Autore: EconomicBlog

trasporto aereo, merci, cargo, economia, trasporti, logistica, mercati, internazionale, iata, 10 secondi Trasporto aereo merci: il settore cargo aereo è cresciuto soprattutto nei mercati nazionali (+2,9%) rispetto a quelli internazionali (+1,2%). L’andamento del settore nel primo quadrimestre del 2013, rimane sotto un segno negativo, nel complesso il traffico è sceso dello 0,6% sullo stesso periodo dell’anno precedente, anche se il trasporto nazionale cresce del 2% e quello internazionale cala dell’1%. Appare evidente che il trasporto aereo di merci è in evidente fase di stallo, ma la piccola crescita di aprile significa che le condizioni economiche non si sono deteriorate al punto di avviare una contrazione del mercato. Nel mese di aprile viene identificata una stagnazione nell’area corrispondente nell’Asia Pacifico (-0,4%), anche se l’economia cinese risulta ancora robusta e quella giapponese mostra segnali di ripresa. Anche il Nord America appare fermo (-0,1%), ma comunque la situazione è migliorata rispetto a marzo, quando si è registrata una caduta del 6,5%. Risulta peggiore la situazione in Europa, dove ad aprile segna una flessione dello 0,9%, valore comunque inferiore al calo dei mesi precedenti. Il Medio Oriente insegue una crescita alla ricerca del consolidamento, che ad aprile si è posizionata sul 8,6%, mentre il mercato dell’America Latina mostra un netto incremento a doppia cifra (+12,2%), contribuendo in particolare la forte domanda interna e all’esportazione di merci deperibili. Segno positivo anche in Africa (+1,4%), rispecchiando la media globale. Approfondimento: “Cargo e-Chartbook Q2 2013“ (documento formato pdf in inglese) fonte  International Air Transport Association (IATA).

Scritto: da LuisB

Il mondo dell’economia della finanza, economia e lavoro in particolare quello della borsa ti affascina e sei sempre alla ricerca di informazioni o di risposte? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per rispondere alle tue domande.

 

 

Disclaimer

EconomicBlog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.

EconomicBlog è indirizzato ad un pubblico indistinto e viene fornito a titolo meramente informativo. Essa non costituisce attività di consulenza da parte di EconomicBlog, né, tantomeno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari.