Un futuro 100% rinnovabile per New York?

Autore: Rinnovabili

Un futuro 100% rinnovabile per New York?(Rinnovabili.it) – In questi giorni Andrew Cuomo, governatore di New York, dovrà affrontare una decisione cruciale: autorizzare o meno il “fracking“. Si tratta di una tecnica di estrazione del gas di scisto che sfrutta la pressione di liquidi (acqua, sabbia e sostanze chimiche) per provocare fratture negli strati rocciosi più profondi, favorendo così il rilascio del gas. Il processo non è esente da rischi  per l’ambiente, al punto da aver generato una forte mobilitazione dell’ambientalismo statunitense.

In questo clima di contrapposizione, un nuovo studio della Stanford University mostra come sia possibile adottare una strada alternativa: convertire le infrastrutture energetiche di New York in impianti a fonti rinnovabili. Vento, acqua e sole potrebbero assicurare un approvvigionamento energetico sostenibile, in grado di creare nuovi posti di lavoro e di abbattere i costi pubblici legati all’inquinamento.

Attualmente quasi tutta l’energia di New York proviene da importazioni di petrolio, carbone e gas, ma secondo quanto formulato dai ricercatori, entro il 2030 il 40 per cento dell’energia dello Stato potrebbe essere ottenuta dal vento, il 38 per cento dal sole e il resto da una combinazione di energia idroelettrica, geotermica e marina. I ricercatori hanno calcolato con precisione quanti e quali impianti di energie rinnovabili sono necessari per soddisfare il fabbisogno energetico della popolazione.

Ogni anno potrebbero essere evitati 4.000 decessi legati all’inquinamento dell’aria e lo Stato potrebbe risparmiare circa 33 miliardi di dollari di costi sanitari (il 3 per cento del PIL). La conversione energetica di New York si ripagherebbe, così, in 17 anni o addirittura in soli dieci anni in caso di vendita di energia elettrica.

A dare, in un certo senso, manforte allo studio, opponendosi alla proposta di perforare il suolo newyorchese c’è ora anche un gruppo di ben 200 celebrità statunitensi (tra cui Lady Gaga, Robert de Niro e Yoko Ono) che ha creato una campagna intitolata “artisti contro il fracking” con il preciso obiettivo  di chiedere al governatore Cuomo di non autorizzare tale tecnica invasiva. Tra le iniziative dell’associazione, un video-appello nato da una canzone di Sean Lennon che ha raggiunto l’importante obiettivo di far slittare la decisione di Cuomo, che doveva essere adottata l’estate scorsa.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due × = 16

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>