Anche l’Europa mette il dito sulla stretta di Roma agli enti locali


Autore: Il Fatto Quotidiano

Enti locali senza soldi e spogliati quasi di ogni potere. Questo è il succo del rapporto “La democrazia locale e regionale in Italia” redatto a Strasburgo dal Congresso dei poteri locali  regionali del Consiglio d’Europa (CPLRE). Il quadro che ne viene fuori è fatto di una moltitudine di comuni, provincie e regioni schiacciate nelle loro attività quotidiane dalla presenza invasiva di Roma. A dirlo non è l’Anci ma una un’istituzione che rappresenta gli enti locali dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa

Nelle pagine del rapporto, si legge che i relatori si rammaricano del fatto che “non sia pienamente rispettato il diritto degli enti locali di amministrare una parte importante di affari pubblici” e che “i meccanismi di perequazione finanziaria siano insufficienti e assenti le procedure di consultazione relative alla redistribuzione delle risorse finanziarie agli enti locali”. Scarso poi il coinvolgimento dei cittadini nel processo decisionale democratico della loro comunità. Per questo il Congresso chiede che l’Italia “ratifichi il protocollo alla Carta europea dell’autonomia locale sul diritto dei cittadini a partecipare nella gestione delle loro collettività”, partecipazione che da protocollo “deve essere garantita attraverso consultazioni, referendum locali, petizioni, e l’accesso ai documenti degli enti locali”.

E poi i soldi. Il Consiglio d’Europa evidenzia “l’assenza di meccanismi che consentano al governo di consultare gli enti locali in modo appropriato sulle modalità di assegnazione delle risorse finanziarie”, che neanche a dirlo sono sempre meno. Si perché il rapporto non prende ancora in considerazione gli effetti della spending review approvata per raggiungere, in modo tutt’altro che indolore, il pareggio di bilancio concordato a Bruxelles.

“La spending review ovviamente ha peggiorato una situazione già di per se precaria”, dice Emilio Verrengia, vicepresidente del CPLRE e Segretario generale aggiunto dell’AICCRE (sezione italiana del CCRE). “Ho più volte denunciato le violazioni da parte dei nostri Governi della Carta europea dell’autonomia locale. Ne abbiamo sempre fatto una questione di democrazia: se sono penalizzati gli enti locali lo sono di conseguenza soprattutto i cittadini”. Sulla spending review, comuni, province e regioni sono tutti d’accordo, tant’è che perfino il presidente dell’Anci e sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio (Pd) e il governatore del Veneto, Luca Zaia (Lega Nord), condividono la stessa posizione: il patto di stabilità deve essere sforato.

Dici Zaia e viene in mente il federalismo fiscale promesso da anni dalla Lega e mai realizzato concretamente. Alla luce del rapporto del Consiglio d’Europa si potrebbe pensare che questo federalismo potrebbe aiutare a risolvere la situazione. Lo stesso CPLRE invita le autorità nazionali “a completare il progetto di riforma sforzandosi di adattare le risorse alle funzioni svolte a livello locale e regionale e vigilando affinché gli enti territoriali dispongano di risorse adeguate”. Ma attenzione, specifica Verrengia, “va bene federalismo ma non se questo vuol dire avvantaggiare le regioni più ricche a discapito di quelle più povere”.

@AlessioPisano

2 thoughts on “Anche l’Europa mette il dito sulla stretta di Roma agli enti locali

  1. salve raga, ho fatto domanda per un concorso in un ente locale (comune). vorrei sapere se conoscete testi su cui poter studiare determinati argomenti tipo: Diritto Costituzionale ed Amministrativo, Diritto degli Enti Locali etc ma ke nn costino troppo. grazie

  2. Assenteismo a Reggio Calabria: arrestati 17 dipendenti del Comune

    Le indagini, condotte dalla Guardia di finanza, hanno portato alla denuncia
    di altre 78 persone. L’accusa è di truffa ai danni dell’ente

    Articolo di GIUSEPPE BALDESSARRO del 9 aprile 2013 – Repubblica.it
    Fonte: http://www.repubblica.it/cronaca/2013/04/09/news/assenteismo-56256684/
    Non facevo confronti tra dipendenti NORD/SUD o STATALI/PRIVATI.
    Ci sono tanti disoccupati che vogliono un lavoro ma non lo trovano…
    @ Luc: Scrivendo così (non mi interessa in che classifica sta l’Italia) mi sembra che tu stia giustificando queste persone. Forse mi sbaglio. E la predica non so a chi sia diretta ma se fosse diretta a me, non me la merito, ho solo portato un esempio di questi giorni senza volere essere troppo polemica (io difendo i lavoratori non questa gente) e la fonte da cui ho preso le informazioni in questo caso non credo abbia raccontato balle.

    Altra Fonte: http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/04/09/reggio-calabria-blitz-anti-assenteisti-della-finanza-in-17-in-manette/227601/
    @ Cesare: In effetti se dovessi dare una data di inizio a questa crisi non saprei che data indicare, hai ragione. Io parlo di crisi quando le aziende chiudono e delocalizzano all’estero, lasciando i lavoratori a casa in cassa integrazione. E parlo per esperienza personale. Alzano l’età pensionabile, lasciando fuori dal mondo del lavoro i giovani. E anche qui rientro nella casistica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− quattro = 3

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>