Elezioni 2013: Pd al bivio, Grillo alla prova, il Caimano in agguato


Autore: Il Fatto Quotidiano

Quello che vorrà o riuscirà a fare il Pd in queste ore, al massimo in questi giorni, a ridosso di un voto che l’ha richiamato drasticamente alla realtà, sarà determinante per il suo presente e soprattutto per il suo futuro, nel senso della sua rilevanza politica.

I dati sono ormai noti e incontrovertibili. Dal Boom del M5S  che Napolitano non aveva sentito e che si materializzerà al suo cospetto quando Grillo in persona si presenterà alle consultazioni come garante del suo movimento diventato primo partito alla Camera, alla non vittoria della coalizione di Bersani che pure è arrivata prima.

E poi c’è l’elemento che più ci ha sconcertato e che a sinistra, e non solo quella pallida di Bersani ma pure  la “sinistra-sinistra”  di Vendola e la Rivoluzione Civile di Ingroia, è stato ignorato o gravemente sottovalutato: la rimonta personale di Berlusconi grazie alle macchiette da avanspettacolo e alle promesse indecenti su Imu e condono tombale pro domo sua. Anche se, per stare sempre ai numeri, non va dimenticato che il Pdl che ora si spaccia come vero vincitore e protagonista imprescindibile è passato dal 37,4% del 2008 all’attuale 21,6%.

Berlusconi, nonostante il tracollo ampiamente annunciato in termini di consensi, raggiungerebbe pienamente il suo scopo, se il Pd sciaguratamente rispondesse all’antico richiamo del Caimano che si prefiggeva solo di non perdere, come hanno sempre ammesso i fedelissimi, per poter trattare in prima persona i suoi noti ed esclusivi interessi.

I suoi giornali, dopo la crociata contro tutte “le toghe rosse” che avrebbero perseguitato Berlusconi in campagna elettorale, arrivando persino a fissare un’udienza del processo Ruby l’8 marzo, come denuncia in ogni sede “il mite” Sallusti, adesso a titoli cubitali tuonano contro “l’arma giudiziaria dopo il voto” e “l’offensiva che riparte”: tre processi in un mese. E cioè tutte le udienze che “le toghe rosse” hanno rinviato durante la campagna elettorale accordando a Berlusconi e ai suoi onorevoli avvocati il legittimo impedimento.

Il terreno di battaglia su cui Berlusconi, che ha violato il silenzio elettorale per dichiarare che “la magistratura è molto più pericolosa della mafia” (valutazione scontata dal suo punto di vista) è in estrema sintesi questo, insieme all’interdizione assoluta per qualsiasi intervento efficace su anticorruzione e conflitto di interessi. Naturalmente lo scudo stellare con cui vuole sedersi al tavolo di un governissimo o di un governo di larghe intese o similari con il Pd è sempre l’Imu da cancellare e da restituire agli elettori convinti in extremis dalla letterina modello agenzia delle entrate con l’impegno alla restituzione, magari con gli interessi.

All’indomani del voto che ha sancito l’affermazione oltre le aspettative del M5S, come per incanto, sono spariti dal lessico politico-mediatico gli epiteti che per cinque anni hanno accompagnato il comico con la fissazione di trasformare la politica italiana in qualcosa di più attinente alla democrazia e ai principi della nostra Costituzione. L’elenco completo e impressionante del dileggio a Grillo di tutti quelli che adesso ripetono che loro “avevano previsto e avevano capito” dove sarebbe arrivato il M5S, lo ha stilato Marco Travaglio e scorrerlo è più illuminante di qualsiasi analisi del giorno dopo.

A me è rimasta in mente la definizione irridente di Francesco Boccia, esponente di punta del Pd in Puglia dove la coalizione Pd-Sel è uscita vistosamente sconfitta: “Grillo è un miliardario in pantofole che dall’alto della sua villa dà ordini… istiga all’odio e soffia sul fuoco del conflitto sociale..”. Mentre  il Pd ha preferito per lungo tempo avere dimistichezza con un altro ben più miliardario con i tacchi che da capo del governo ha tenuto in mano il paese dalle sue innumerevoli residenze private piuttosto che da palazzo Chigi. 

E anche in queste ore nel Pd c’è chi caldeggia, come fanno D’Alema a Veltroni, “un governo tecnico” o di larghe intese benedetto dal Colle e magari guidato dal sempreverde Giuliano Amato molto gradito allo statista di Arcore che vuole garantire sopra ogni cosa “il valore della governabilità”.

Bersani ha invece proposto a Grillo di appoggiare dall’esterno un esecutivo che si impegni su pochi punti condivisi: moralità pubblica, anticorruzione, riforma elettorale. Grillo ha risposto dandogli dello “stalker politico”, evidentemente in riferimento alla sprezzante quanto infelice uscita dello “scouting”  nei confronti dei parlamentari del M5S per “testarli” e indurli a più miti consigli. Mentre un Vendola, evidentemente ravveduto dal voto, ha avvertito il Pd che Grillo non va trattato come un leader della prima repubblica. E una parte della base di Grillo dal web ha dimostrato in modo chiaro di non apprezzare i suoi toni molto tranchant sulle aperture di Bersani: in poche ore 20.000 firme favorevoli ad un “governo di scopo”.

L’alternativa è tra la strada molto in salita di un modello Siciliano applicato al Senato, che comunque non può prescindere da un voto di fiducia iniziale, con pochi punti programmatici condivisi dal M5S e un governissimo monopolizzato dal grande imputato-statista che suonerebbe come un requiem per il Pd. Altrimenti di nuovo al voto, in una situazione che non è sul fronte economico e internazionale molto migliore di quella dell‘uscita di scena di Berlusconi, con la piccola differenza che allora la vittoria della sinistra era scontata.

3 thoughts on “Elezioni 2013: Pd al bivio, Grillo alla prova, il Caimano in agguato

  1. Perchè volete dare il vostro consenso?

    -Per protesta verso la politica attuale?
    -Perchè credete nelle idee del movimento?
    -Perchè volete un cambiamento radicale?
    -Perchè Grillo è l’ unico che protesta in maniera forte?

    Se preferite esponetemi brevemente a parole vostre le motivazioni che vi spingono a votarlo.

    Grazie, le migliori saranno pubblicate
    @ non sono ammessi commenti pro psicopedonano, ne abbiamo abbastanza

  2. Dopo tanto parlare della scelta dei cittadini dei candidati, delle preferenze per il voto (cosa che ritengo giusta), vi pare corretto e normale che Grillo nomini i suoi candidati per le regionali senza un confronto con gli attivisti?

    Il fatto di non essere una associazione e non aver iscritti secondo voi non peggiora le cose, mettendole in mano ad una sola persona, il leader nazionale?

  3. Non capisco. Già due persone con ideali di sinistra in pochi minuti mi hanno detto che voteranno Grillo per protesta.
    Non capisco. Non capisco come la gente possa credere che una banda di ultras con un mentore autoritario, intriso di volgarità, antidemocratico, fascista e quant’altro possa cambiare qualcosa. Un movimento senza alcun candidato alla presidenza.
    Un movimento con un mentore singolarmente proprietaro del simbolo e del partito, contro la libertà di stampa, incoerente con se stesso, strumentalizzatore, volgare.
    Non capisco, aiutatemi.

    ‘Il fascismo si è presentato come l’anti-partito, ha aperto le porte a tutti i candidati, ha dato modo a una moltitudine incomposta di coprire con una vernice di idealità politiche vaghe e nebulose lo straripare selvaggio delle passioni, degli odi, dei desideri. Il fascismo è divenuto così un fatto di costume, si è identificato con la psicologia antisociale di alcuni strati del popolo italiano.’

    (Antonio Gramsci, L’Ordine Nuovo, 26 aprile 1921)
    c’è ancora chi deve capire che io ho citato la citazione, non Gramsci.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− sei = 0

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>