iPhone X influenza i preordini di iPhone 8, molto bene Apple Watch LTE

L’istituto di analisi KGI Securities ha rilasciato in queste ore un report riguardante i preordini di iPhone 8 e Apple Watch Series 3 che sono partiti venerdì scorso, ovvero da circa 4 giorni. Secondo KGI i numeri rilevati in relazione ad iPhone 8 sarebbero fortemente influenzati dall’ombra di iPhone X che si erge perentoria all’orizzonte.

Il report di KGI evidenzia infatti come, solitamente, dopo il preorder, i tempi di consegna dei nuovi iPhone slittano fino a 3-6 settimane, mentre per l’attuale top di gamma non si parla di più di 1-2 settimane o anche meno a seconda degli operatori e delle catene di vendita. Il motivo? Mentre iPhone 8 e 8 Plus sono da considerarsi l’ennesimo aggiornamento di iPhone 6, iPhone X rappresenta la vera innovazione e, dato che la cifra da spendere è comunque alta, meglio attendere qualche settimana e provare ad accaparrarsi il nuovo iPhone X.

E quel “provare” non è messo lì per caso, perché siamo certi che al momento della partenza dei preordini il nuovo top di gamma sarà verosimilmente esaurito in pochi secondi e sarà necessario attendere ulteriormente prima di poterselo aggiudicare.

Un comportamento comunque prevedibile quello degli utenti che finora hanno effettuato il preordine. Considerando infatti che, solitamente, chi prenota un dispositivo di questo genere in anticipo è spesso e volentieri un appassionato, che magari non ne necessita nemmeno ma vuole assolutamente l’ultimo modello disponibile, è facile intuire come l’attenzione sia concentrata sul futuristico iPhone X, molto più che su 8 e 8 Plus.

L’analisi di KGI non si ferma tuttavia ai nuovi iPhone, ma abbraccia anche l’altra grande novità dell’ultimo keynote Apple, ovvero il nuovo Apple Watch Series 3 con GPS e LTE. Un aggiornamento sicuramente importante, che permetterà di effettuare chiamate con il proprio smartwatch anche lontano dal proprio smartphone (non in Italia, purtroppo).

Ebbene, gli utenti sembrano aver apprezzato questo aggiornamento, tanto che l’attesa per le spedizioni dei nuovi Watch è già ben più lunga di quella di iPhone 8. Parliamo infatti di una stima di 3-4 settimane con l’80-90% dei preordini caratterizzati proprio dalla versione cellular dell’orologio.

Dopo questi primi dati stimati non ci resta quindi che attendere quelli ufficiali di Apple, se mai arriveranno e sopratutto attendiamo la disponibilità del nuovo iPhone X per osservare come reagirà il mercato.

(aggiornamento del 19 settembre 2017, ore 13:15)

Autore: HDblog.it Apple HDblog

L’App Store comincia a prepararsi per l’arrivo di iOS 11

Mancano ormai meno di 24 ore al rilascio ufficiale di iOS 11, l’undicesima iterazione del sistema operativo di Apple iPod, iPad e naturalmente iPhone. L’App Store si sta preparando a un debutto in grande stile: molte app di terze parti si stanno aggiornando in queste ore implementando le nuove funzionalità preparate da Apple – in particolare, l’integrazione con la realtà aumentata e il supporto al drag & drop.

Alla chiamata hanno risposto le app più disparate. One Drop, per esempio, serve a monitorare il livello di glucosio nel sangue per le persone con il diabete, e ora permette di proiettare le statistiche giornaliere nell’ambiente circostante grazie all’AR. Avvicinando il dispositivo al grafico si possono consultare maggiori dettagli. Oppure c’è una sorta di Easter Egg dell’app calcolatrice gratuita PCCalc Lite, in cui si possono lanciare centinaia ologrammi dell’icona dell’app (che tra l’altro ha un bel riferimento “intergalattico” che farà felici chi viaggia sempre con un asciugamano) o di… banane in giro per la propria stanza. Carrot Weather, invece, implementa una bella modalità 3D interattiva per visualizzare il meteo attuale e futuro che non è poi così dissimile da JARVIS di Iron Man.

In questi mesi passati, d’altra parte, abbiamo avuto modo di conoscere molto da vicino le meraviglie di ARKit, il set di strumenti pensato da Apple per facilitare agli sviluppatori la vita nel mondo dell’AR; e tutto questo ancora prima che arrivasse sul mercato il software in grado di supportarlo. Nei prossimi mesi ne vedremo delle belle.

Autore: HDblog.it Apple HDblog