Il pdl vuole chiudere il blog di Grillo

Autore: Blog di Beppe Grillo

ammazza_blog.jpg “Che la nuova legge Ammazza blog sia pensata in primis per il blog di Beppe Grillo lo fa pensare lo stesso firmatario del disegno di legge, Salvo Torrisi del Pdl, quando spiega che “non c’è nessuna censura nei confronti dei 5 stelle. Ma internet non può continuare a essere il luogo virtuale dell’impunità“. Il reato di omesso controllo, fino a questo momento limitato alle testate giornalistiche e al loro direttore (o vicedirettore) responsabile, sarebbe esteso a tutte le testate online, prendendo in considerazione anche i commenti a piede di ogni articolo o post. Proprio questo esplicito riferimento ai commenti fa pensare al blog di Grillo. Secondo il ddl, la responsabilità penale sarebbe a carico del gestore del sito o blog che non cancella entro 24 ore i commenti che possono “configurare la commissione di reati“. Ovviamente, soprattutto per i siti molto seguiti è un lavoro praticamente impossibile. Basti pensare che, ogni giorno, ogni singolo post che appare sul blog di Beppe Grillo ha centinaia se non migliaia di commenti. Ma quali sono i reati che si possono compiere solo scrivendo un commento? Fondamentalmente due: diffamazione e vilipendio. Punire il titolare di un sito per quanto scritto nei commenti è concepibile solo da chi il web non lo conosce.” Segnalazione da Polisblog

banner-rss-kindle.jpg
Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

6 thoughts on “Il pdl vuole chiudere il blog di Grillo

  1. Ci penserà Beppe Grillo a eliminare la legge dell’ 8 per mille alle Chiese ?

    Se non lo farà lui chi lo farà ?

    C’è la crisi economica quindi sarebbe molto utile elimare questa regola no ?
    Porterebbe giovamento sotto molti punti di vista al nostro paese .

    no ?

  2. se avete visto l’ultimo spettacolo di Beppe Grillo “delirio” sapete di cosa sto parlando. è visibile anche da youtube.

  3. 1) Ritenete che questi metodi siano accettabili: Beppe Grillo ha denunciato un ragazzo di 19 anni perchè aveva scaricato da emule dei dvd del V-Day e l’abbia mandato in galera?
    http://punto-informatico.it/1305808/PI/News/non-vendere-dvd-beppegrilloit.aspx

    2) Pensate che il segretario del M5S, Beppe Grillo, debba prendere posizione o provvedimenti di qualche tipo riguardo alla CASALEGGIO ASSOCIATI, l’azienda che possiede il marchio “movimento 5 stelle” ed ha nel consiglio d’amministrazione multinazionali americane come JPMorgan e
    Monsanto?
    @votate

    non hai per un caxxo risposto hai solo evitato di rispondere

    io ti rispondo che il pd come tutti i partiti ha gente marcia ma il capo (Bersani) è onesto mentre il vostro capo è uno dei peggiori delinquenti italiani

  4. E che questo movimento è comnposto da persone intelligenti, con diverse lauree conseguite e altri titoli… Ma se così fosse, perché hanno deciso di far rimanere uno come Beppe Grillo come loro portavoce? Non potevano scegliere una persona intelligente? Grillo è un ignorante pagliaccio, uno che istiga alla violenza, un estremista che andrebbe chiuso in carcere perché addirittura pericoloso secondo me…

  5. e far si che il mio voto non venga regalato a nessuno?Posso fare come le elezioni del 2008 con le istruzioni sul blog di Beppe Grillo?

  6. in questo articolo
    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2013/22-gennaio-2013/beppe-grillo-contestato-salerno-fa-salire-antagonisti-palco-2113654661498.shtml
    si parla di antifascisti che hanno fischiato Grillo in vari momenti del suo intervento, rinfacciandogli tra le varie cose, l’apparentamento con Casa Pound.
    Ebbene questi “contestatori” (li ho visti) erano militanti del PD salernitano, cioè uomini-militanti di Vincenzo De Luca. Come mai il Corriere del Mezzogiorno li definisce genericamente “collettivo antifascista”? Il giornalista Clemente forse non li conosceva? Mi sembra strano… Molti ferventi sostenitori di De Luca sono pregiudicati che hanno avuto il posto nella Salerno Mobilità, oppure persone che puzzano di microcamorra o altri piccoli gruppi di bulletti locali. Questo lo sanno tutti a Salerno.
    Un’altra cosa strana: nè alle regionali nè in questa campagna elettorale il sindaco De Luca aveva mai concesso un palco a nessun capo partito (per ovvi motivi di antagonismo politico) sostenendo la solita scusa dell’ordine pubblico. Come mai questa volta lo ha concesso proprio a Grillo? :-O E in piazza Portanova per giunta! Il sospetto che sia tutto organizzato per salire sul palco a denigrarlo è legittimo o sono io prevenuto verso De Luca?
    P.S. Chi è di Salerno sa bene che i militanti del PD nostrano sono per certi versi più fascisti di quelli di Casa Pound.
    @Matteo, se vieni giovedì 31 gennaio alle ore 19.30 a via Rocco Cocchia 6, sarò lieto di ascoltarti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>