DESTABILIZZARE LE BANCHE PER IMPORRE UN GOVERNO COMPIACENTE A BERLINO E BCE?

Autore: nocensura.com

Per imporre in Italia un governo compiacente alla linea Monti-Merkel-Goldman Sachs nonostante l'esito elettorale di ieri, potrebbe essere a breve organizzata una crisi bancaria italiana che terrorizzi la popolazione e crei il consenso per un governo di quel tipo in cambio di aiuti monetari di BCE, Fed e altri. I recenti spostamenti di capitali dello Ior da banche italiane a banche tedesche (compresa parte del nostro 8 per mille) corrobora questa congettura.
1
Di Marco Della Luna

Il voto politico del 25 febbraio esprime disinganno e rifiuto della maggioranza degli italiani verso la dittatura dei mercati, l'egemonia della Germania, il modello economico mercatista e neoliberista, le ricette rigoriste e fiscaliste di tecnici e accademici balordi o traditori, la falsa solidarietà dei paesi euroforti. Sgamati. Tutti sono d'accordo che occorra riformare – ma in quale direzione? Quella di Monti, Rehn, Barroso, Merkel, Draghi, oppure una opposta, col recupero della sovranità monetaria alla Nazione e la sottrazione del debito pubblico alle manovre di mercati pilotati e ricattatori, e massicci investimenti pubblici infrastrutturali, e separazione tra banche di credito e risparmio e banche di azzardo finanziario?
Adesso pare impossibile formare un governo stabile, che deve comprendere il PD, quale detentore della maggioranza assoluta dei seggi della Camera per effetto del premio di maggioranza. Ma proprio il PD e Monti sono paladini di quella politica che, come dicevo, la maggioranza degli italiani ha respinto, e sempre più respingerà via via che la depressione peggiorerà, mettendo a rischio il rispetto del pareggio nominale di bilancio imposto, sotto severe pene, dal fiscal compact.

LEGGI TUTTO»»

2 thoughts on “DESTABILIZZARE LE BANCHE PER IMPORRE UN GOVERNO COMPIACENTE A BERLINO E BCE?

  1. Il quadro politico altamente instabile: sia a livello unilaterale (destra e sinistra) sia a livello consolidato e che di riflesso causerà una incertezza decisionale al qualsiasi tipo di governo verrà formato, farà avere dei ripensamenti agli ipercritici nei confronti di Mario Monti?
    Possibilmente, motivate la vostra risposta…

    La mia tesi è questa:
    Nonostante abbia “messo mano” nelle tasche dei cittadini, l’esperienza professionale e accademica dell’intero governo ed in particolare del Presidente hanno potuto ristabilire credibilità dell’Italia in Europa, e finalmente quando c’era un intervista al Presidente oppure ad un ministro si aveva la sensazione che quella persona sapesse cosa stava dicendo! Cosa che non succedeva dagli anni 1990! Basta politica! E’ ora del Tecnicismo se vogliamo risollevarci! And,
    Good luck!

  2. Quali nuove alleanze si creeranno?
    Quali saranno i nuovi esponenti politici?
    Chi verrà chiamato a riformare ed aiutare l’Italia?
    Ci sarà ancora la crisi in Italia quando Monti avrà terminato le sue liberalizzazioni?
    Esisterà mai un governo fatto solo da persone comuni?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro − 1 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>