Mafia III: arrivano Demo e DLC

2K Games e Hangar 13 hanno rilasciato una versione Demo di Mafia III insieme al primo DLC per il gioco di guida/azione free roaming rilasciato nello scorso ottobre. Il DLC si chiama Faster, Baby!, e introduce una nuova storia e molte altre location da esplorare. È infatti ambientato in un piccolo sobborgo di campagna non troppo distante da New Orleans, la città in cui sono ambientate le vicende del gioco originale. La nuova storia ruota intorno al personaggio di Roxy Laveau, impegnato a bloccare il controverso sceriffo “Slim” Beaumont.

Mafia III

Per quanto riguarda la Demo, invece, è disponibile per tutte le piattaforme per le quali Mafia III è stato rilasciato. Pesa 24 GB nel caso della versione PC, 27 GB su PS4 e 25 GB nel caso di Xbox One. La versione PC si scarica da Steam.

Altri dettagli sui nuovi contenuti si trovano in questo comunicato stampa, mentre per la disamina delle caratteristiche di gioco di Mafia III consultate la recensione.

Autore: GAMEmag – Videogames

Approfondisci

Convegno a Cecina: €uro, una crisi pianificata. Sabato 29 aprile Giuseppe PALMA, Marco MORI e l’On.Le Marco ZANNI terranno un convegno sul lato oscuro della moneta unica europea

Sabato 29 aprile 2017, ore 15, Centro Accademico Fabrici, via Landi n. 14, CECINA (provincia di Livorno).

Gli avvocati Giuseppe PALMA e Marco MORI, e l’Europarlamentare Marco ZANNI, terranno un convegno sull’euro dal titolo: “€URO, UNA CRISI PIANIFICATA: IL LATO OSCURO DELLA MONETA“.

I dettagli nella locandina:

Nell’occasione l’avvocato Giuseppe PALMA presenterà il suo nuovo libro “La Costituzione come nessuno l’ha mai spiegata. Un viaggio con la più bella del mondo in occasione dei suoi 70 anni“, Key editore, 2017.

Anche Marco Mori porterà il suo libro “Il tramonto della democrazia…“, Agorà & Co., 2016.

Vi aspettiamo numerosi!

lacostituzioneblog.com

Condividi:

Approfondisci

Microsoft claims 10 million ‘fans’ help it test Windows 10, but it’s sure got a funny definition of that word

When Microsoft was still building Windows 10, it launched the Windows Insider program to push fast and slow updates to customers who were also willing to serve as beta testers. Today, the company declared this approach was both inspired by Xbox and has created a network of 10 million “fans” that help test Windows via the Insider Preview program and the fast and slow rings within it.

Corporate VP Yusuf Mehdi wrote a LinkedIn post describing how this new approach has worked for the company. The quote is long, but worth reading in full:

Any fan-centric company should treat that as just the starting point. In fact, every interaction with the customer after that is more important and should build a deeper relationship. Customers should feel like they have joined a community – a family. Don’t be a faceless company. Enable your fans to interact with real people at your company, people who are fans themselves…

A fan is not only going to tell you what they think, but they are going to expect to hear back, to see you take action on their feedback. If you create the right connection it is not a token effort of outreach, rather it becomes the very way you build products and communicate about your progress. If you create a real community then the best thing happens: fans take it over and they drive the process connecting with each other and assuming your product as their own. It can be an incredible experience to see it happen, but you have to commit to the responsibility 24 x 7 x 365. We have had one of these unbelievable experiences with our Windows 10 Insider program. We count over 10M Windows Insiders today, many of them fans, who test and use the latest build of Windows 10 on a daily basis.

What are they smoking in Redmond?

My first reaction to this declaration of amazing fan-driven support is best summarized as follows:

Jackie Chan WTF meme

Every time Microsoft releases a new operating system, there are a certain number of people who are going to dislike it because they mistake the familiar for the objectively superior. There’s even a term for it — cognitive lock-in. Windows 10 is just like every previous version of Windows in this regard, but with one significant difference: The specific issues that people dislike about Windows 10 often aren’t linked to its GUI or its implementation. What people hate about Windows 10 is the user-tracking, the mandatory telemetry-gathering, and the various ham-fisted ways Microsoft has taken over what used to be user-controlled options.

What’s most striking about these problems is how simple they would be for the company to fix. Most of the technical users who are unhappy with these decisions would be fine with diving into menus to turn off features. I’m comfortable using gpedit.msc to make low-level changes to the operating system. I’d be fine if Microsoft set telemetry gathering to “on” by default, but offered the option to turn it off. Heck, I’d be happy if they just sold a version of the OS with these features deactivated that didn’t require an Enterprise license. But they don’t.

Mehdi’s claim that Microsoft has moved to some kind of magic, fan-loving paradise doesn’t pass muster. The company’s claim to always be learning from fans is insulting given the ways it has previously claimed to “learn” from its users. If you take Microsoft’s word for it, the company never learned the following, despite decades in the computing business:

It is farcical for Microsoft to pretend that it’s built a new and better Windows based on listening to what fans want when Windows 10, to date, has been two middle fingers shoved in the air at tusers who want some modicum of control over what data their machine shares and how it shares it. What really makes the situation hilarious is that Mehdi appears to actually believe his own codswallop.

Windows Insider doesn’t catch a lot of bugs

The other problem with Microsoft’s Windows Insider program is more concrete. Since Windows 10 shipped, we’ve seen a number of very specific bugs make it into various major updates. These bugs have often been linked to specific peripherals, whether it’s using multiple monitors, BSODs when a Kindle is plugged in, broken PowerShell, critical bugs in virtualization security, or the company’s decision to strip out the H.264 compression algorithm that the vast majority of webcams used with its Anniversary Update last summer.

Why are so many of these bugs slipping through the cracks? Microsoft doesn’t recommend testing Insider Previews on your daily driver (for good reason). But this means the majority of testing actually takes place within virtual machines (VMs). Most VMs don’t concern themselves with supporting USB peripherals, at least not beyond the minimal level required to interface with a device. Testing virtualization within an already-virtualized OS might make for interesting Inception layers (if you’re a really geeky person, anyway), but how many people practically test software in this fashion? If the patterns we’ve seen are any indication, not many. And since Microsoft fired a significant percentage of the QA team that used to be responsible for finding and fixing these bugs, it’s not catching them internally the way it used to.

If you want to “surprise and delight” customers, Mr. Mehdi, there’s an easy way to do it: Start giving customers the options to control telemetry and updates, hire some actual dedicated QA people rather than asking programmers to test their own software, and above all, stop pretending like you haven’t run a software company before. Either the lines of communication within Microsoft are so poor that the people who knew all of the decisions mentioned above would be awful never managed to get that critical information to people higher in the food chain, or you knew all along that your program changes would be loathed and decided you simply didn’t care. If you want to take that approach, fine — God knows, it certainly works for Apple — but stop batting your eyes and claiming to have been educated by us “fans.”

That would be surprising and delightful. It’s also not going to happen.

Autore: ExtremeTechExtremeTech

Approfondisci

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

La nuova funzionalità Condividi posizione aggiunta all’app Google Maps permette di localizzare un cellulare e trovare una persona.

Come trovare una persona partendo dalla posizione geografica rivelata dal suo dispositivo mobile? Da oggi è possibile con Google Maps.

L’applicazione si è infatti arricchita della nuova funzionalità Condividi posizione che permette di localizzare un cellulare e di conseguenza, stabilire il punto esatto dove si trova una persona.

Dopo aver installato Google Maps dal Play Store (noi ci concentriamo sulla versione dell’app per Android ma è disponibile anche per i device iOS), accedendo al menu principale, si troverà la nuova voce Condividi posizione.

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

Toccando tale funzione, apparirà la schermata che segue. Per procedere, basterà toccare il pulsante Inizia.

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

Nella schermata successiva, si può indicare per quanto tempo condividere la propria posizione (per un’ora o più oppure a tempo indeterminato).

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

Si può quindi decidere se condividere la posizione con un utente dotato di account Google (ricordiamo che anche indirizzi email di terze parti – non @gmail.com – possono diventare account Google: Account Google senza Gmail, ecco come attivarlo) oppure se condividerla mediante link diretto con qualunque altro strumento (anche via SMS, WhatsApp o email).In quest’ultimo caso, chiunque fosse in possesso del link potrà localizzare la persona o il suo cellulare semplicemente incollando l’URL nella barra degli indirizzi del browser.
Nella schermata Condividi posizione vengono indicati gli utenti con cui la posizione è stata condivisa: toccando le “X” in basso, si potrà in qualunque momento annullare la condivisione delle informazioni di geolocalizzazione.

Localizzare un cellulare o una persona con Google Maps

Vale la pena osservare che le informazioni per localizzare il cellulare o trovare la persona potrebbero essere richiede anche da qualcuno che semplicemente abbia l’accesso fisico al dispositivo altrui sul quale è installato Google Maps.
Il proprietario del dispositivo mobile potrebbe non accorgersi che la posizione è stata condivisa mediante la funzionalità di Google Maps in quanto, ad oggi, non vengono visualizzati particolari messaggi di notifica.

Per controllare se si fosse o meno attivata la condivisione della posizione con Google Maps, basterà quindi avviare l’app quindi toccare la voce di menu Condividi posizione.

Nell’articolo Trovato smartphone perso: cosa fare? abbiamo illustrato altre metodologie per localizzare un cellulare.

Ricordiamo anche l’esistenza della Cronologia delle posizioni di Google che se attivata provvede a tracciare tutti gli spostamenti dell’utente e a visualizzarli su una mappa.
Per verificare le informazioni raccolte, è sufficiente accedere a questa pagina effettuando il login con il proprio account Google.
Per gli aspetti legati alla privacy, suggeriamo la lettura dell’articolo Cronologia ricerche di Google, come visualizzarla o eliminarla.

Utile anche l’app Contatti fidati, sempre di “casa Google”, che consente a utenti terzi – precedentemente autorizzati – di richiedere informazioni sulla posizione geografica di una persona. L’app è utilissima, evidentemente, in situazioni di emergenza: Scoprire la posizione di una persona con Contatti fidati.

Autore: IlSoftware.it

Approfondisci

Copiare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Autore: Il Fatto Quotidiano

Approfondisci