Conversione decreto detrazioni ed ecobonus, le richieste di modifica del Coordinamento FREE


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Il Coordinamento delle associazioni delle rinnovabili e dell’efficienza energetica (FREE), è stato ascoltato oggi dalle Commissioni Finanza e Industria del Senato in merito alla conversione in legge del decreto legge su prestazioni energetiche degli edifici e detrazioni fiscali. Ecco le richieste.

FREE, il coordinamento delle associazioni delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, oggi è stato ascoltato dalle Commissioni Finanza e Industria del Senato (6a e 10a) in merito alla conversione in legge del recente decreto su prestazioni energetiche degli edifici e detrazioni fiscali per le ristrutturazioni, il N. 63/2013.

Nel complesso, secondo FREE, il DL è coerente con le politiche di sviluppo di un sistema energetico sostenibile ma si auspica che le norme e le misure previste siano rese permanenti.

Tra le modifiche puntuali chieste da FREE:

  • La proroga al 31 dicembre 2014 anziché al 31 dicembre 2012 delle detrazioni sugli interventi di efficientamento anche per le singole abitazioni (quelle sui condomini condomini sono già prorogate fino a quella data nel decreto in Gazzetta).
  • L’inclusione nelle detrazioni del 65% anche della sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia nonché delle spese per la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.
  • Che nel calcolare le prestazioni energetiche degli edifici si tenga conto oltre che dell’”energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili” anche dei “sistemi di accumulo ad esse abbinate”.
  • Che le detrazioni fiscali del 50% si applichino anche alla sostituzione di amianto con impianti fotovoltaici.

Qui il testo integrale dell’audizione (pdf)

 

Segui QualEnergia.it anche su e

9 thoughts on “Conversione decreto detrazioni ed ecobonus, le richieste di modifica del Coordinamento FREE

  1. ho un tatuaggio sul avambraccio non visibile con maglia a mezze maniche secondo voi sono escluso automaticamente da un concorso come la finanza o e solo un demerito grazie anticipatamente 10 pnt al migliore

  2. Pessano con Bornago – (…) «Breve e, per noi, scontato il commento alle interviste rilasciate dal preside e dall’assessore Monica Meroni – ha detto Appio Berneri – Non si può liquidare la questione rette mensa non pagate lasciando la palla al solo gestore, autorizzando, cioè, la Dussman a sospendere l’erogazione dei pasti ai morosi, come vorrebbe l’Amministrazione comunale. Certo, non si può nemmeno adottare il criterio che, tanto, poi paga “Pantalone” (che siamo tutti noi) ma ci stupiscono e preoccupano non poco, le ammissioni della Meroni: “è già successo negli altri anni e ancora non abbiamo, in parte, incassato.”. Allora l’assessore, anziché nascondere il problema e sparlare di politica scolastica nazionale, avrebbe dovuto affrontarlo al momento giusto, cioè in occasione della presentazione del Piano del diritto allo studio. Noi temiamo, infatti, che tra qualche furbetto, che non va certo tollerato, si possa nascondere anche il disagio o bisogno di qualche famiglia che, tra tanti sacrifici, ha il diritto di essere aiutata a far studiare i propri figli nella scuola dell’obbligo; questo, soprattutto, vuol dire “diritto allo studio”. Negli ultimi anni per il Piano sono stati stanziati oltre 67mila euro e la scuola vi partecipa con oltre mille ore di straordinario degli insegnanti: un assessore più accorto e responsabile, in un periodo di ristrettezze generali come quello che stiamo vivendo, avrebbe certamente destinato una parte delle risorse per eventuali emergenze delle famiglie, da graduare attraverso opportuni indicatori economici. Anche un diverso uso delle tante risorse festaiole che caratterizzano il bilancio dell’Amministrazione Caridi sarebbe utile».

    Pessano con Bornago – Se i genitori non salderanno i debiti verranno sospesi i pasti ai bambini. Questo il senso della lettera che è stata inviata dal gestore del servizio della mensa scolastica delle scuole di Pessano, la ditta Dussman, alle famiglie che sono indietro con i pagamenti della refezione. Una lettera che ha destato malumore tra i genitori.
    Ma l’Amministrazione comunale, che ha dato in appalto il servizio, compresa la riscossione dei crediti, difende a spada tratta le sue scelte: «Quando abbiamo stilato il bando di gar, abbiamo inserito la richiesta della gestione delle insolvenze – ha detto Monica Meroni, assessore alla Cultura – Questo è un servizio a richiesta individuale e prepagato: significa che è responsabilità dei genitori caricare le tessere e decidere, pur nel momento di forte crisi economica, le loro priorità. La ditta ha informato sia la scuola che l’Amministrazione che, al raggiungimento del ventesimo debito, avrebbe sospeso il servizio. Poiché l’appalto è iniziato con l’anno scolastico, i gestori hanno portato pazienza per i primi mesi; all’inizio di quest’anno hanno chiesto i nominativi dei genitori dei bambini, preoccupati che la lettera inviata a nome dei figli non fosse stata ricevuta. Con l’aggiornamento dell’anagrafica sono state spedite due raccomandate di sollecito, solo per debiti superiori ai cinquanta euro, che però, tranne in alcuni casi, non hanno avuto riscontro. Di conseguenza la lista dei debitori è stata inviata al Comune per una verifica dei servizi sociali, che hanno controllato la situazione dei genitori insolventi: alcune erano già note, altre, invece, non hanno trovato giustificazione. Inoltre, buona parte dei debitori non sono residenti in paese. Il preside si è incontrato con il sindaco e la segreteria comunale e, il 9 marzo (dato che il 10 sarebbe partita la sospensione dei pasti, ndr) si è riunita la Commissione mensa, per mettere tutti a conoscenza della situazione. Il preside ha chiesto una deroga di trenta giorni e la Giunta ha acconsentito. Capiamo le famiglie con problemi economi che sono seguite dai servizi sociali, ma non chi non paga, pur avendo entrate maggiori rispetto ad altri nuclei familiari.

    Dal 20 Aprile, 34 scolari sono rimasti senza servizio mensa.
    Questa la decisione, dura, dell’amministrazione comunale di centrosinistra.

    Ora, escludendo i casi di famiglie che effettivamente sono morose per problemi economici reali, è giusto che siano i bambini a pagare soprattutto per la (presunta) furbizia-idiozia dei genitori e per inadempienze amministrative e non questi ultimi in prima persona?

    Qui non si tratta di pietismo nei loro confronti: i bambini oggettivamente non hanno colpe, non sono stati certo loro a creare il buco di 28 mila euro (il Corriere parla invece di 78mila euro, mah…).

    Non sarebbe più giusto fare accertamenti fiscali seri e incaprettare i genitori strònzi anzichè prendersela con dei ragazzetti?

  3. Salve a tutti. Ho bisogno di qualcuno che magari abbia avuto esperienze simili in passato. Quest’anno, al termine del mio ciclo di studi a liceo, vorrei orientarmi sulla facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’Università Cattolica di Milano. La mia intenzione, in base alle mie aspirazioni future, è quella di fare questo tipo di laurea triennale già abbastanza improntata sul mondo della Finanza ma completarla con una magistrale che però rientra nel pieno ambito della facoltà di Economia e cioè Economia e Finanza Internazionale. Ho provato a chiedere informazioni al centro di orientamento della stessa Cattolica, e mi è stato detto che variando ogni anno il regolamento delle lauree magistrali, non possono assicurarmi nulla. Sapete o avete esempi di situazioni simili anche in altre università, dove però questa possibilità è contemplata? Non vorrei arrivare a conclusione della triennale e scoprire di non poter andare fino in fondo rispetto al mio progetto. Grazie :)
    1O punti sarò ipercontenta di darli se qualcuno riesce a dipanare i miei dubbi :D

  4. meglio un promotore finanziario ( forse piu’ preparato ) o il classico impiegato bancario. ( che oggi c’e’ e domani non c’e’ in banca c’e molto turn over)

    da chi è meglio farai seguire a livello di investimenti?

    cosa ne pensate?

    ciao

  5. io e mio marito stiamo per aprire un negozietto dove venderemo le nostre opere dell’ingegno , bijoux cartonaggio, oggettti in creta, e , visto che mio marito dipinge benissimo, farebbe ritratti matrimoniali su commissione, acquerelli di paesaggi, animali e altro. mi hanno detto che i galleristi si oppongono a questa cosa e tendono a farti pressioni perchè non vogliono che si vendano quadri nelle loro zona di competenza. quindi non sarebbe illegale farlo, ma loro non vogliono e quindi ti “disturbano”. vi prego sto per firmare e vorrei sapere se questa cosa è vera? qualcuno ne sa qualcosa ??
    @dam disturbano nel senso che fanno pressioni, vengono in negozio a dirti che non puoi farlo, ti mandano la finanza a rompere , tutte cose ovviamente illegali ma visto che io non sono libero grassi non vorrei trovarmi a discutere con personaggi particolari. questa cosa mi è stata detta da una persona che lavora nel settore a milano è che espone un po’ in tutta italia. in più mi hanno detto di un caso qui a reggio emilia. vicino al mio futuro negozio ci sono almeno due gallerie…

  6. Messaggio del 2 gennaio 2003
    Cari figli, come mamma ai suoi figli vi ho chiamato e voi mi avete risposto, permettetemi di riempire il vostro cuore di amore così che il vostro cuore diventi un cuore di amore che donerete agli altri senza riserve, così mi aiuterete nel migliore dei modi nella mia missione di conversione dei miei poveri figli che non hanno conosciuto l’amore di Dio e l’amore di mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

  7. Per avere una tv intendo che non avrei problemi a non avere la rai fra i canali visibili, comunque nel caso fossi costretto a pagare il canone pur non avendo la rai o il decoder stesso (anche se ormai ce lo fanno incorporato), chi potrei picchiare per questo?
    Grazie ciao

  8. Ciao ragazzi,
    qualcuno mi sa dire come si trovano gli errori di arrotondamento durante la conversione di un numero binario?
    Grazie mille!:)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


cinque + = 7

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>