Attivare un numero di telefono fisso sul cellulare

Autore: IlSoftware.it

Per lungo tempo ci si è confrontati su quali potessero essere i protocolli in grado di sostituire le infrastrutture proprie della telefonia tradizionale (PSTN) e di risolvere i due problemi più critici propri delle reti IP: latenza e presenza di dispositivi firewall/NAT. Il protocollo SIP (Session Initiation Protocol), il cui acronimo inglese ricorda – per pura casualità – la società dalla quale, nel nostro Paese, è nata Telecom Italia, è il candidato più papabile.
SIP è da tempo adottato per l’implementazione di soluzioni di telefonia su IP (VoIP), anche e soprattutto a livello professionale.

Attorno al protocollo SIP sono nati numerosi dispositivi VoIP: dai telefoni ATA (Analog Telephone Adapter) che convertono la segnalazione elettrica di un telefono analogico tradizionale in un flusso di dati IP agli IP Phone che sono collegati ad un router attraverso un’interfaccia di comunicazione di tipo ethernet oppure ad un personal computer (che inoltrerà poi i dati sulla rete) per mezzo di un connettore USB.

Grazie all’uso del protocollo SIP e della Rete, è possibile effettuare e ricevere chiamate VoIP da qualunque dispositivo: desktop, notebook, smartphone o tablet con funzionalità telefoniche.
Uno degli aspetti più interessanti delle applicazioni VoIP è la possibilità di portare sempre con sé i propri numeri telefonici: se ci si trova in un hotel all’estero, ad esempio, è possibile appoggiarsi alla rete Wi-Fi della struttura per effettuare e ricevere chiamate via VoIP.
In questo nostro articolo vedremo come attivare un numero di telefono fisso sul cellulare, come utilizzarlo con il protocollo SIP e come farsi chiamate ed effettuare telefonate a costi contenutissimi.
Attivando un numero fisso sul cellulare, chiunque chiamerà dall’Italia tale numerazione pagherà sempre come se si trattasse di una telefonata urbana od interurbana.
Grazie a questo espediente, si sarà raggiungibili ovunque nel mondo, contenendo al massimo i costi telefonici e superando le tariffazioni di roaming internazionale.

Come funziona il protocollo SIP

SIP risulta decisamente alleggerito per quanto riguarda la fase di configurazione della chiamata. Quando un utente desidera mettersi in contatto con un altro interlocutore, viene trasmesso un messaggio d’invito che contiene le informazioni sul chiamante e sul tipo di chiamata in procinto d’essere effettuata (in particolare, sulle caratteristiche tecniche della stessa).
Il messaggio d’invito viene inviato ad un server SIP che funge da proxy server. Il proxy server individua l’utente chiamato e provvede a reindirizzargli l’invito. A questo punto, il destinatario della chiamata risponde con un OK al proxy server che, a sua volta, inoltra la risposta al chiamante. Il client dell’utente chiamante invia infine al destinatario, sempre tramite il proxy server, una ricevuta che conferma di aver ricevuto risposta.
Ciascun utente o client SIP viene identificato con un URL secondo lo schema nomeutente@providersip.com.

SIP ricalca tutte le caratteristiche della telefonia tradizionale (PSTN, rete a commutazione di circuito): la composizione di un numero, l’ascolto dei toni di chiamata o del segnale di occupato, lo squillo del telefono chiamato: sono l’implementazione e la terminologia ad essere differenti.
Il protocollo SIP si propone come obiettivo quello di gestire via Internet tutte le chiamate vocali e le videoconferenze. L’unico modo per raggiungere un utente usando tale protocollo è quello di conoscerne l’indirizzo e-mail od un particolare identificativo, valido a livello mondiale.

La stragrande maggioranza dei provider italiani che offrono servizi VoIP basati su protocollo SIP consentono di attivare gratuitamente un numero telefonico con prefisso geografico (esempio: 02, 06, 011,…) raggiungibile dalla rete telefonica tradizionale.

Le chiamate in uscita possono essere effettuate configurando opportunamente (inserendo dominio e proxy SIP forniti dal fornitore dei servizi VoIP) un software client SIP. In alternativa, per usufruire dei servizi VoIP, si può pensare di acquistare un telefono VoIP da collegarsi ad una porta ethernet (connettore RJ-45) di un router o di un dispositivo hub/switch oppure ad una normale porta USB del personal computer (in questo caso, però, si dovrà necessariamente usare la tastiera del computer per le operazioni di composizione del numero e gestione della chiamata).

Attivare un numero fisso sul cellulare con Clouditalia e Messagenet

Due provider italiani di soluzioni VoIP consentono di attivare gratuitamente numeri telefonici fissi. Sia Clouditalia Orchestra che Messagenet, ad esempio, offrono un servizio che funge da interfaccia tra la rete telefonica tradizionale (PSTN) e la rete a commutazione di pacchetto.
Una volta registratisi gratuitamente ai servizi VoIP di Clouditalia o di Messagenet, l’utente può scegliere un numero fisso con prefisso locale, raggiungibile da qualunque telefono tradizionale.

Nel caso di Clouditalia, è possibile attivare fino a 99 numerazioni fisse. I prefissi telefonici tra cui scegliere sono moltissimi: si può selezionare un numero fisso appartenente ad uno dei distretti italiani. Messagenet, invece, fornisce gratuitamente un solo numero telefonico per persona od impresa.

La legislazione italiana vieta l’utilizzo di una numerazione VoIP all’infuori del distretto telefonico a cui appartiene il prefisso scelto. Per questo motivo, diversamente da quanto accadeva sino a qualche anno fa, i provider VoIP offrono solo numeri fissi che hanno un prefisso telefonico “compatibile” con la residenza del richiedente.

La richiesta del proprio numero telefonico fisso gratuito può essere inoltrata, ai seguenti indirizzi:
- Pagina di registrazione Clouditalia
- Pagina di registrazione Messagenet

Sia Clouditalia che Messagenet utilizzano il protocollo SIP: le chiamate VoIP possono essere effettuate e ricevute, quindi, ricorrendo ad un qualunque software client compatibile più cuffie e microfono, ad un telefono VoIP USB/Ethernet o ad un gateway VoIP. Il numero telefonico PSTN è offerto gratuitamente ed altrettanto gratuite sono le telefonate effettuate tra gli utenti dei network Clouditalia e Messagenet (attraverso l’uso del “numero interno”).
Le chiamate effettuate da personal computer o dispositivi VoIP hardware verso telefoni fissi e mobili di tutto il mondo (esterni alle reti di Clouditalia e Messagenet) sono invece tariffate a parte (è necessaria una ricarica per poter effettuare queste chiamate).

Entrambi i servizi prevedono la fornitura di una segreteria telefonica attivabile manualmente dall’utente, sempre a titolo gratuito. Nel caso in cui il proprio numero VoIP non dovesse risultare raggiungibile, il messaggio ricevuto verrà trasformato in un file vocale in formato .wav ed inoltrato via e-mail all’indirizzo dell’account. Per gestire l’attivazione della segreteria telefonica o l’aggiunta di nuovi numeri, è necessario loggarsi con i propri nome utente e password personali nell’area utenti.

Una volta scelto ad attivato un numero fisso VoIP, a seconda che si sia optato per Clouditalia o per Messagenet, sarà necessario annotare i dati che riportiamo nei riquadri seguenti.
Si tratta delle informazioni indispensabili per utilizzare il numero telefonico VoIP da qualsiasi dispositivi hardware compatibile SIP o da qualunque software client capace di supportare il protocollo di comunicazione.

Parametri per la configurazione del servizio VoIP di Clouditalia

Nome account: un nome identificativo per l’account da scegliersi liberamente
Username: numero telefonico Clouditalia scelto (esempio: 02123456789)
Authorization User o ID autenticazione SIP: come sopra (di solito può essere lasciato vuoto)
Password: password scelta in fase di registrazione
Server: voip.eutelia.it
Proxy server SIP: voip.eutelia.it:5060
Server STUN: stun.voip.eutelia.it:3478

Parametri per la configurazione del servizio VoIP di Messagenet

Nome account: un nome identificativo per l’account da scegliersi liberamente
Username: identificativo personale e unico (detto anche URI) ricevuto via e-mail da Messagenet
Authorization User o ID autenticazione SIP: come sopra (di solito può essere lasciato vuoto)
Password: password scelta in fase di registrazione
Server: sip.messagenet.it
Proxy server SIP: sip.messagenet.it:5061 oppure sip.messagenet.it:5060

Per attivare un numero di telefono fisso su un cellulare Android la migliore soluzione è provvedere all’installazione di CSipSimple, applicazione prelevabile gratuitamente da Google Play.

La configurazione di CSipSimple è davvero molto semplice: avviando l’applicazione sul dispositivo Android, il programma chiederà se integrarsi con il sistema operativo (scelta consigliata).

Il miglior modo per utilizzare CSipSimple è appoggiarsi ad una connessione Wi-Fi. L’applicazione, comunque, consente di effettuare e ricevere chiamate VoIP anche utilizzando la connessione dati 3G/4G. Per usare CSipSimple in tale modalità, tuttavia, è indispensabile che l’operatore telefonico non vieti l’uso di applicazioni VoIP:

Come primo passo si dovrà quindi aggiungere un nuovo account VoIP/SIP “tappando” sull’apposito pulsante:

CSipSimple offre già una serie di profili preimpostati. Scegliendo Eutelia, ad esempio, non si dovrà digitare alcun dato accessorio come server SIP e proxy ma basterà limitarsi ad introdurre i propri username e password:

Utilizzando i “wizard generici“, CSipSimple consentirà di attivare qualunque tipo di account SIP: sarà l’utente a dover manualmente specificare tutti i parametri di configurazione indicati dal fornitore del servizio.

Accedendo alle impostazioni di CSipSimple quindi selezionando Account si potranno gestire più account SIP contemporaneamente. In questo modo, si potranno ricevere chiamate, simultaneamente, su più numerazioni fisse o scegliere, di volta in volta, da quale numero chiamare.

Per scegliere il numero fisso col quale si desidera effettuare una telefonata, è sufficiente agire sul menù a tendina posto immediatamente sopra il tastierino numerico, sulla destra.

Accedendo alla schermata delle impostazioni di CSipSimple è possibile impostare dei filtri in modo da specificare, ad esempio, quali numerazioni non possono chiamare.

È possibile anche definire in che modo CSipSimple deve connettersi alla Rete, impostare alcune preferenze riguardanti il funzionamento del codec audio e la qualità sonora, stabilire il “look” dell’interfaccia.

Selezionando l’opzione Disponibile su Wi-Fi, CSipSimple attiverà le numerazioni fisse in ricezione ed in chiamata esclusivamente quando la connessione Wi-Fi risulta attiva e funzionante. Non appena tale connessione verrà disattivata, CsipSimple cesserà di visualizzare qualunque notifica.

Per effettuare chiamate a costo zero, anche dai dispositivi mobili, suggeriamo la lettura dell’articolo Telefonare gratis con Indoona da sistemi desktop, notebook e dispositivi mobili.

Share on Tumblr

3 thoughts on “Attivare un numero di telefono fisso sul cellulare

  1. Ho due problemi: ho casa sotto il cono di un promontorio. Il telefono raggiunge al massimo due lineette sul bordo della finestra. Se esco di casa va alla grande. Il secondo problema è che non ho il telefono fisso e anche per spostamenti uso spesso il cellulare. Ma spaventato dal fatto che si ripete sempre di usare l’auricolare per diminuire le radiazioni, non ho capito quale è più sicuro fra quello con cavo e quello bluetooth. In primis mi è cara la salute, e come seconda cosa nn sarei costretto a stare con l’orecchio attaccato alla finestra, ma un po’ distante con il filo e ancora di più con il bluetooth, visto che fra le altre cose arrivano più radiazioni quando prende poco.
    Qualcuno ha seguito la trasmissione di report domenica? Io purtroppo l’ho persa, ma so che hanno dato molti consigli e non ho trovato nessuno che potesse indicarmi quelle precauzioni. Nel qual caso ci fosse, ringrazio chi mi voglia scrivere tali precauzioni. So comunque che utilizzando l’auricolare con cavo, dove terremmo il cellulare? Alcuni studiosi affermano che sia pericoloso perché in tasca tratterrebbe le radiazioni, che poi si appiccicherebbero ai vestiti. Altri affermano che sia più sicuro, perché il telefono starebbe lontano dall’orecchio e, pertanto, dalla testa (o, dal cervello). Contemporaneamente, però, se fosse nella tasca vicino il cuore, alcuni affermano che causerebbe problemi; nella tasca vicino l’anca potrebbe causare problemi alle parti intime del corpo. Che dire di un auricolare Bluetooth? Alcuni dicono che è il meno pericoloso perchè le radiazioni nel qual caso facessero male sono di bassissima potenza. Ma altri dicono che anche se appoggiato sul tavolo, il corpo riceverebbe le radiazioni “blu”. Insomma, sembra che i catastrofisti studiosi di telefonia non siano d’accordo, e che, forse, esagerino.
    Una soluzione potrebbe essere attivare il vivavoce. In questo modo il telefono starebbe appoggiato su un tavolino, non ci sarebbe bisogno di auricolari con o senza cavo. Naturalmente, ciò è fattibile solo se si telefona in casa. Ma fuori cosa è meglio secondo voi?

  2. Salve a tutti, in questi giorni mi è venuto in mente di creare una radio web tutta mia e ho trovato questo sito, ma volevo sapere un paio di cose da voi:
    1)E’ gratis??
    2) Si può mettere la musica che mi piace di più(Alessandra Amoroso ecc.)???
    3) mi spiegate passo per passo come iscrivermi creare la radio e andare in onda???

    Al piu preciso 10 punti assicurati!!!!

  3. Una volta attivato il servizio di far comparire il proprio numero fisso come anonimo, non serve più digitarlo. Ma se adesso voglio alternare chiamate visibili a chiamate invisibili, come disattivo il servizio?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>