China’s Tianhe-2 supercomputer, twice as fast as DoE’s Titan, shocks the world by arriving two years early

Autore: ExtremeTech

Tianhe-2, with some pimped out purple lighting

In a massive escalation of the supercomputing arms race, China has built Tianhe-2, a supercomputer capable of 33.86 petaflops — almost twice as fast as the US Department of Energy’s Titan, and topping the official Top 500 list of supercomputers by some margin. The US isn’t scheduled to build another large supercomputer until 2015, suggesting China will hold pole position for a long time to come. The computer has 32,000 Ivy Bridge Xeon CPUs and 48,000 Xeon Phi accelerator boards for a total of 3,120,000 compute cores, which are decked out with 1.4 petabytes of RAM. And of course the operating system is Linux.

The construction of Tianhe-2 (literally Milky Way-2) comes as a huge surprise, as it was originally scheduled for deployment in 2015. No one knows why China proceeded so quickly, but it’s fairly safe to assume that it’s a reaction to the DoE’s completion of Titan last year. Tianhe-2, which is currently being tested in a non-optimal space, is capable of 33.86 petaflops — when it’s deployed in its final location, however, and when any bugs have been ironed out, the theoretical peak performance will be 54.9 petaflops. Assuming that the US doesn’t accelerate its own supercomputing plans, the final form of Tianhe-2 will be almost four times faster than any other supercomputer in the world.

Tianhe-2, with the lights on

To achieve a theoretical peak of 54.9 petaflops, Tianhe-2 has a mind-bogglingly insane hardware spec. There are a total of 125 cabinets housing 16,000 compute nodes, each of which contains two Intel Xeon (Ivy Bridge) CPUs and three 57-core Intel Xeon Phi accelerator cards. Each compute node has a total of 88GB of RAM. In total, according to a report [PDF] by Jack Dongarra of the Oak Ridge National Laboratory, there are a total of 3,120,000 Intel cores and 1.404 petabytes of RAM, making Tianhe-2 by far the largest installation of Intel CPUs in the world. We believe it’s also the largest amount of RAM for a single system, too.

Tianhe-2 compute node diagram

Beyond the glut of x86 compute capacity, though, Tianhe-2 is notable for another reason: Except for the CPUs, almost all of the other components were made in China. The front-end system, which manages the actual operation of all the compute nodes, consists of Galaxy FT-1500 processors — 16-core SPARC chips designed and built by China’s National University of Defense Technology (NUDT). The interconnect (pictured below), also designed and constructed by the NUDT, consists of 13 576-port optoelectronic switches that connect each of the compute nodes via a fat tree topology. The operating system, Kylin Linux, was also developed by NUDT.

Tianhe-2 interconnect

Tianhe-2 is currently located at the NUDT while it undergoes testing, but will be fully deployed at the National Supercomputer Center in Guangzhou (NSCC-GZ) by the end of 2013. The peak power consumption for the processors, memory, and interconnect is 17.6 megawatts, with the water cooling system bringing that up to 24MW — slightly below the gigaflops-per-watt efficiency record set by the DoE/ORNL/Cray Titan supercomputer. When Tianhe-2 is complete, its primary purpose will be as an open research platform for researchers in southern China.

Now read: The history of supercomputers

12 thoughts on “China’s Tianhe-2 supercomputer, twice as fast as DoE’s Titan, shocks the world by arriving two years early

  1. Domani ho intenzione di uscire per fare un pò di shopping….però vorrei evitare di andare in negozi dove la maggior parte delle cose esposte è fatto in china e altrove. Sapete dirmi in quali negozi poteri andare?? Non magari marche molto costose perchè qui a Foggia non ci sono questi grandi negozi lussuosi…;) grazie a tutti in anticipo!!

  2. Salve vorrei spendere 150€ per il mio primo china e volevo sapere per il genere rock alternative metal ecc quale sarebbe il
    Migliore su questa fascia di prezzo! Io avevo pensato il paiste alpha sensitive

  3. Buonasera, vi spiego meglio.
    Ho letto che la china se inserita sottopelle è cancerogena, perciò volevo sapere se i tatuaggi con la china sono cancerogeni. Anche perché nei tatuaggi l’inchiostro è nella cicatrice e non sottopelle, o sbaglio? Grazie a tutti, ciao! :)

  4. Vorrei tanto provare gli smalti China Glaze, ma non so dove trovarli a Roma :
    In particolare mi piace la collezione ispirata a Hunger Games… sapete dirmi dove trovarli??

    Vi ringrazio in anticipo, bacioni :**

  5. Ho sentito dire che i tagli, le messe in piega e le tinte made in china costano di meno, e mi chiedevo se qualcuno sarebbe così gentile da darmi l’indirizzo di un bravo parucchiere in prossimità della Spezia.
    Grazie.

  6. Dopo anni di lineart realizzati con il computer ho deciso di cominciare ad inchiostrare “a mano”, così ho comprato una boccetta di china Winsor & Newton Black Indian Ink che desidero utilizzare con un pennello.

    Potreste consigliarmi la tipologia di pelo più adatta alla china? Sintetico o naturale?

    Si accettano suggerimenti anche sulle marche ^_^!

    Grazie in anticipo per le risposte! :)

  7. Si tratta di un libro che ho letto tanti anni fa e di cui non ricordo il titolo.

    Era un diario, se non sbaglio. Ed era anche piuttosto divertente.

    Il protagonista è un ragazzo ribelle, con problemi in famiglia. Un bel giorno decide di rinnovare lo stile della sua stanza, che ha le pareti coperte di una carta da parati con Paperino. Acquista così alcuni bidoni di pittura nera e inizia a dipingere tutto. Ma dato che Paperino si intravede ancora, ripassa ogni becco con l’inchiostro di china…

    Qualcuno ha letto questo libro? Come si intitola?

    Grazie in anticipo :)

  8. Ragazzi io devo fare una croce spessa, ho iniziato ma non viene definita….. è alta piü o meno 10 CM e larga 2,5. non sono tanto esperto sto adoperando un ago di siringa lo tingo nella china e pizzico la pelle qualcuno mi potrebbe dare dei consigli? sappiate che la croce e piena quandi ci vuole pazienza.
    io vorrei dei consigli come adoperare al meglio la technica ad esempio quanto devo infilare l’ago dentro la pelle ecc….
    per favore evitate risposte come infezioni o roba del genere 10 PUNTI CHI MI SPIEGA IN MODO DETTAGLIATO

  9. la maggior parte dei giocattoli di mio figlio sono made in china. spesso al tg sento dire di roba non sicura, di casi di allergie, se non peggio,per via di materiali scadenti o coloranti dannosi. alcuni parenti si rifiutano di comprare questo tipo di giochi, allora io mi dico che dovrei buttare via quasi tutto…mi chiedevo se tra voi c’è qualcun che ha avuto esperienze di questo tipo, direttamente o da conoscenti. spesso quando gioca mi viene l’ansia…ci sono marche particolari da evitare? e i giochi che vendono al mercato sono sempre da evitare per i costi troppo bassi? e le marche famose sono sempre sicure? anche se fatte in cina? povera cina…

  10. qualcuno di voi ha dei tatuaggi “fatti in casa” con ago e china?
    Come vi sono venuti? Vi siete pentiti? Come mai non siete andati da un tatuatore?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>