Autore: Rinnovabili

Cuba e Nigaragua afflitti dal cambiamento climatico(Rinnovabili.it) – Il clima sta giocando brutti scherzi al Centro America che si trova ad affrontare, oggi più che mai, le conseguenze dell’innalzamento della temperatura. A subire i danni maggiori il Nicaragua, dove le piogge stanno obbligando migliaia di famiglie a lasciare le proprie abitazioni e Cuba, dove gli incendi hanno devastato oltre 3.800 ettari di foreste.

Acqua e fuoco stanno quindi devastando i due paesi, che pensano a misure preventive per combattere il global warming e le sue conseguenze.

In Nicaragua infatti le Autorità del Sistema Nazionale di Prevenzione, Mitigazione e Attenzione ai Disastri (Sinapred) stanno esortando la popolazione a fare attenzione visto che le previsioni non fanno ben sperare per i giorni a venire. Nonostante le piogge in questo periodo siano di stagione, l’intensità e la durata delle perturbazioni sta facendo pensare che tutto derivi dall’innalzamento della temperatura.

 

Contemporaneamente Cuba sta facendo i conti gli incendi, che da gennaio a maggio hanno devastato più di 3.800 ettari di foresta. Spesso durante la stagione secca Cuba viene colpita da incendi che quest’anno, hanno rivelato le stime, sono diminuiti rispetto all’anno precedente ma che si sono concentrati durante i mesi di febbraio e marzo mentre solitamente i mesi più secchi sono marzo e aprile.

Ad essere colpite dalle fiamme sono state principalmente aree coperte da foreste naturali, paludi, piantagioni e pascoli creando così un danno non solo all’ambiente, determinato dal rilascio di monossido di carbonio, ma anche all’agricoltura e alla pastorizia locali.