Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Anche negli Usa le rinnovabili stanno mettendo in difficoltà le fonti convenzionali. In particolare l’eolico cresciuto impetuosamente sta riducendo significativamente i prezzi dell’elettricità, al punto da renderli spesso negativi e – assieme alla concorrenza del gas, molto economico negli Usa – sta mettendo alle corde nucleare e carbone.

Anche negli Usa le rinnovabili stanno mettendo in difficoltà le fonti convenzionali. In particolare, l’eolico sta riducendo significativamente i prezzi dell’elettricità al punto da renderli spesso negativi nelle fasce di bassa domanda e – assieme alla concorrenza del gas, molto economico negli Usa – sta mettendo alle corde nucleare e carbone.

Come sappiamo nel 2012 l’eolico Usa ha avuto un boom, spinto dal timore (poi dimostratosi infondato) che finissero gli sgravi fiscali incentivanti del federal tax credit: una crescita del 28%, con oltre 13 GW di nuovo installato. Dal 2003 la potenza eolica del paese si è moltiplicata per 10, superando i 60 GW, ora copre il 3,4% della domanda elettrica statunitense e dovrebbe arrivare al 4,2% nel 2014. Una crescita che sta mettendo seriamente in difficoltà chi produce elettricità da carbone e nucleare, che già deve vedersela con competitor gas, divenuto molto competitivo sul mercato americano da quando si sfruttano i giacimenti non convenzionali da scisti, cioè lo shale gas.

Nel mercato elettrico del Midwest sia eolico che gas al momento danno energia più a buon mercato rispetto a carbone e nucleare e hanno portato i prezzi dell’elettricità al minimo storico degli ultimi 10 anni, facendoli calare del 40% dal 2008 e spingendoli più spesso a valori negativi nei periodo di bassa domanda e alta ventosità.

Gli effetti in quel mercato li descrive bene Bloomberg in un recente articolo: Dominion Resources Power sta chiudendo un reattore nucleare che opera in perdita e sta vendendo centrali a carbone; Exelon sta soffrendo per margini operativi che si restringono sul nucleare, mentre una centrale a carbone di Edison International è andata in bancarotta. Se il contributo del gas è fondamentale nello spingere in basso i prezzi, “il vento ha assolutamente un ruolo, specialmente nelle ore non di picco”, spiega alla testata energetica un portavoce della divisone del Midwest di Edison.

Il fatto è che l’eolico produce a costi marginali praticamente nulli – non serve carburante aggiuntivo per produrre un kWh in più – e viene pure incentivato per ogni MWh prodotto: se c’è vento, le pale continuano a girare a pieno ritmo anche quando la domanda è bassa. Il risultato è che negli Stati con più eolico – Texas, California, Iowa, Illinois and Oregon – in alcuni momenti c’è un eccesso di elettricità rispetto alla domanda che porta i prezzi a zero o addirittura a valori negativi. Dal primo gennaio, ad esempio, in Illinois il megawattora nelle ore off-peak è stato venduto in media a 23,39 $ è in un caso, l’11 ottobre 2012, ha toccato il record di -41,08 $ ; in quel mercato il prezzo di vendita è negativo tra l’8 e il 14% delle ore off-peak.

Anche nelle fasce orarie in cui i prezzi vanno sotto zero, le centrali nucleari e quelle a carbone, poco flessibili, devono essere tenute in funzione, con il paradosso di dover pure pagare, oltre ai costi di gestione e al combustibile, anche il gestore di rete affinché si prenda l’elettricità che producono.

“Il fenomeno è sempre più evidente man mano che viene installato nuovo eolico”, spiega a Bloomberg, Christopher Crane, CEO di Exelon – se la spinta dell’eolico continua “c’è un’elevata probabilità che le centrali nucleari esistenti, sicure e affidabili, non saranno più competitive e dovranno essere mandate in pensione in anticipo”.

Anche se la responsabilità della crisi del nucleare è solo in parte causata dall’energia dal vento, visto che pesa molto di più la concorrenza del gas, è comunque chiaro che l’atomo come pure il carbone, sempre più penalizzato dalle normative ambientali, stiano perdendo la battaglia. Che l’eolico (e le altre rinnovabili) continuino a crescere, spingendo in basso i prezzi dell’elettricità è certo. Se nel 2013 negli Usa le installazioni probabilmente rallenteranno, dopo il rush finale del 2012, sappiamo bene che la strada è comunque segnata e che l’energia dal vento sarà sempre più competitiva. Basti ricordare che dal 2010 i prezzi delle turbine sono calati di un terzo.