GLAS è un termostato creato in collaborazione con Microsoft e controllabile con Cortana

Un nuovo termostato con schermo touch translucido realizzato da Microsoft in collaborazione con Johnson Controls. Varie operazioni possono essere controllate grazie a comandi vocali riconosciuti da Cortana.

L’articolo GLAS è un termostato creato in collaborazione con Microsoft e controllabile con Cortana proviene da Macitynet.it.

Autore: Mauro Notarianni Macitynet.it

OneDrive, arriva la Cronologia versioni per tutti i tipi di file

Una funzione molto comoda di OneDrive è la Cronologia versioni: il servizio conserva tutti i salvataggi di un documento, in modo tale che sia sempre possibile ripristinare una sua precedente versione in caso di necessità. Finora era disponibile solo per i documenti Office, ma oggi, a grande richiesta da parte dei fan, è stata estesa a tutte le tipologie di file.

Per accedere alla Cronologia versione è sufficiente cliccare su un file con il tasto destro e scegliere dal menu contestuale l’omonima voce; si aprirà un popup con tutte le revisioni disponibili. Basta cliccare su quella d’interesse, e si potrà scegliere se aprirla per consultarne il contenuto oppure se ripristinarla direttamente.

È importante osservare che la Cronologia versioni non è eterna: i vecchi salvataggi vengono conservati sul proprio spazio personale per un massimo di trenta giorni. La funzionalità è in fase di distribuzione graduale; arriverà a tutti entro la fine dell’estate, dice Microsoft.

Autore: HDblog.it Apple HDblog

È Instagram il nuovo social network preferito dai cyberbulli

Difficilmente Facebook sarà dispiaciuta di aver perso questa particolare classifica che ordina i social network per diffusione del cyberbullismo. Tecnicamente il primato rimane sempre “in casa”, visto che la ricerca, condotta dalla ONLUS britannica Ditch The Label, indica come nuovo re Instagram, che da qualche tempo è diventato proprietà di Zuckerberg.

Sono circa 20.000 i giovani, compresi tra i 12 e i 20 anni, che hanno partecipato al censimento indetto dall’organizzazione, che si occupa di fornire sostegno a chi cade vittima del lato oscuro dei social – bullismo, appunto, ma non solo: abusi, furti di identità e dipendenza. Il 42 per cento ha segnalato di essere stata vittima di bullismo su Instagram, il 37 per cento su Facebook. Chiude il podio Snapchat con il 31 per cento.

Ditch The Label stima che almeno una persona su cinque è stata vittima di bullismo online, e che solo nell’ultima settimana almeno mezzo milione di adolescenti è stato molestato. Sempre secondo la ricerca, almeno un adolescente su due in tutto il Regno Unito hanno dovuto subire almeno una volta qualche sopruso in Rete.

Instagram, dal canto suo, ha incoraggiato i ragazzi a riportare ogni caso di bullismo usando gli appositi strumenti inclusi nell’applicazione. Ma non è l’unica strategia: grazie al machine learning, per esempio, i commenti offensivi vengono bloccati automaticamente; tra l’altro, i commenti si possono anche disabilitare del tutto, oppure filtrare usando una propria lista di parole o emoji.

Autore: HDblog.it Apple HDblog