Alden Ehrenreich dreht weitere “Star-Wars”-Filme

Author: klatsch-tratsch.de

Alden Ehrenreich hat einen Vertrag über mehrere ‚Star Wars‘-Filme unterschrieben.Der 28-jährige Schauspieler spielt den legendären Han Solo in dem kommenden heiß erwarteten Film ‚Solo: A Star Wars Story‘. Nun hat Ehrenreich bestätigt, dass er auch in zwei weiteren Filmen der beliebten ‚Star Wars‘-Reihe mitspielen wird. Vom Magazin ‚Esquire‘ danach gefragt, für wie viele Filme er […]

Der Artikel Alden Ehrenreich dreht weitere “Star-Wars”-Filme erschien als erstes auf klatsch-tratsch.de.

Equipping the Mobile Edge to Enable the Digital World

Author: Jay Owen Schneider Electric Blog

The digital world is about to get faster and more populated. All the major carriers have announced 5G rollouts, public road testing of autonomous cars has been approved in some areas, drone deliveries are happening; augmented and virtual reality is changing the interactive experience; cities, homes, and industry are getting smarter. As many more millions of connected things hit the market, the cell tower edge will be a huge enabler; and we’re equipping it.

The perfect definition of edge computing is constantly debated, but its function and importance are abundantly clear. The IoT effect has created the need for more compute, network and storage closer to the end user, to meet the demand for staggering bandwidth and allow critical decisions to be made at the source, while at the same time ensuring low latency. That criticality can only be served through edge computing.

If we think of edge computing as vital to quick and efficient handling of massive amounts of data, generated from billions of end points, we also realize that processing will require a decentralized network of innumerable edge computing solutions.

Managing an Edge World

Therein lie the challenges. How do you effectively operate, manage, monitor, control and administer an edge world? To start, traditional data centers are physically guarded. Facility workers require an electronic access card and visitors must show ID, sign in, and be escorted.

That’s not possible with decentralized deployments, where the number of sites will far outweigh the cost of manning each location. Today’s edge computing is more distributed, more remote and, therefore, must be more self-sufficient. To make matters more challenging, the edge deployments today are far more critical and could carry a much greater business impact than the “distributed IT” of yesterday.

We are designing technology with these attributes in mind, starting with our new prefabricated data center offer targeting autonomous edge deployment to support wireless infrastructure, as well as other future builds at the edge.

Cell Tower Edge – Fully Equipped

What makes this module specifically suited to the cell tower edge is its single-phase design meant for 208 volts of power. But, like all of our prefabricated solutions for the edge, it’s flexible and scalable. For example, it features a flexible power train up to 48 KW with N+1 cooling. Plus, the six racks can be configured into two bay racks, as a single bay rack, and even a custom four bay rack.

Our prefabricated data centers allow for quick and cost-effective deployment. They contain fully tested, standards-compliant infrastructure constructed to scale for a particular purpose.

We utilize package cooling units, which mount on the outside of the module. They are fully self-enclosed — no external condensers or piping.

The module is put into place, and we run a 600-amp feeder to it. Everything else is self-contained, so the solution is essentially plug-in ready.

Having a fully built, integrated system, allows for repeatable installation of identical implementations in multiple locations, providing the ultimate predictability in efficiency, reliability and operation.

Enriched by our EcoStruxture for IT software platform, the module can be fully metered, remotely monitored and managed. Therefore, you can run an autonomous or “lights out” application as the solution covers the full life of the deployment to include a “user defined managed service model” and/or a nationwide field service organization. Security can be built in with features such as: key locks, biometric security, rack mounted and exterior cameras, exterior lights, vibration sensors, and a card kit key reader.

We’ve taken the best Schneider Electric components – backed by years of expertise – and done all the engineering integration work for you; adding the right pieces to fit the cell tower edge. To learn more about our Edge Module, watch the video

There’s No End to Edge, in Sight

The cell tower edge is swiftly emerging, and we’re helping define the environment. Right now, it’s being driven by digital content providers focused on delivering an optimal experience for consumers streaming movies, music, news, and more. The next iteration will be congruent to our increasingly smart, autonomous world.

Your Tool Kit for the Edge

Beyond the cell tower at the edge, we have a number of Reference Designs built around our prefabricated data centers. These reference designs can be customized to meet the needs of a range of organizations allowing them to do things they’ve never done before — from healthcare facilities, schools and higher education to the public sector and more.

25 aprile, la presidente Anpi Nespolo: “Tra non voto e crisi di ideali, è la Costituzione antifascista a ridare sintonia civile”


Author: Davide Turrini Il Fatto Quotidiano

L’antifascismo è semplicemente la radice della nostra convivenza civile e democratica”. Carla Nespolo, classe ’43, piemontese, è la prima presidente donna e non partigiana dell’Anpi. Per parlare ancora del 25 aprile, 73 anni dopo, dice, l’importante è ricominciare dai fatti.  “Ad un ventenne del 2018 – dice – spiegherei il significato della ricorrenza con i fatti: il 25 aprile del 1945 il Comitato Liberazione Nazionale dell’Alta Italia proclama l’insurrezione generale, anche nei territori ancora occupati dai nazisti e dai fascisti della Repubblica di Salò. È un giorno simbolo, dichiarato festa nazionale. E che cos’è stata la Liberazione? La lotta di un popolo che si è sollevato in risposta all’occupazione dell’Italia da parte dei nazisti che dopo l’8 settembre del 1943 restarono qui nonostante l’armistizio, dando vita ad una delle occupazioni militari più sanguinosa e terribile del nostro Paese e dell’Europa intera”.

Le giovani generazioni sembrano piuttosto disinformate rispetto alle fondamenta su cui è stata costruita la Repubblica italiana…
La storia va insegnata ai ragazzi e alle ragazze perché raramente a scuola si arriva a studiare il Novecento e in particolare la seconda guerra mondiale. Ma soprattutto non si studia che cosa ha significato per interi popoli europei vivere sotto il giogo nazista e riconquistare poi la propria libertà.

La presidente Nespolo col predecessore Carlo Smuraglia alla manifestazione “Mai più fascismi, mai più razzismi”

Qual è la caratteristica peculiare dell’antifascismo nel 2018?
La Costituzione italiana, nata dalla lotta di Liberazione, ne è il cardine. La sua difesa è avvenuta anche in anni recenti. È molto significativo, infatti, che in un momento in cui c’è poca passione per il voto e forte astensionismo quando si è votato per due referendum, sia quello del 2006 che quello del 2016, che trattavano appunto della Costituzione, i cittadini siano andati a votare. Non mi riferisco al fatto se abbiano dato preferenza al sì o al no. Noi come Anpi siamo stati contrari alle modifiche costituzionali sia nel primo che nel secondo referendum. Sono però convinta che la gente sia andata a votare perché, pur in un momento di crisi di tanti ideali, la Costituzione ci fa sentire tutti quanti in una profonda sintonia civile. Ci tengo a sottolineare questo concetto anche per quei sindaci come quello di Grosseto che dedicano una via a Berlinguer e una ad Almirante, inseguendo l’idea di conciliazione che sostanzialmente equipara il fascismo all’antifascismo. La Costituzione italiana è antifascista.

Dopo le elezioni, il blocco dei partiti che tradizionalmente da sinistra hanno avuto radici antifasciste sono ridotte a una piccola fetta di elettorato. Le altre forze partitiche non hanno un richiamo diretto forte all’antifascismo. L’Anpi con chi si confronta, con chi dialoga?
Noi dialoghiamo partendo dai temi, non dalle sigle. Sono convinta che l’antifascismo sia un valore più vasto rispetto ai singoli partiti. Alla nostra campagna recente per vietare spazi a risorgenti formazioni neofasciste hanno aderito molti sindaci. E ha aderito all’unanimità anche il consiglio comunale di Genova dove c’è una maggioranza di centrodestra.

Su quali aspetti valoriali misurate l’antifascismo nei partiti italiani?
Soprattutto da temi concreti: pace, uguaglianza, democrazia e lavoro. In una società che diventa sempre più diseguale, dove i giovani sono sempre più precari o sottopagati, dove avviene un arretramento della qualità della vita dei ceti medi, il problema sta nella non applicazione piena della nostra Costituzione. Su questo giudichiamo e giudicheremo tutte le forze politiche. In assenza di forti ideali e con dei partiti che appaiono come niente di più di un comitato elettorale (oramai lo sono quasi tutti, lo dico con rispetto), un punto almeno è chiaro: chi è razzista non ci rappresenta. La risposta più facile quando c’è una crisi economica e si ampliano le diseguaglianze è alzare barriere. Dire che chi è più povero di te è tuo nemico, quando in genere è il più ricco che ti fa credere lucciole per lanterne, è sbagliato.

Il Movimento 5 Stelle è di gran lunga il primo partito. Secondo lei è una forza politica antifascista?
I 5 Stelle pur avendo caratteristiche populiste, uso questa parola senza disprezzo, contengono in sé, e ne sono certa, forze e persone sinceramente antifasciste. Penso al discorso del neopresidente della Camera, Roberto Fico, che ha fatto riferimento all’antifascismo e alla lotta di Liberazione o alla sindaca Virginia Raggi che ha condiviso con noi l’impegno per una manifestazione unitaria per il 25 aprile (unità che poi si è rotta, ndr). Poi certo sta a loro fare un passo ulteriore. Dire che l’antifascismo è parte costitutiva della loro identità e visione del mondo. Non l’hanno ancora fatto e auspichiamo che lo facciano.

Qualche problema c’è stato anche con il ministro degli Interni, del Pd, Marco Minniti.
Siamo contro il fascismo e il razzismo. Per questo chiedemmo prima delle elezioni al ministro Minniti di vietare la presentazione di liste esplicitamente filofasciste e filonaziste come Casapound e Forza Nuova. Non l’ha fatto lui, ma gli elettori, non votandoli.

Senza fascisti in Parlamento di quale fascismo ci dovremmo preoccupare?
Di quello che nasce dal razzismo, dall’egoismo individualista, dal mito del superuomo. Siamo preoccupati dalla violenza. Non basta reprimere, ma bisogna far conoscere. È quello che noi definiamo “memoria attiva”. Oggi che i partigiani sono sempre meno, viene meno la forza della testimonianza diretta e per questo ci si deve concentrare sulla forza della conoscenza. Un ragazzo di oggi sa che le donne durante il fascismo non votavano? Che con il fascismo non votavano liberamente nemmeno gli uomini? Che non c’era libertà di espressione, di insegnamento, libertà artistica e musicale? La Resistenza è stata il motore della rinascita. Certo, l’Italia è stata liberata con l’intervento fondamentale degli Alleati, ma è altrettanto vero che l’onore della Patria è stato conquistato da uomini e donne italiane che hanno combattuto nelle valli, nelle pianure, nelle montagne e infine nelle città.

Leggendo il manifesto Anpi non troviamo giudizi politici sulla questione dell’Europa che, a giudicare dalle ultime elezioni, è un tema centrale: che ne pensa l’Anpi di questa Europa legata alla supremazia della finanza sulla politica?
Sono stata insegnante e dico che sarebbe bello se nelle scuole si facesse leggere il Manifesto di Ventotene scritto da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi e altri. Era l’Europa dei popoli, sicuramente di pace. Le cose però sono andate diversamente e oggi l’Europa è quella essenzialmente dei mercati finanziari. Che si è rivelata forte coi deboli (vedi il caso della Grecia) ma che però di fronte a fenomeni epocali come le migrazioni non ha saputo fare granché. Non basta un blando rimbrotto al governo ungherese che alza i muri. L’Europa deve tornare ad essere un luogo di alta moralità.

Lei oltre che parlamentare nelle fila del Pci è stata anche insegnante. Spesso ci si chiede se la scuola fa abbastanza sul tema dell’antifascismo.
La scuola è ancora un luogo di resistenza democratica. Noi come Anpi abbiamo avviato una convenzione con il ministero dell’Istruzione per portare nelle aule la nostra esperienza e la nostra memoria. Una scuola i cui programmi si incentrano sul concetto di cittadinanza attiva vanno riempiti di attività didattica e contenuti adeguati. Oggi la scuola italiana si regge molto sull’eroismo di tanti insegnanti e sulla buona volontà di tanti alunni.

Chi le farebbe piacere avere sul palco del 25 aprile?
Sul palco di Milano avremo don Luigi Ciotti, Susanna Camusso e il sindaco Beppe Sala. Poi vorrei in piazza tante donne e uomini, ragazze e ragazzi di buona, fresca e civile volontà. Il 25 aprile è un giorno di festa e solidarietà anche se si hanno linguaggi diversi. I partigiani sono stati i primi a rispettare nelle loro identità e diversità tutte le componenti di lotta: quelle comuniste, socialiste, cattoliche, liberali, monarchiche e anarchiche. Hanno combattuto insieme per dare all’Italia la libertà e una Costituzione meravigliosa.

Se però il presidente del consiglio diventa il leader della Lega, Matteo Salvini, l’Anpi che fa?
Non ho condiviso le parole razziste pronunciate da Salvini in campagna elettorale e non so se andrà al governo e che cosa farà. Giudicheremo anche lui, come gli altri, dagli atti che compirà. La nostra sicurezza è l’impegno democratico e antifascista del presidente della Repubblica.

Da Tecno Spot a BayWa r.e., da distributore FV a fornitore di soluzioni per l’efficienza


Author: Giorgia QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

A maggio 2017 Tecno Spot, azienda distributrice di prodotti FV, è entrata nel gruppo BayWa r.e. Ha ampliando il portfolio di tecnologie, con uno sguardo anche alla mobilità elettrica. Una video intervista con l’amministratore unico Enrico Marin.

Formazione dell’installatore elettrico e termoidraulico, distribuzione di materiali e soluzioni e per l’efficienza energetica, tra cui il fotovoltaico e uno sguardo alla mobilità elettrica.

Questi i capi saldi del business model di BayWa r.e. Solar Systems srl. L’azienda nata dal rebranding di Tecno Spot, storica azienda distributrice di prodotti per il FV.

La transizione è iniziata nel 2011 quando l’azienda ha iniziato un processo di fusione con il gruppo BayWa r.e., che ne ha acquistato il 70%. Nel 2014 il gruppo ha rilevato il restante 30% e a maggio 2017 Tecno Spot è diventata definitivamente BayWa r.e Solar Systems srl.

Pur mantenendo il fotovoltaico come main business, l’azienda si è riposizionata nel mercato delle rinnovabili e dell’efficienza energetica ampliando il portfolio di tecnologie. In una video intevista con Enrico Marin, amministratore unico dell’azienda, ripercorriamo le tappe del rebranding analizzando strategie e tecnologie su cui l’azienda sta puntando.