Il Brasile verso un’economia ad emissioni zero

Autore: Rinnovabili

Il Brasile al riparo dalla bolla speculativa(Rinnovabili.it) – In Brasile la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio è a buon punto. Lo rivela l’ultimo studio del Carbon Tracker, nel quale si indica che gli sforzi del paese per ridurre le emissioni di gas serra e limitare l’aumento della temperatura globale di circa 2° C potrebbero portare numerose opportunità, anche economiche, per il paese.

 

Il documento conclude che il Brasile vista la sua capacità energetica si trova ben posizionato per evitare lo sviluppo di quella che viene chiamata la “bolla di carbonio”. Il mercato valuta economicamente le riserve di combustibili fossili senza dire però che non potranno essere utilizzate qualora si voglia realmente rispettare l’obiettivo dei governi: mantenere l’innalzamento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi centigradi. Succede quindi che il potenziale delle riserve venga largamente sopravvalutato e che le economie ad alta intensità di carbonio siano altamente a rischio qualora le politiche green dovessero essere portate avanti con regolarità. Ma il Brasile, rivelano i dati, pare sia al riparo dalla “bolla di carbonio” visto l’impegno consolidato nella trasformazione dell’attività industriale e del settore energetico.

 

“Investire in un mondo a 2° C avrà vincitori e vinti e il Brasile potrebbe trovarsi in buona posizione per cavarsela in anticipo”, ha detto Luca Sussams, ricercatore senior presso il Carbon Tracker in un comunicato. Secondo il rapporto il paese potrebbe rivelarsi resistente all’impatto della bolla di carbonio a causa dell’impegno concreto nel settore delle energie rinnovabili e delle sue riserve di petrolio in mare aperto, che per gli esperti è possibile sfruttare ad un costo relativamente basso, aumentando la probabilità di loro che contribuiscono al bilancio delle cosiddette “riserve bruciabili”.

Per rispettare gli obiettivi climatici il pianeta nel prossimo decennio non potrà bruciare tra il 60 e l’80% delle riserve fossili quindi le aziende che stanno funzionando grazie a fonti energetiche alternative si troveranno presto in netto vantaggio.

“Il mix energetico nazionale del Brasile ha una base diversificata, con i biocarburanti che giocano un ruolo forte e con uno sfruttamento molto limitato del carbone”, afferma il rapporto. “La forte capacità rinnovabile e il potenziale fanno sì che il Brasile non sia eccessivamente dipendente dai combustibili fossili, e in effetti gli dà possibilità di portare la crescita economica a basso tenore di carbonio.”

6 thoughts on “Il Brasile verso un’economia ad emissioni zero

  1. Ho un cane di piccola taglia in Brasile che devo fare arrivare in Italia. Ho la possibilità che venga accompagnato fino all’aeroporto in Brasile e potrei andare a prenderlo qui all’arrivo.

    Le compagnie aeree lo trasportano normalmente se accompagnato da un passeggero, da solo ovviamente non si può comprare il biglietto per il solo cane. Dicono che ci vuole una ditta di trasporti. Le ditte di trasporto non trattano i cani vivi!

    Alitalia mi rimanda ad una agenzia che poi non ne sa niente. In internet non ho trovato nulla di concreto. Pare che serva un’agenzia che faccia le pratiche sanitarie e lo sdoganamento.

    Qualcuno mi può aiutare, dare qualche link o telefono o e-mail di riferimento?
    Ciao Alessia, il problema è che non lo dovrei portare, ma fare arrivare da solo. Le Compagnie aeree che hi contattato non trasportano il cane da solo. Se il tuo amico sa come “spedirlo” non accompagnato per favore mandami i riferimenti dell’agenzia che l’ha fatto. Grazie mille.

  2. Ho bisogno di guardare il film La Condesa de Castiglione, ora in RAI. In Brasile non riesco a trovare il sito per vedere il film in linea. Tu mi aiuti? Grazie e Baci dal Brasile in Italia

  3. Vorrei sapere da qualcuno di voi quali cibi difficilmente si trovano in Brasile, sono ospite della famiglia del mio ragazzo e vorrei presentarmi con qualcosa dall’ Italia… Si accettano consigli di ogni tipo su cosa potrei portare:) Grazie in anticipo!

  4. Possibilmente vorrei il link. GRAZIE IN ANTICIPO.
    Se volete potete lasciare un pronostico. Io dico 2 a 0 Brasile ma con una prestazione deludente.

  5. Sto per acquistare un telvisore LCD qui in Italia. Vorrei portarlo a casa in Brasile, ma non sono sicuro che funzionerà in quanto mi sembra che li si usi lo standard NTSC oppure PAL M,mentre in Italia è in uso lo standard PAL B o G. Vorrei sapere se il televisore potra essere utilizzato e in caso non fossero compatibili i due standard se esiste qualche tipo di adattatore per renderli compatibili. Grazie!!

  6. Sembrerà una domanda banale, ma con un piccolo capitale in cosa si può investire in un paese meno sviluppato come Brasile, Venezuela, ecc.?
    Per esempio in Ecuador 700€ a cosa corrisponderebbero? Un bar si potrebbe avviare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 1 = cinque

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>