Ogm, melina del Governo: decreto pronto ma nessuno firma. E Monsanto semina in Friuli

Autore: nocensura.com

 Il decreto per fermare gli OGM in Italia, a tutela della biodiversità e dell’agricoltura sembra sia pronto da tempo, ma manca la firma definitiva del ministro. E intanto la Monsanto sparge i suoi prodotti nocivi. La risposta del ministro Lorenzin? Allo studio un testo inattaccabile. Nei giorni scorsi c’è stata la mobilitazione di Greenpeace, ovviamente ignorata dal mainstream dell’informazione, con al centro la semina di mais MON810 della Monsanto in Friuli che, affermano gli attivisti, rischia di essere ripetuta in altre regioni.“Nonostante dichiarazioni e proclami, ancora nessuno dei ministri competenti ha adottato misure idonee a bloccare la contaminazione in corso e a vietare definitivamente la coltivazione di OGM in Italia – denuncia Greenpeace –. Sia il Senato che la Camera hanno firmato mozioni unitarie per impegnare il Governo a vietare la coltivazione di OGM. I ministri De Girolamo, Orlando e Lorenzin sono le autorità in grado di procedere in materia. In particolare, sulla scrivania del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, sosta da settimane il dossier che permettere l’adozione di misure emergenziali per fermare queste semine”.LEGGI TUTTO»»

Share on Tumblr

2 thoughts on “Ogm, melina del Governo: decreto pronto ma nessuno firma. E Monsanto semina in Friuli

  1. Ma come? Sono pronti a dare del mafìoso a tutti però quando si parla di Casaleggio (che è massone al 100% e lo sanno anche i sassi) subito iniziano con una lagna imparata a memoria dal capo Beppe che fa “mafinoaprovacontrarianonpossiamoaffermareche….” ma fateci il piacere. Vi vantate con toni fàscìstì di essere il nuovo che deve spazzare via i morti gli zombi ecc. e poi fate gli sruzzi con la testa sotto la sabbia di fronte a Casaleggio? il sig. Roberto Casaleggio POSSIEDE il marchio del Movimento 5 Stelle come proprietà privata registrata e la sua azienda ha nel consiglio d’amministrazione multinazionali americane come JPMorgan e Monsanto. Non siete meglio degli altri partiti siete solo una gigntesca operazione di marketing che nasconde la solita politica delle lobby.

  2. Così scrive un giornalista , ho trovato l’articolo su internazionale ma ho preso la parte da questo sito : http://www.pistoiacentronews.net/?p=1260

    “Finché non ci si renderà conto che la Apple è come la Monsanto, che Google è come la Novartis, che fare l’apologia di una corporation è la pratica narrativa più tossica che esista – si tratti di Google, Fiat, Facebook, Disney o Nestlé – finché non ci si renderà conto di questo, nella rete ci staremo come pesci.
    La questione non è se la rete produca liberazione o assoggettamento: produce sempre, e fin dall’inizio, entrambe le cose. È la sua dialettica, un aspetto è sempre insieme all’altro. Perché la rete è la forma che prende oggi il capitalismo, e il capitalismo è in ogni momento contraddizione in divenire. Il capitalismo si affermò liberando soggettività (dai vincoli feudali, da antiche servitù) e al tempo stesso imponendo nuovi assoggettamenti (al tempo disciplinato della fabbrica, alla produzione di plusvalore). Nel capitalismo tutto funziona così: il consumo emancipa e schiavizza, genera liberazione che è anche nuovo assoggettamento, e il ciclo riparte a un livello più alto. Non il-ludiamoci: saranno conflitti durissimi a stabilire se l’evoluzione di internet porterà più libertà o più assoggettamento. Se vogliamo che la rete sia soprattutto uno strumento di liberazione, dobbiamo smettere di pensare alla tecnologia come a una forza autonoma e riconoscere che è plasmata da rapporti di proprietà e produzione, di potere e di classe.”

    A parte la chiara predica marxista presente nell’articolo ( marxista diverso da comunista ) , quanti di noi si rendono conto della potenza delle multinazionali ?

    Per qui vuole saperne di più sulla Apple e su Amazon metto link ad altre mie domande sull’argomento :

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ai9vLWxDofSPbrHDqzqiHCjwDQx.;_ylv=3?qid=20120105105037AA4CjyO

    http://it.answers.yahoo.com/question/askAdditional;_ylt=Ao0MN251utKHiy_dDTgXpB8AAAAA;_ylv=3

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>