Incidente in una cava a Cuggiono: 10 bambini feriti, due gravissimi


Autore: Il Fatto Quotidiano

Incidente in una cava a Cuggiono, in provincia di Milano. Dieci bambini sono caduti poco dopo le 20.00 di sabato sera da un escavatore che li stava trasportando. Due sono in pericolo di vita, due gravemente feriti e gli altri sei lievemente. Il giro sulla benna è stato fatto per festeggiare il compleanno del figlio del proprietario della cava, Maurizio Valentini, di 39 anni, rimasto illeso. Nei confronti del genitore si sta valutando il reato di lesioni colpose.

Sul posto sono giunte sette ambulanze e tre automediche. Un bambino gravemente ferito ha riportato lo schiacciamento del bacino e di una gamba e, dopo esser stato medicato sul posto, è stato trasportato all’ospedale di Legnano. Mentre il secondo minorenne in gravi condizioni ha riportato un serio trauma cranico ed è stato intubato e portato all’ospedale di Niguarda. Tutti gli altri bambini sono stati medicati nella cava, dove è avvenuto l’incidente, dal personale sanitario e poi trasportati in ospedale.

9 thoughts on “Incidente in una cava a Cuggiono: 10 bambini feriti, due gravissimi

  1. E’ una storia sintomatica di come vanno le cose in Italia, la racconta Paola Zanca sul Fatto: Agnese Dinarello, 49 anni, madre di cinque figli, non ce l’ha fatta più quando ha visto l’onorevole Maurizio Lupi ad Annozero che diceva che il premier si occupava individualmente dei casi di persone in difficoltà. Lei deve essere stata sfortunata, perché non le è andata così:

    “Pur comprendendo la Sua difficile situazione, debbo comunicarLe – scrive l’onorevole Valentino Valentini a nome di Berlusconi – che il presidente del Consiglio non può farsi carico dei casi individuali, anche se degni di considerazione. Quotidianamente pervengono all’On. Berlusconi numerose domande di aiuto volte a sensibilizzare un atto di personale generosità: comprenderà quanto sia difficile, al di là di ogni buon intendimento, poterle accogliere. La Presidenza del Consiglio, d’altra parte, non dispone di fondi da erogare in favore dei singoli cittadini in difficoltà. Le auguro – conclude – di superare presto le difficoltà del momento”.

    Agnese, scrive il Fatto, ha 49 anni e cinque figli. La più piccola ha undici anni, la più grande ventidue. Si è separata dal marito nel 2004. Da allora le ha provate tutte: il Comune, i servizi sociali, la Caritas. Ma il suo reddito da maestra elementare (22 mila euro annui) è già troppo alto per le griglie del nostro welfare. Alla social card non ha avuto diritto. Il bonus famiglia lo ha ottenuto l’anno scorso, “ma quest’anno non esiste più”. Il suo ex non le paga gli alimenti. Ha già fatto una prima denuncia, “potrei farne un’altra, ma tanto è come sbattere la testa al muro”. È una donna che non si arrende facilmente: “Provo a chiedere anche a chi non conosco”. Per questo è arrivata fino a Palazzo Chigi: “Ho pensato che potevo rivolgermi a chi dovrebbe essere un nostro punto di riferimento, soprattutto perché lui si è sempre presentato come un paladino della famiglia”.

  2. Ciao, a tutti! Io odio molto i politici, li disprezzo dal profondo! Volevo avere una lista completa di tutti i politici, perché non si sa mai ne incontrassi uno, un giorno…… XD Grazie!

  3. Pur avendo uno o più figli naturali, riuscireste comunque ad adottare un bambino? O pensate che potrebbero crearsi dei problemi tra i futuri fratelli?
    Rispondete sinceramente, nessuno giudica nessuno, è un argomento troppo delicato.
    @Cati: no, no, non ho figli! Ho 22 anni ;)
    Volevo solo indagare sul pensiero della gente riguardo un tema così delicato!

  4. Perchè secondo voi un bambino di 10 anni si ostina a fare il bagno a mare con la magliett?
    Secondo voi qule può essere il motivo per fare il bagno al mare, insieme a tanti suoi coetanei, senza toglire la maglietta.
    Come posso aiutarlo a parlare del suo imbarazzo per aiutarlo?

  5. Sembra una domanda banale ma alla fine e nella maggior parte dei casi è sempre la mamma a stare a contatto con il proprio bambino e se il padre lavora lontano e ritorna 1 volta al mese cosa succede? Il bambino come si comporterebbe a contatto con il padre? Insomma discutiamo di questo problema e di vicende che vi sono realmente accadute.

  6. L’assessore alla mobilità del comune di Lucca, Marco Chiari, e il dirigente dell’ufficio urbanistica, Maurizio Tani, sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri di Lucca in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere. Sono accusati di corruzione.

    Chiari ha anche le deleghe al centro storico e allo stadio. Un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è stato emesso per l’architetto Giovanni Valentini del Gruppo Valore di Prato, sino a ieri pomeriggio azionista di maggioranza della Lucchese Calcio, e per professionisti Andrea Ferro, ex presidente della commissione urbanistica-ambientale del comune di Lucca, e Luca Antonio Ruggi, dello studio professionale di Chiari. Anche per loro l’accusa è di corruzione. Sequestrati su ordine del gip e richiesta della procura di Lucca 18 milioni di euro al gruppo Valore e l’intera area del parco di S. Anna.

    Nell’inchiesta, svolta dai Carabinieri di Lucca, l’atto pubblico più significativo è la cosiddetta ‘Relazione di monitoraggio’ che ha consentito di avviare la procedura per adottare la variante al Piano Strutturale e della Variante al regolamento edilizio e, così, consentire l’approvazione definitiva del Piano attuativo del Parco Sant’Anna e della Variante Stadio. Per arrivare al completamento del lungo iter amministrativo, sarebbe stato decisivo Marco Chiari: con la collaborazione dell’architetto Tani, nella sua qualità di dirigente comunale nello specifico settore, nonché dei professionisti architetto Ruggi e ingegner Ferro (agli arresti domiciliari), avrebbe sfruttato il contesto che si era creato per perseguire il proprio profitto, facendosi promettere o percependo compensi illeciti dall’amministratore dell’azienda pratese ‘Valore’ spa, Valentini (anch’egli ai domiciliari), attraverso prestazion professioniali fatturate da Ruggi e Ferro ma in realtà in tutto o in parte destinati allo stesso Chiari.

    «Sono sereno», commenta il sindaco di Lucca, Mauro Favilla (Pdl). Il quale smentisce l’ipotesi di un coinvolgimento nella vicenda: «Non credo che ci saranno ripercussioni sulla giunta e soprattutto nego di aver ricevuto avvisi di garanzia. Affronto serenamente la situazione della quale, peraltro, non conosco i fatti».

  7. Salve, il mio bambino di 6 mesi e 3 settimane, ha sempre avuto qualche problemino ad andare di corpo regolarmente, tende ad essere stitico. Abbiamo iniziato da un mese lo svezzamento, prima con la frutta al pomeriggio, poi con la pappa a pranzo e la frutta al pomeriggio. Da quando mangia la frutta, la situazione è migliorata, l’intestino si è regolarizzato un pochino.
    Secondo voi, può fargli male se mangia una porzione di frutta a metà mattina e una a metà pomeriggio? Non vorrei dargliene troppa, magari.
    Grazie in anticipo per le risposte!

  8. Il limite di due legislature è un’assicurazione sulla vita per i cittadini. Il numero di legislature è direttamente proporzionale al potere esercitato dal parlamentare. Più legislature, più leggi ad castam. Il potere dei multiparlamentari logora la democrazia.

    Elenco dei parlamentari italiani ordinati per numero di legislature
    Fonte: http://www.senato.it, http://www.camera.it

    ANDREOTTI Giulio UDC-SVP-Aut Senatore 16
    COLOMBO Emilio UDC-SVP-Aut Senatore 14
    COSSIGA Francesco UDC-SVP-Aut Senatore 13
    TREMAGLIA Mirko Pdl Deputato 11
    PISANU Beppe PdL Senatore 10
    LA MALFA Giorgio Pdl Deputato 10
    SCALFARO Oscar Luigi Misto Senatore 10
    MARTINAT Ugo PdL Senatore 9
    TASSONE Mario UDC Deputato 9
    BERSELLI Filippo PdL Senatore 8
    CASINI Pier Ferdinando UDC Deputato 8
    COLUCCI Francesco Pdl Deputato 8
    FINI Gianfranco Pdl Deputato 8
    MATTEOLI Altero PdL Senatore 8
    D’ALEMA Massimo PD Deputato 7
    FINOCCHIARO Anna PD Senatore 7
    GRILLO Luigi PdL Senatore 7
    NANIA Domenico PdL Senatore 7
    PONTONE Francesco PdL Senatore 7
    SERAFINI Anna Maria PD Senatore 7
    TURCO Livia PD Deputato 7
    CALDEROLI Roberto LNP Senatore 6
    CAMBER Giulio PdL Senatore 6
    CASTELLI Roberto LNP Senatore 6
    CICCHITTO Fabrizio Pdl Deputato 6
    GASPARRI Maurizio PdL Senatore 6
    GIOVANARDI Carlo PdL Senatore 6
    LA RUSSA Ignazio Pdl Deputato 6
    MARINI Franco PD Senatore 6
    RUTELLI Francesco PD Senatore 6
    SACCONI Maurizio PdL Senatore 6
    THALER AUSSERHOFER Helga UDC-SVP-Aut Senatore 6
    VITO Elio Pdl Deputato 6
    ALEMANNO Giovanni Pdl Deputato 5
    AMORUSO Francesco Maria PdL Senatore 5
    APREA Valentina Pdl Deputato 5
    BACCINI Mario MISTO Deputato 5
    BATTAGLIA Antonio PdL Senatore 5
    BENEDETTI VALENTINI Domenico PdL Senatore 5
    BERLUSCONI Silvio Pdl Deputato 5
    BINDI Rosy PD Deputato 5
    BONINO Emma PD Senatore 5
    BRAGA Chiara PD Deputato 5
    BRUGGER Siegfried MISTO Deputato 5
    BUTTI Alessio PdL Senatore 5
    BUTTIGLIONE Rocco UDC Deputato 5
    CASTAGNETTI Pierluigi PD Deputato 5
    CICU Salvatore Pdl Deputato 5
    CONTE Gianfranco Pdl Deputato 5
    COSTA Rosario Giorgio PdL Senatore 5
    CRIMI Rocco Pdl Deputato 5
    CURSI Cesare PdL Senatore 5
    D’ALI’ Antonio PdL Senatore 5

    Che n’è pensate di questa porcata all’italiana???

  9. Con le norme presenti nel ddl con questo bel titolo:
    «Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi, in attuazione dell’articolo 111 della Costituzione e dell’articolo 6 della Convenzione europea sui diritti dell’uomo», che porta le firme del capogruppo Maurizio Gasparri, del vice capogruppo Gaetano Quagliariello e di altri senatori del Pdl (Tofani, Casoli, Bianconi, Izzo, Centaro, Longo, Allegrini, Balboni, Benedetti Valentini, Delogu, Gallone, Mugnai, Valentino), e siglato anche dal presidente dei senatori della Lega Federico Bricolo, dal senatore Sandro Mazzatorta (Lega), verranno dichiarati estinti migliaia di procedimenti in corso di dibattimento per reati molto gravi, come: truffe anche aggravate, lesioni personali, corruzione, concussione, violenze e minacce a pubblico ufficiale, calunnia, false testimonianza, ricettazione, favoreggiamento personale, abusi d’ufficio, reati contro la pubblica amministrazione, falso in bilancio, reati economici, finanziari, frodi fiscali.

    Ripeto, questa cos’è: certezza della pena o certezza di impunità?
    Era questo che volevate dai vostri rappresentanti quando li avete votati?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre − = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>