consumatori sulle spese domestiche e della contenuta domanda dall’estero. Tuttavia continua ad attendersi nel corso dell’anno una ripresa graduale, sostenuta da una politica monetaria accomodante, da un miglioramento della fiducia sui mercati e dal rafforzamento della domanda globale. Ha aggiunto inoltre che il tasso di inflazione è diminuito e dovrebbe continuare a scendere al di sotto del 2% nei prossimi mesi. Approfondimento: “BCE: conferenza stampa Mario Draghi in diretta streaming – 7 febbraio 2013”, (video streaming lingua inglese) fonte Banca Centrale Europea – BCE.

Macro – Disoccupazione Stati Uniti: le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono scese a quota 366 mila unità dalle precedenti 371 mila, ma poco sopra alle attese degli analisti per 360 mila. La media mobile delle ultime quattro settimane ha segnato un calo di 2.250 unità a 350.500, minimi da marzo 2008. Approfondimento: “Unemployment Insurance Weekly Claims Report – Seasonally Adjusted Data“,  (link a site lingua inglese) fonte U.S. Department of Labor.

L’indice di borsa europeo Euro Stoxx 50 chiude le contrattazioni in calo dello 0,69%, in linea con la debolezza delle principali borse europee e l’andamento cedente di Wall Street. I maggiori ribassi vengono registrati da alcuni titoli bancari e da Eni, Telefonica, Munich RE, Sanofi e Vinci. In controtendenza invece i titoli di Daimler, Carrefour, Bayer, Nokia, Danone e GdF Suez.

Short view – Borsa, Cambi e Commodities

FTSE MIB       EUSTOXX 50  CAC40       IBEX             DAX 30        FTSE 100

16401:-1,22   2599:-0,69    3606:-1,00   8029:-0,34  7588:0,09    6236:-0,94

Dow Jones    Nasdaq100   S&P500         Nikkei225     Future Wti    Eur/Usd

13879:-0,77  2724:-0,82  1503:-0,62    11275:-1,31  96,1:-0,6    1,340:-0,9

Scritto: da LuisB

 

Codice QR dell’articolo: Sintesi della giornata finanziaria: 07 febbraio 2013.

QRCode

QR Code Generator / Info, Supporto & FAQ

 

 

Il mondo dell’economia della finanza, economia e lavoro in particolare quello della borsa ti affascina e sei sempre alla ricerca di informazioni o di risposte? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per rispondere alle tue domande.

 

 

Disclaimer

EconomicBlog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.

EconomicBlog è indirizzato ad un pubblico indistinto e viene fornito a titolo meramente informativo. Essa non costituisce attività di consulenza da parte di EconomocBlog, né, tantomeno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari.

 

8 thoughts on “Sintesi della giornata finanziaria: 07 febbraio 2013

  1. Ciao a tutti, mi servirebbe sapere come acquistare i biglietti della partita inter milan di serie a in programma il 24/02/2013, ai prezzi indicati sul sito dell’inter.

    Grazie mille per le eventuali risposte.

  2. QUALCUNO MI Sà DIRE SE LA MIA SCHEDA GRAFICA NVIDIA GEFORCE 8400 GS , PUò LEGGERE BENE PES 2013? OPPURE ANDREBBE A SCATTI ?? E SE NON FOSSE COMPATIBILE QUALE SCHEDA GRAFICA MI CONSIGLIERESTE PER PES2013? GRAZIE A CHI RISPONDE

  3. Cioè che ne so ho sentito dire che le stelle si distruggono ma noi magari le vediamo intere per un miliardo di anni ma in verita non esistono piu,una stella che cade magari è caduta 100 milioni di anni fa.
    Qualcuno saprebbe dirmi di piu spiegandomi bene l’argomento?

  4. Quelle spazzaturine che erano di tutti i colori! mi ricordo che ne avevo un miliardo! chissà che fine hanno fatto…e avevo anche la maglietta con scritto “mi rifiuto” ahahaha come si chiamavano??
    siiiii le bottiglineeee wauuu quanti ricordi stupendi che mi stanno ritornando in mente..pensavo di aver dimenticato tutto!! mi sembra un altra vita heheheee uffaa daii qualcuno che si ricorda il nome??? :D

  5. Io ho il sospetto che aiutare la famiglia con un miliardo di microscopiche agevolazioni non va bene perché poi occorre compilare un miliardo di moduli, quindi un miliardo di file da fare.

    Vero che con quel gran casino moduli si creano posti di lavoro perché occorre gente scaldasedia per controllare i moduli, ma è anche vero che per pagare lo stipendio a ‘sto esercito di burocrati occorre tartassare le famiglie.
    Vero anche che i sindacalisti dicono che non c’è problema perché se la famiglia non arriva a fine mese, basta aggiungere un’altra microscopia agevolazione.
    Vero anche che per compilare quei complessi moduli occorre la consulenza fiscale dei sindacalisti CGL-CISL-UIL.

    Cosi come il dipendente diventa schiavo dei sindacati, anche l’imprenditore diventa schiavo del commercialista, il tutto per creare posti di lavoro fasulli che producono tanto fumo e niente arrosto.

    Forse è meglio abbassare le tasse già esistenti e questo significherebbe abbassare la tassa irpef che grava sui salari oppure eliminarla proprio.

  6. Lo scopo della guerra al tabacco è questo giusto? Avere aree da coltivare per sfamare il prossimo miliardo di abitanti della povera Terra..

  7. Ragazzi mi sapete dire perchè il mio portatile non si collega alla linea wifi del router di alice? se lo metto cn il cavo funziona perfettamente ma quando cerco di collegarmi cn il wifi mi dice sempre “Attendere Disponibilità Rete In Corso” poi non si collega… ho provato tutto, resettare il router ripristinare il portatile, ho controllato se la connessione wireless del router funziona, se e acceso ho fatto un miliardo di tentativi ma nnt… mi date una mano? e poi cmq alle altre linee si collega benissimo il router che possiedo è l’ultimo modello qll cn il voip e io ho un portatile acer travelmate c200 cn Xp Tablet pc edition 2005

  8. Al ritmo di un numero a secondo, quando ci metteremmo?
    Perfavore elencatemi tutti i passaggi che fate.(non ditemi 1 miliardo di secondi, perche’, fino a li’ ci arrivo anche io!)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro × = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>