Autore: GAMEmag – Videogames

Ubisoft ha evidenziato alcune delle differenze che intercorreranno tra le edizioni di Assassin’s Creed IV destinate all’attuale generazione e quelle che invece approderanno sui nuovi hardware.

“Oltre ad una grafica e ad una fisica migliorate, la versioni di prossima generazione offriranno ai giocatori nuove funzionalità e permetteranno loro di rendersi conto che, pur rimanendo in ambito single-player, si tratterà di fatto di un ‘single-player connesso’” ha spiegato Jean Guesdon, creative director di Ubisoft Montreal. “Intendo dire che le console next-gen permetteranno ai giocatori di avere un’esperienza in singolo che benefici della presenza di un’enorme community”.

Peraltro quanto asserito da Guesdon non è nuovo. Di recente anche Cevat Yerli, CEO di Crytek, ha lasciato intendere che i prossimi dispositivi possano rinnovare l’idea di campagna, mentre “la nozione di esperienza single-player deve essere superata”.

“Non sto dicendo che non ci saranno esperienze single-player… potrebbe essere definito single-player connesso oppure online single-player”, aveva anticipato. “L’online e la componente social possono rivitalizzare il single-player in un nuovo tipo di contesto ed apportare benefici che vi spingeranno a voler essere parte di una story mode connessa, in luogo di una storia ‘disconnessa’”.

Nelle ultime ore è stato anche confermato che la storia di Black Flag si svolgerà per il 60% sulla terraferma e per il 40% in mare.

“Le missioni di terra rappresenteranno all’incirca il 60% del gioco mentre la parte navale occuperà il restante 40%. Ma se prendiamo in considerazione l’esperienza complessiva, si può parlare di un 50 e 50”, ha riportato il magazine PC Gamer in seguito ad un’intervista agli sviluppatori.

Vi ricordiamo che il lancio delle versioni PC, PS3, Xbox 360 e Wii U è fissato per il 29 ottobre. La data relativa a PS4 e alla futura console di Microsoft sarà resa nota nei mesi a venire.