GLI ULTRAMILIARDARI

Autore: ComeDonChisciotte

  Varie


DI ALFREDO ZAIAT

Pagina 12

I paesi economicamente più forti del mondo stanno attraversando il sesto anno di recessione economica. Gli Stati Uniti, l’Europa ed il Giappone non possono uscir fuori da questa situazione con politiche che abbinano l’espansione monetaria per salvare le banche con la restrizione fiscale nell’ambito socio-lavorativo. Malgrado gli insoddisfacenti risultati, le grandi potenze persistono nell’applicazione di questa strategia. Qualcuno sostiene l’idea, cercando introdurla nell’immaginario collettivo delle persone, che nelle grandi crisi perdono tutti, sia ricchi che poveri; sia imprenditori che lavoratori. Ebbene, non è così.

Inoltre, si cerca di convincere sul fatto che il deterioramento economico generale non conviene a nessuno, ma a qualcuno si, ai cosiddetti ultraricchi, e se non ne traggono benefici, rimangono indifferenti davanti a questa situazione, dato che i loro patrimoni sono talmente grandi che non subiscono le conseguenze della crisi. Questa nozione è confermata dallo studio svolto da Wealth –X, un’azienda che mette a disposizione dei professionisti del mondo delle finanze specializzati nella gestione di grandi patrimoni privati, informazioni relative ai grandi patrimoni degli ultramiliardari. Dall’informazione ricavata sul sito, sappiamo che collaborano con la gestione di 8 delle principali banche private a livello mondiale, affermano, inoltre, di possedere informazione dettagliata ed esclusiva circa gli importi patrimoniali, ricavi, passioni, interessi filantropici, orientamento politico, assessori e consulenti, famiglie e biografie degli ultraricchi. La Wealth-X ha elaborato un elenco dei paesi con maggior presenza di Ultra High Net Worth Individuals (UHNWI), persone i cui ricavi superano i 1.000 milioni di dollari, senza contare i patrimoni immobiliari, beni di antiquariato (opere di arte, ecc), patrimoni mobiliari (auto, aerei, yatch, ecc.)

L’instabilità economica negli ultimi anni non ha recato alcun danno a questo ridotto gruppo che monopolizza grandi patrimoni, che in alcuni casi superano il PIL dei paesi periferici. Il numero di ultramiliardari si è incrementato, così come la loro ricchezza, malgrado la prolungata situazione di incertezza economica globale. I professionisti della Wealth-x l’anno scorso hanno stimato un incremento di 760.000 milioni di dollari dei patrimoni dei più ricchi, ed hanno realizzato la classifica dei dieci paesi con maggior presenza di ultraricchi, nonché la ricchezza complessiva registrata dagli stessi.

1 Stati Uniti: 480 ultra ricchi, 2055 miliardi di dollari

Questo paese occupa, comodamente, il primo posto della lista, qui si trovano 333 ultramiliardari in più rispetto al suo concorrente diretto (la Cina). Nonostante la recessione economica, l’anno scorso sono entrati a far parte di questo gruppo esclusivo 25 nuovi ricchi, si stima che possiedano una media di 4.300 milioni di dollari ciascuno. Secondo l’ultima lista Forbes, Bill Gates (Microsoft) è l’uomo più ricco degli USA, occupa il primo posto con 67.000 milioni di dollari, seguito da Warren Buffett con 53.500 milioni di dollari. Lo stato della California è il posto di residenza preferito dai ricchi, occupano il secondo, terzo, quarto e quinto gli stati di New York, Texas, Florida ed Illinois, rispettivamente.

2 Cina: 147ultra ricchi, 380 miliardi di dollari.

La Cina occupa il secondo posto nella classifica per la quantità di ricchi cinesi, ma si trova dopo la Germania ed la Gran Bretagna se si considera la ricchezza complessiva. Si stima che ogni cinese miliardario possieda in media 2.600 milioni di dollari. Shanghai, Guangzhou, Shenzen, Pechino e Hangzhuo sono le cinque città con maggior presenza di ultramiliardari. Zong Qinghou, che gestisce il Gruppo Hangzhou Wahaha, azienda leader delle bevande del paese, ha una fortuna pari 11.600 milioni di dollari e, conseguentemente, è considerato l’uomo più ricco di questo paese.

3. Gran Bretagna: 140 ultra ricchi, 430 miliardi di dollari.

Qua si trova concentrata la maggior parte dei ricchi dell’Europa, con una media di 3100 milioni di dollari per ogni miliardario. Nel 2012, nonostante la recessione, la quantità dei miliardari britannici è aumentata dello 0.2% ed in termini di ricchezza complessiva, è cresciuta anche questa del 4%

4. Germania: 137 ultra ricchi, 550 miliardi di dollari

Occupa la quarta posizione per il numero di ricchi, però in termini di ricchezza complessivamente è al secondo posto, superando la Cina e la Gran Bretagna, ci sono meno tedeschi ricchi ma i più ricchi possiedono in media una fortuna pari a 4.000 milioni di dollari. Amburgo, Monaco e Dusseldorf sono le tre città preferite dai miliardari tedeschi. Il tedesco più ricco è Karl Albrecht che possiede 26.000 milioni di dollari ed è il proprietario della catena tedesca di supermercati Aldi Sud, che ha 4600 negozi in nove paesi.

5. India: 109 ultra ricchi, 190 miliardi di dollari

L’economia indiana è considerata come una nuova potenza, la quantità dei miliardari che si trovano lì, non solo mette in evidenza la magnitudine della ricchezza che li si sta creando, ma anche l’ineguaglianza socio economica. L’India insieme alla Cina, ed al Giappone fa parte dei tre colossi dell’economia asiatica, in queste tre potenze ci sono intorno al 75% degli ultraricchi della popolazione della regione. Si stima che gli indiani più ricchi possiedano un patrimonio di 1.700 milioni di dollari, con Mukesh Ambani (petrochimica, petrolio, gas) al primo posto con un capitale di 21.500 milioni di dollari.

6. Russia: 97 ultra ricchi, 380 miliardi di dollari

Il numero di miliardari russi non è molto alto, ma i patrimoni di chi appartiene a questo gruppo ristretto è di 3900 milioni di dollari, in media, il che porta la Russia al secondo posto come ricchezza complessiva ma al sesto per il numero di ricchi, anche se questa tendenza è in crescita, il numero di ricchi russi è aumentato del 17% rispetto all’anno precedente. Il russo più ricco è Alisher Usmanov a cui appartengono 17.600 milioni di dollari.

7. Hong Kong: 64 ultra ricchi, 190 miliardi di dollari

Hong Kong costituisce il punto chiave del’economia asiatica e qui si trovano alcune delle persone più ricche della regione.
L’84enne Ka-Shing Li è l’uomo più ricco di Hong Kong con un patrimonio di 31.000 milioni di dollari secondo l’ultima indagine Forbes.

8. Svizzera: 57 ultra ricchi, 125 miliardi di dollari

Nonostante la crisi europea, l’anno scorso il patrimonio degli ultraricchi svizzeri è aumentato del 3% rispetto al periodo precedente, ed il numero dei ricchi del 7%, Wealth-x si chiede il motivo per cui la Svizzera attrae cosi tanto i miliardari, ed è perché i suoi benefici fiscali e le leggi sulla privacy permettono di mantenere il denaro, anche se in realtà non risiedono permanentemente in questo paese.

9. Brasile: 49 ultra ricchi, 300 miliardi di dollari

È l’unico paese latinoamericano che fa parte della classifica, malgrado abbia un’economia ferma, il Brasile ha incrementato del 3.5% il numero degli ultramiliardari. Eike Batista è l’uomo più ricco del paese e possiede un patrimonio estimato di 19.400 milioni di dollari, secondo Forbes.

10. Canada: 40 ultra ricchi, 105 miliardi di dollari

Le file degli ultramiliardari del mondo hanno raggiunto i massimi storici, informa Forbes 2013: adesso ci sono un totale di 1426 uomini con un valore patrimoniale lordo totale di 5.400 miliardi di dollari. Questa classifica insieme al ranking dei paesi con maggior numero di miliardari e successione di cifre offrono una conclusione inquietante.


La peggior crisi economica globale dalla Depressione degli anni 30 del secolo scorso, segue una linea che si avvicina alla fine, mentre aumentano in modo esorbitante i patrimoni degli appartenenti a questo ridotto gruppo degli ultramiliardari.

Alfredo Zaiat




Fonte: www.rebelion.org

Link: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=165401&titular=ultramultimillonarios-


18.03.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DIANA GARRIDO

 
GLI ULTRAMILIARDARI ultima modifica: 2013-03-26T07:11:50+00:00 da admin

11 thoughts to “GLI ULTRAMILIARDARI”

  1. tempo fa ho visto (ad annozero) Bersani incitare Tremonti a trovare dei soldi per potere rimettere in sesto l’ economia italiana. anche se bersani parlava di pochi punti percentuali del pil Tremonti giurava che non riusciva a trovarli, non c’ erano, proprio niente da fare.
    qualche giorno fa leggo che tremonti ha appena smentito una “manovrina” di 5 miliardi da trovare entro l’ estate, aumentando, ovviamente le tasse.
    adesso l’ Italia promette 5 miliardi alla Grecia.
    ma dove credono di trovarli?
    il nostro debito pubblico è 6 volte quello greco…
    ci stanno prendendo in giro?

  2. Devo fare una cenetta di compleanno tete-a-tete per il mio fidanzato. Come torta vorrei fargli due mini-cake, una a semifreddo e l’altra non so… mi consigliate qualcosa? Lui è molto molto goloso, non apprezza i sapori aspri, adora il dolce e non impazzisce per le torte tradizionali (pan di spagna e crema, per capirci). Che dolci mi consigliate?

  3. Grazie allo sfruttamento del mercato mondiale, la borghesia dà un carattere cosmopolita alla produzione ed ai consumi di tutti i paesi. Facendo disperare i reazionari, ha tolto all’industria la sua base nazionale. Le antiche industrie sono distrutte o stanno per esserlo. Vengono soppiantate da industrie nuove la cui introduzione diventa questione di vita o di morte per tutte le nazioni sviluppate, industrie che non utilizzano più materie prime locali, ma quelle importate dalle zone più lontane, ed i cui prodotti vengono consumati in ogni angolo del pianeta, non solamente nel paese.

    considerazioni?
    FDD: cit” in italia stanno per morire..”
    chi sta per morire? hai letto dettagli? hai presente la fiat? questione di vita o di morte.
    la germania E’ la globalizzazione, non la sfrutta, ma ne è artefice!
    continua a guardare il mondo dal buco della serratura sai.

  4. Il campionato italiano se non sbaglio è stato rimandato all’11? Ma sapete dirmi il perchè? Perchè i giocatori hanno scioperato? Ma chi ha scioperato?

  5. L’agenzia delle entrate ha pubblicato tutti i redditi 2005 di tutti on line..ognuno puo sapere quanto guadagna l’altro..dovè finita la Privacy?????.per voi è giusto??…
    Scatenerà guerre familiari??.Sequestri??Rapine..??.io credo sia pericoloso….voi??e Sinceramente non mi interessa sapere quanto guadagna un politico/vip/calciatore..gia si sa ke sono ultramiliardari….ma per la gente normale?? sto provando ad entrarci ma non ci riesco..già sarà intasato..daltronde siamo tutti dei ficcanaso;-)
    Rettifica…Hanno bloccato il Server..già e scandalo Nazionale..meno male….
    http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/economia/redditi-online/redditi-online/redditi-online.html

  6. perchè odiano lo sviluppo civile e culturale, perchè non si ribellano alle teocrazie e alle dittature, perchè esludono metà dell’umanità (cioè le donne)dai ruoli fondamentali per la crescita della società, perchè i loro nababbi ultramiliardari finanziano il terrorismo e vengono a sollazzarsi in occidente invece di aiutare i loro poveri, perchè i loro governanti (dittatori e predicanti) vivono in palazzi dorati affamando i loro popoli, è tutta colpa dell’occidente cattivo? Mi sbaglio? O dell’america cattiva? Mi sbaglio?

    saluti

  7. Ronaldo le combina di tutti i colori, Paris Hilton si sente sola…. più leggo le notizie su questi ed altri personaggi ultramiliardari più mi fanno pena.Non avrei mai creduto che gente così potesse cadere così in basso tanto da pensare di loro che sono dei poveri sfigati.Voi che ne pensate di questi poverini così ricchi ma solo di soldi?

  8. Si può dire che noi ci siamo stancati. In poco più di tre anni abbiamo visto il nostro calcio privarsi di grandi nomi. Gli esempi per eccellenza sono sicuramente Balotelli, Sanchez, Pastore, Sirigu e ora anche Thiago Silva. Inoltre le nostre squadre non possono più permettersi di rinforzarsi date le cifre astronomiche richieste dai club anche per i più mediocri giocatori. Basti pensare che prima dell’avvento dei ricchi arabi, i giocatori di alto livello erano felicissimi di approdare nel nostro calcio, data la reputazione della quale godeva. Ora i giocatori non badano nemmeno più al livello del campionato nella quale vanno a giocare. Un esempio è stato sicuramente il vergognoso trasferimento di Tevez dai Red Devils all’altra sponda di Manchester senza tener conto della reazione dei tifosi. Ma per quanto ancora il nostro calcio sarà soggetto alle liste della spesa dei ricconi? E’ possibile che ormai di fianco a ogni trattativa riguardante un grande nome si debba leggere Machester City o PSG?

    Se pensate che sceicchi, denaro e mercenarismo siano 3 fattori che rovinano il Calcio stellinate, vediamo quanti siamo a pensarla in questo modo.
    La mia squadra del cuore è la Juventus, comunque non penso che Kakà sia andato al Real per il denaro. Ma se anche fosse, non reputo il Real Madrid una squadra di mercenari, dato che è una squadra che ha una storia infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine