Piano Enel: fumata nera come il carbone


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Presentati oggi i risultati aziendali 2012 e il piano industriale 2013-2017 di ENEL: Greenpeace critica aspramente i dati che emergono riguardo alla produzione elettrica in Italia della multinazionale guidata da Fulvio Conti.

La produzione di elettricità da carbone di ENEL passa da 32,4 TWh nel 2011 a 36 TWh nel 2012. Si ha quindi un notevole aumento della quota di energia proveniente da questa fonte, nonostante la produzione totale in Italia cali da 79 TWh a 74,5 TWh. In altre parole, se nel 2011 ENEL produceva col carbone il 41% della sua elettricità in Italia (e l’anno prima ne produceva il 34%), oggi l’azienda è arrivata a generare, con la fonte più inquinante e dannosa per il clima e la salute, il 48,4%. Un incremento relativo, in due anni, di quasi il 50 per cento.

“ENEL prosegue su una strada sciagurata – ha dichiarato Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace – Non sono servite le nostre denunce, che dimostrano come, in riferimento ai dati del 2009, l’inquinamento del carbone di ENEL fosse causa di una morte prematura al giorno in Italia. Da allora ad oggi la produzione con questa fonte è cresciuta di quasi il 50 per cento e oggi l’impatto sanitario ed economico di un’azienda che va per metà a carbone è semplicemente insostenibile per il Paese. Questo piano industriale è una “fumata nera” per il futuro dell’Italia.”

Proprio in questi giorni è in discussione la richiesta dell’ENEL di aumentare i limiti di inquinamento e la produzione nell’impianto di Civitavecchia; contemporaneamente l’azienda vuole realizzare due nuovi impianti a carbone, a Porto Tolle e a Rossano Calabro.

Fulvio Conti, amministratore delegato di ENEL, mira a ottenere un quarto mandato. Dopo aver tentato di fregarci col nucleare, Conti sta facendo del carbone un primato assoluto e nefasto per la sua azienda, nella quale la produzione e gli investimenti sulle nuove rinnovabili rimangono marginali. Greenpeace chiede che venga quanto prima rimosso il management ENEL e che l’azienda cambi radicalmente rotta.

(da comunicato Greenpeace Italia)

One thought on “Piano Enel: fumata nera come il carbone

  1. Non ho capito francamente la differenza tra massoneria e carboneria. sto anche leggendo un libro di fulvio conti (prof.univ.firenze) senza trarre una risposta. se non ci arrivo dovro’ scomodarlo…
    Inoltre ho assistito a un convegno con il prof. gianmario cazzaniga la cui presenza mi da soggezione (non perchè lui me ne mettesse, perche me ne metto io senza aiuto esterno-in effetti mi sento come un cinnazzetto suggestionabile), se ne è parlato brevemente ma non ho carpito.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>