E adesso vogliono l’Imu misura di evasore?


Autore: Il Fatto Quotidiano

E sono tutti d’accordo.

Il senatore del M5S, Vito Crimi, intervistato su Sky Tg 24 si è detto favorevole a eliminare l’Imu sulla prima casa, ma solo per le soglie di reddito più basse.

Il Pd e Scelta civica, ricorda il Corriere della Sera, in campagna elettorale hanno avanzato la proposta di un alleggerimento sui redditi bassi e di un pari aumento su quelli più elevati.

C’è poi l’onorevole Manuela Repetti del Popolo della Libertà, figlia di un costruttore e fidanzata dell’ex ministro Sandro Bondi, che ha già presentato una proposta di legge di revisione dell’Imposta Municipale Unica, che prevede la tassazione sugli immobili proporzionata al reddito.

Anche Il Sole 24 Ore, elencando le possibili rimodulazioni dell’Imu, accenna ad una maggiore progressività del prelievo legata al reddito e all’’I.S.E.E. (= Indicatore della Situazione Economica , cioè il valore assoluto dato dalla somma dei redditi e dal 20% dei patrimoni mobiliari e immobiliari dei componenti il nucleo familiare).

Sui giornali e in rete è un gran citare l’art. 53 della Costituzione: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.


Lo fa anche il Pd Pippo Civati, nel suo blog, affermando che “l’ultima cosa che possiamo fare è dare sollievo a chi ha risorse e peggiorare la situazione di chi non ne ha”.

Un vero peccato che nessuno dei sopra citati abbia avuto il coraggio di indicare i modi che consentiranno di individuare i titolari di redditi bassi che sfuggiranno all’odiosa tassa.

C’è solo da sperare che, per determinarli, nessuno pensi di fare riferimento alle dichiarazioni dei redditi, quelle che, secondo il comunicato del dipartimento delle Finanze, vedono i gioiellieri, i tassisti, gli albergatori, i proprietari di bar e discoteche ormai pronti a mettersi in fila per la scodella di minestra dell’Opera di San Francesco, mentre impiegati, operai, insegnanti e pensionati pare risultino abbastanza ricchi per essere candidati al pagamento dell’Imu anche sulla prima casa.

Fortuna che, tra i commenti al post di Civati, c’era anche quello del signor Salvatore Ponticorvo che, nella vita, si occupa di gestione dei tributi locali e se ne intende. Scrive Ponticorvo: “ISEE e strumenti simili sono, al momento, inutilizzabili visto l’alto livello di evasione ed elusione fiscale nel nostro caro Paese”  e “L’Imu sarà seriamente progressiva quando si riformerà il catasto (gli immobili nei centri storici delle città hanno tendenzialmente rendite uguali o più basse di quelle della periferia pur valendo molto ma molto di più)” e, ci sarebbe da aggiungere, si calcoleranno le rendite catastali in base ai metri quadrati e non ai vani (il vano è un’unità di misura soggetta a diverse interpretazioni e poco affidabile, che equipara un salone a uno stanzino).

Ora noi non sappiamo se chi concepisce le norme sull’Imu sia troppo ingenuo o troppo furbo ma, per favore, gentile signor Ponticorvo, Lei continui a scrivere ovunque le sia possibile perché i suoi concittadini siano informati e non vengano truffati per l’ennesima volta.

 

3 thoughts on “E adesso vogliono l’Imu misura di evasore?

  1. ripropongo una domanda a cui spero mi rispondano i credenti Cattolici
    io credo in Dio..ma la cosa proprio che non mi va giù…è la chiesa, come organizzazione…spiegatemi come nasce, i preti che figura rappresentano, il papa chi è per Dio che nelle sue scritture non ha mai parlato di far nascere un istituzione che si occupasse di eleggere preti, papi, che non paga le tasse, che ha un capitale immenso ma che chiede l’elemosina a chi già non ha nulla mentre per il papa ci sono abiti da 30000 euro ciascuno, Dio ha mai parlato del papa? Dio ha mai parlato di un prete che non può sposarsi, che non può avere figli…cioè io credo che il 90% percento delle leggi attuali della chiesa siano frutto della fantasia e dell’invenzione di uomini come me, ma non riesco a credere a tutto quello che è la chiesa ad impormi senza essere documentato dalle parole del Signore…mi sa tanto di organizzazione a scopo di lucro e di potere…
    Ultima domanda. se Gesù era Ebreo, perchè ha fondato il Cristianesimo?? ed i Cattolici invece?? Se Dio si è Battezzato a 30 anni, perchè noi dovremmo battezzarci quando abbiamo 3 mesi e non capiamo ancora niente?? non è che lo si fa per evitare che ognuno possa scegliere e ridurre così drasticamente il numero dei battezzati???
    si urahara ti ho alzato un pollice per questo, sei stato gentilissimo e chiarissimo, ho ripostato la domanda perchè essendo lunga alcuni mi hanno detto che le persone non la leggevano per stanchezza…tu sei stato chiarissimo..grazie, continuate a scrivere credenti, più informazioni ho più pareri mi date e più possibilità ho di riscoprire la mia fede…grazie a tutti
    Grazie Dionisio S. per la chiarezza d’espressione del tuo pensiero, forse il mio non è stato altrettanto chiaro, infatti io non mi sto schierando con e contro nessuno, sto cercando solo di capire…questi miei dubbi posso solo risolverli ascoltando il parere di molti e di questo te ne sono grato, ma non sto giudicando di certo…
    perchè la Chiesa di Roma ha rinnegato il Vangelo di Tommaso ed esattamente in questa frase?
    Il Regno di Dio è dentro di te e tutto intorno a te. Non è negli edifici di pietra e cemento. Spezza un legno e io ci sarò, alza una pietra e lì mi troverai.

    perchè ci sono varie interpretazioni della frase di Gesù a Pietro: tu sei Pietro e su questa pietra fonderai la mia chiesa..
    io ho letto la frase completa in cui questa affermazione era posta in un contesto che faceva capire ben altro…di quello che poi è stato etrapolato

  2. Perché i gay sentono l’esigenza di dichiararsi? La sessualità non dovrebbe essere un fatto privato e riservato?
    E perché poi il coming out riguarda più spesso i gay maschi che non le lesbiche? Non ho mai sentito di lesbiche dichiarate…

    NB: Però per favore evitiamo di fare i soliti discorsi vittimistici su più o meno vere o presunte “persecuzioni” che subirebbero gli omosessuali.
    Sono d’accordissimo con La femme ocean
    Si appunto, gli etero non si “dichiarano”, lo sono e basta. Perché non dovrebbero fare altrettanto anche gli omosessuali?
    Che poi sinceramente non capisco a chi possa interessare, il proprio partner (o i propri partner) già lo sanno, gli altri che non sono partner che interesse possono avere a sapere dei gusti sessuali di un amico, un conoscente, un parente o affini? Boh, a me i gusti sessuali altrui non mi interessano minimamente.

    Non ho detto che le lesbiche non si dichiarino, e io hce ne so? Ho detto solo che ho sentito sempre parlare di di gay maschi dichiarati ma mai di lesbiche.
    Ehm Dark Lady, io non ho parlato di dichiarazioni d’amore. Dichiararsi innamorato/a di una persona è cosa normalissima e direi anche piuttosto necessaria. Ma io ho parlato di dichiarare i propri gusti sessuali in pubblico, cosa di cui sinceramente non ne vedo affatto la necessità.
    Ma chi dà per scontato niente?

    Omofobia diffusa… si forse negli anni ’50…
    Eudorio sei sicuro/a di stare bene?
    Ripeto che con fatto privato e personale mi riferisco ai gusti sessuali non all’amore verso una persona.
    Le donne che si baciano per strada? Mah, non è uno spettacolo che mi piace a dire il vero. Veramente a me infastiscono anche gli innamorati etero che si baciano per strada.
    Io con la mia ragazza mi son sempre baciato in privato mai in pubblico, mi dà fastidio fare certe cose in pubblico e anche vederle.
    Però quella di Dolcetto LGB è una buona spiegazione direi, molto chiara e sintetica.

  3. quest’anno ho solo reddito da lavoro dipendente per il quale mi è stato consegnato il CUD, non ho proprietà immobiliari nè altri redditi e non ho nulla da detrarre, posso non fare nulla?
    ok per l’8 per mille e il 5 per mille non avrò la facoltà di scelta ma…pazienza..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>