Sega annuncia nuova data di rilascio per Company of Heroes 2

Autore: GAMEmag – Videogames

Sega ha annunciato che Company of Heroes 2 diventerà disponibile il prossimo 25 giugno sia in Nord America che in Europa. Si tratta di un posticipo, spiegato così da Relic Entertainment: “sfrutteremo il tempo addizionale per raggiungere gli standard qualitativi del predecessore”.

Company of Heroes 2

Sega ha acquisito Relic e il franchise Company of Heroes in occasione dell’asta di fallimento di THQ, quando la software house canadese è stata valutata 26,6 milioni di dollari.

Jonathan Dowdeswell, produttore esecutivo di Company of Heroes 2, ha commentato “L’acquisizione da parte di Sega ci ha dato la possibilità di lavorare con un nuovo partner che ha una grande esperienza su importanti franchise Pc. Ci dà grande fiducia sapere che abbiamo una squadra ben affiatata in grado di garantire la migliore esperienza possibile per i giocatori di tutto il mondo”.

“Ci dispiace deludere i nostri fan posticipando la data di uscita del gioco, sappiamo quanto siano desiderosi di mettere le mani su CoH2 ma abbiamo la sensazione che il tempo in più richiesto aiuterà il team di sviluppo a rilasciare un sequel di alta qualità proprio come i fan si aspettano”, ha commentato Greg Wilson, Producer di Company of Heroes 2. “Tuttavia, l’attesa non sarà così lunga, i giocatori saranno presto in grado di aiutarci a testare la modalità multiplayer nella prossima Closed Beta. Seguiranno a breve tutti i dettagli”.

I documenti legali associati all’asta di fallimento di THQ hanno rivelato che Relic è al lavoro su un secondo progetto, conosciuto con il nome in codice di “Atlus” e il cui rilascio è previsto nel 2014.

Altri dettagli si trovano nell’anteprima di Company of Heroes 2.

Share on Tumblr

5 thoughts on “Sega annuncia nuova data di rilascio per Company of Heroes 2

  1. PS approfitto per annunciare che oggi è la FESTA DEL FRIULI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! FUARCE FRIUL!!!!!!!!!!!!
    Si, grazie, ci sono 5000 tipi di PSP, un po’ meno generico?

  2. Attualmente lavoro ma dato che la società non mi ispira da tempo sto cercando un altro lavoro. Quando dovrò annunciare la cosa al nuovo datore? prima o dopo la lettera di intenti? io nn posso certo rimandarlo e non chiedo nemmeno le ferie perchè non voglio andare in viaggio di nozze chiederei solo una settimana ad agosto per scendere giu (non sono di Milano, sposarmi e stop ) Aiutooooo

  3. Mio padre è in pensione da 6 mesi, passa circa 4-5 ore fuori casa al giorno con le sue attività (non politiche). Tuttavia, da quando è in pensione e ha molti meno pensieri, sembra diventato un fanatico della politica!

    Guarda circa 10-12 tg al giorno a partire dalle 7 del mattino e mentre li guarda fa il predicatore, tipo

    “ci sono troppi immigrati”, “i sindacati sono delinquenti perchè sono alleati con i padroni” “per far ripartire il mercato bisogna che la gente possa comprare”

    e continua a ripetere con enfasi le stesse cose TUTTO IL GIORNO, se è da solo a vedere la tv commenta ad alta voce o viene nelle stanze ad annunciare le notizie tipo agenzia ANSA

    Secondo voi è una cosa normale? Ha 65 anni
    Ma io non gli dico mica niente, però mi dispiace sia per lui che entra in agitazione per niente sia per mia madre perchè obiettivamente diventa pesante

  4. si, penso che le carriere di questi due giocatori potrebbero trovare un punto di contatto, una convergenza. Come Michael Jordan si ritirò dopo la morte del padre per intraprendere la carriera (fallimentare) del baseball, penso che anche Libran Jaimes debba fare una cosa analoga: annunciare un suo temporaneo ritiro dalla pallacanestro. Penso che la gente che cura i suoi affari debba farci un pensierino: convincere Libran a mollare il basket per fargli fare un paio d’ anni sabbatici, oppure inserirlo in qualche squadra di football, visto che il suo modo di interpretare e concepire la pallacanestro non si discosta molto dalla filosofia del football americano.

    voi che dite?

    saluti

  5. Con Stankovic, soprattutto se titolare, l’Inter ha sempre qualche problema in più.
    Sono anni che lo dico ma sembra che lo abbiano notato in pochi. Va per i 34 ormai, è lento e troppo assente in campo. Quando c’è lui in campo è quello che il cronista nomina di meno! A volte in 90 minuti il suo nome viene fatto solo un paio di volte dal cronista di turno, e una di quelle poche volte è per annunciare la sua sostituzione

    E’ un bravissimo giocatore ma che non regge i ritmi alti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>