No alla fiducia

Autore: Blog di Beppe Grillo

“I partiti cercano di addossare al M5S la responsabilità dello sfascio del Paese dopo aver inciuciato per 20 anni e sorretto insieme il governo di Rigor Mortis alla luce del sole. In campagna elettorale il nostro slogan è stato “Mandiamoli tutti a casa!” e per questo il M5S è stato votato da più di 8 milioni di italiani. Nel Non Statuto e negli impegni sottoscritti dai neo parlamentari del M5S sono esclusi in modo categorico accordi con i partiti. Per quanto mi riguarda non ci sarà alcun referendum interno per chiedere l’appoggio al pdmenoelle o a un governo pseudo tecnico. Se in futuro fossi smentito da un voto di fiducia dei gruppi parlamentari del M5S a chi ha distrutto l’Italia, allora, pacatamente, serenamente, mi ritirerò dalla politica.” Beppe Grillo

banner-rss-kindle.jpg

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

storie correlate

4 thoughts on “No alla fiducia

  1. Possibile per un avvocato in regime di Gratuito Patrocinio solo per non avere voglia di patrocinare un caso non gradito sottrarsi al contratto d’opera pur riconoscendo e ringraziando per la fiducia? Si noti bene, un mandato ex D.P.R 115/2002 può essere rinunciato solo a “schiribizzo” dell’avvocato anche
    se sussiste la fiducia? Parliamo solo ai mandati ricevuti in gratuito Patrocinio Solo avvocati e giuristi grazie.

  2. Dato che riponete nelle persone del corpo direttivo della società Torre di Guardia la vostra totale fiducia, volevo sapere come queste persone sono riusciti a guadagnarsela. Glie l’avrete mica regalata, giusto? Allora mi dite cosa hanno fatto per voi tanto da meritarsi la vostra incondizionata fiducia?
    @ L’osservatore, è un po’ strano che voi conosciate la Bibbia “realmente” e gli altri no. Cosa vi è piovuto dla cielo il libretto delle istruzioni? :)

  3. Ho detto alla mia migliore amica, in un momento di nervosismo, delle cose orribili. Ora vorrei riconquistare la sua fiducia, che mi ha detto di aver perso. Come posso fare?
    Preciso che non vorrei ricorrere a fiori.
    Grazie mille in anticipo!

  4. Loro mi hanno mandato fuori per fare l’università, non ne vogliono sapere che io lavori lontano da casa.
    Però io sono arcistufo di studiare, non ho fatto altro nella mia vita.
    Voglio trovare lavoro nella città dove studio (purtroppo non è un granché come città), però così tradirei la fiducia dei miei. Che faccio?
    La mia è una facoltà a frequenza obbligatoria, purtroppo.
    Sono al primo anno di università.
    Ne ho già parlato con i miei, ma loro non ne vogliono sapere.
    Poi, voglio dire, se trovo un lavoro che mi piace, potrei scegliere anche un indirizzo universitario che possa integrarlo!
    Io non ho la minima idea pratica di cosa significhi lavorare. Credo che un confronto tra lavoro e studio debba essere fatto, se voglio capire che strada intraprendere!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>