Il massone Disney a sostegno dello status quo (anche sulla creazione di denaro)

Autore: nocensura.com


PaperonDePaperoni01-Ita
Grazie a “Il portico dipinto” che ne ha fatto la traduzione, e a Carlo Brevi, alias Santaruina (Tra Cielo e Terra) che l’ha linkato su FB, sono venuto a conoscenza di questa storiella divertente di zio Paperone sulla inutilità, o peggio, dannosità della distribuzione tout-court del denaro. In seguito ad un tornado, ad ogni cittadino di Paperopoli arriva un milione di dollari. Solo che per effetto di questa immediata (e immeritata) ricchezza, nessuno vuole più lavorare e tutta l’economia si ferma. In sostanza, il messaggio sembrerebbe positivo: quello che fa la ricchezza non è il denaro, ma il lavoro onesto, reale, duro, a contatto con gli animali, nei campi. Qualcosa da eccepire?
Si sa: noi complottisti vediamo sempre la malafede, e vi pareva che stavolta potevamo essere da meno? In effetti, come ho già fatto notare qui e qui, di Disney è meglio diffidare, anche perchè i messaggi che vengono dati ai nostri bambini sono mascherati e veicolati da innocui personaggi dei fumetti, e quindi più subdoli; inoltre, su un argomento importante come il denaro, vero fulcro di inganno per l’umanità, mi sembrava strano che il massone Disney potesse lasciarsi scappare un messaggio non opportunamente cablato e finalizzato.
E andando a leggere la storia cosa si trova? Almeno un paio di punti dubbi. Primo, che sia proprio il pluri-fanta-multi-miliardario zio Paperone che lavora in fattoria stride un pochino. Come se le ricchezze smisurate che ha accumulato si possano ottenere raccogliendo uova e mungendo mucche. Secondo, che la gente, una volta riempita di denaro, non voglia più lavorare, e tutti, immediatamente, interrompono la loro attività bloccando, di fatto, l’economia. Impossibile non vedere un monito sottostante molto pesante: le persone vanno tenute nel bisogno e nella indigenza, altrimenti smetterebbero di lavorare.

LEGGI TUTTO»»

8 thoughts on “Il massone Disney a sostegno dello status quo (anche sulla creazione di denaro)

  1. 100-150 parole. Usa i comparativi e i superlativi.
    La mia città è Roma e sarebbe utile compararla con un piccolo paesino o comunque una città molto diversa dalla mia.
    Vi ringrazio se cercherete di aiutarmi e per favore, per chi non ha intenzione di farlo, può anche evitare di rispondere.

  2. Se non proprio preso per il cùlo e beffardamente irriso in maniera nemmeno troppo mascherata?

    Io capisco che da Cavalcanti a Pieraccioni, da Cecco Angiolieri a Panariello, da Dante a Benigni, passando per Giotto, Petrarca, Boccaccio, Donatello, Machiavelli, Leonardo, Guicciardini, Michelangelo, Galilei, Carducci e Ceccherini, i motivi di orgoglio ci siano!

    Ma per uno spirito illuministico come il mio, cosmopolita e raziocinante, è piuttosto imbarazzante il disagio in cui si è costretti ogni volta dalla convinzione, che tutti i toscani sembrano condividere e sottintendere (quando si ha modo di scambiarci quattro chiacchiere in allegria), di essere, in breve, i responsabili della creazione dal nulla di tutto ciò che di bello è in Italia: il resto è mèrda.

    Insomma, io avrei una gran voglia di far notare a uno come Carlo Conti ad esempio, che ad ogni puntata de “L’eredità” non manca di improvvisare panegirici in virtù del popolo tosco sempre ispirato dal concorrente corregionale di turno (ce n’è uno ogni sera, è incredibile!) che LUI in particolare non ha un bel càzzo di niente di cui vantarsi; che il fatto che condivida la propria discendenza territoriale con alcuni dei più grandi geni dell’umanità, è un fattore del tutto contingente!

    Toscani, siete simpatici a tutti: perché nessuno è simpatico a voi?

  3. Ciao a tuttiiii!!:) Io abito a Catania ma a breve dovrei andare a trovare dei parenti a Milano e a Parma, siccome sono pazza x la moda ne vorrei approfittare x andare in giro fra i negozi… Potreste consigliarmi alcuni indirizzi? Dove si trovano i migliori negozi? Ovviamente oltre Piazza Duomo o la Galleria di Milano;)

  4. savonarola
    lorenzo il magnifico
    papa alessandro VI
    giulio II
    leone X
    vescovo hohenzollern
    monaco tetzel
    carlo d’angiò
    ludovico il moro
    luigi XII
    martin lutero
    erasmo da rotterdam
    thomas more
    gutemberg
    valla

  5. In Inghilterra ci sono strette leggi per quanto riguarda le manifestazioni religiose. Non si possono tenere crocifissi o simboli religiosi nei luoghi pubblici, nè si può mostrare il proprio credo religioso; non è lontana la vicenda di una hostess che è stata licenziata perchè portava al collo una croce, simbolo della fede in Cristo. Eppure, alle Olimpiadi di Londra, la campionessa dei 500 metri Meseret Dafar alla fine della corsa mostra alle telecamere un’immagine della Vergine Maria, Usain Bolt corre con il crocifisso al collo e finisce il traguardo con un segno di croce, Mohamed Farah dopo 10mila metri si prostra a terra a ringraziare Allah, la judoka saudita Wojdan Shaherkani non rinuncia a portare il velo. E tanti altri atleti, tra cui Maziah Mahusin, Carlos Bellva (che a breve entrerà in seminario) e Daniele Molmenti non rinunciano a mostrare apertamente il loro credo.
    Trovate che anche alle Olimpiadi dovrebbero essere applicate le norme inglesi in materia di libertà religiosa?
    Johnny: lo so, infatti io trovo che sia una cosa bella testimoniare la propria fede anche nelle grandi manifestazioni…

  6. ciao a tutti oggi ho un compito in classe e devo scrivere una breve relazione sui fatti salienti della rivoluzione francese (cause, classi coinvolte, abolizione dei privilegi feudali, cambiamenti politici?) potete aiutarmi ciao e grazie a tutti

  7. ho 25 anni e ormai da un paio d’anni ho preso come abitudine l’utilizzo quotidiano delle supposte anche quando non ne avrei effettivo bisogno ma voglio evitare di stare anche solo un giorno senza andare in bagno. Siccome nella scatola c’è scritto che è per una cura occasionale e per breve durata.. questa mia abitudine di usare questa specie di lassativo quotidianamente potrà darmi problemi? in effetti certe volte ho come un blocco psicologico come se avessi paura di non riuscire senza quest’aiuto.. altre volte non ne ho bisogno senza neanche accorgermente . In ogni caso come devo fare per togliere questa dipendenza?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 × = cinquanta sei

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>