Le Balle Quotidiane / 5

Le Balle Quotidiane / 5

Autore: Blog di Beppe Grillo

tv_spazzatura.jpg “Come le televisioni falsificano la realtà? Eccone un esempio che unisce falsificazione e il classico triste fenomeno dei voltagabbana italiani. Il signor Matteo De Vita si iscrive ad un Meet Up il 24 febbraio 2013. Magicamente Barbara D’Urso su Canale 5 lo invita a parlare a nome del MoVimento 5 Stelle come “attivista” in collegamento da Bari. Il signor De Vita, che non rappresenta nessuno se non sé stesso, oltre a sfoggiare un arroganza fuori dal comune, si arroga il diritto di parlare a nome di un movimento al quale non appartiene se non virtualmente, dopo essersi iscritto alla semplice piattaforma Meet Up il giorno delle elezioni politiche 2013!!!! Ma la televisione lo invita e lo spaccia per attivista e lo fa dialogare con deputati della Lega ed altri facendo fare una pessima figura al MoVimento 5 Stelle. Degna del Grande Fratello (quello di Orwell) la chiusura finale della D’Urso: “Venga pure in studio la prossima volta a parlare sempre che non venga espulso“.” Matteo Incerti

banner-rss-kindle.jpg
Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it



2 thoughts on “Le Balle Quotidiane / 5

  1. io vado all’ist. d’arte e dmn alla 3° prova ci sarà la relazione del nostro progetto sul futurismo io nn l’ha so fare xkè hanno detto ke nn la voglono dettagliata x quanto riguarda il lavoro!! mi fate una relazione io ho preso spunta da:Corona vittorio onda marina.VI PREGO è IMPORTANTE NO PERDI TEMPO!!!

    vogliono sare xkè mi sn ispiar a lui
    il senso del movimento ecc..

  2. è da un pò che sento questo libro in giro, molti mi hanno detto che è bello. Mi potete dire di cosa parla, di che genere è, e soprattutto se vi è piaciuto e… me lo consigliate?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 2 = otto

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>