Autore: Hardware Upgrade RSS

Il nome Thunderbolt indica una interfaccia di collegamento, basata su un abbinamento dello standard PCI Express e di quello DisplayPort, grazie alla quale è possibile collegare differenti tipologie di dispositivi tra di loto con un bit rate che raggiunge i 10 Gbit al secondo per canale. Questa interfaccia è stata sviluppata da Intel e ha debuttato commercialmente nel 2011 con i modelli Apple MacBook Pro

La diffusione sul mercato di questa interfaccia, e di varie tipologie di periferiche principalmente di storage che la sfruttano, è stata interessante con riferimento ai sistemi Apple. Per quanto riguarda il mondo dei PC l’accoglienza è stata indubbiamente ben più tiepida: solo alcune schede madri desktop integrano un controller Thunderbolt al proprio interno, mentre i notebook dotati di questa interfaccia si contano sulle dita di una mano.

Intel è tuttavia intenzionata a continuare a promuovere questa interfaccia nel mercato PC, attraverso un nuovo approccio basato su schede PCI Express che integrino un controller di questo tipo e permettano ad un sistema di venir aggiornato.

thunderbolt_pci_express.jpg (62014 bytes)

Grazie al sito VR-Zone sono apparse online alcune informazioni su quale sia la strategia di sviluppo che Intel intende perseguire nella diffusione della tecnologia Thunderbolt per il mondo PC. L’azienda americana è al lavoro su un reference design di una scheda PCI Express dotata di un controller Thunderbolt Falcon Ridge 2C, sulla quale siano presenti un connettore Thunderbolt per periferiche esterne un connettore Display Port di input montato all’interno dello chassis. La connessione con la scheda madre avviene attraverso uno slot PCI Express 4x, o superiore, e non manca un connettore GPIO.

Questo reference design verrà poi fornito ai produttori OEM, dando priorità a quelle aziende che hanno già collaborato con Intel nella produzione di schede madri dotate di controller Thunderbolt integrato onboard. Queste schede verranno quindi certificate da Intel e immesse sul mercato, anche se pare ipotizzabile una strategia commerciale che preveda la fornitura in bundle di queste schede assieme alle motherboard.

Un approccio di questo tipo permetterebbe di aggiornare facilmente sistemi desktop rendendoli compatibili con questa tecnologia, facilitandone così la diffusione anche in ambiente PC x86 oltre che nel mondo Mac. I benefici di Thunderbolt vanno da una elevata velocità di trasferimento dei dati, particolarmente evidente utilizzando storage esterni basati su SSD, sino alla possibilità di gestire con una singola connessione più periferiche compresi i display. D’altro canto la diffusione dell’interfaccia USB 3.0 permette ai pos*****ri di PC, oltre che di Mac, di beneficiare di elevate velocità di trasferimento dei dati senza dover necessariamente dipendere da Thunderbolt.