Setup e Angoli di Gann: FTSE MIB INDEX 24 Marzo 2017

Setup e Angoli di Gann
FTSE MIB INDEX

Setup Annuale:
ultimi:
2016 (range 15017/21194 ) ) [in attesa ]
prossimo 2017

Setup Mensile:
ultimo Dicembre (range 16723 /19488 comp.est. ) [ uscita rialzista ]
prossimi Marzo

Setup Settimanale:
ultimi: 6/10 Marzo ( range 19336//19810 ) [ uscita rialzista]
prossimi 27/31 Marzo

Setup Giornaliero
ultimo : 21/22 Marzo (range 19687/ 20254 ) [ in attesa ]
prossimi 28 Marzo,29

Angoli MensiliMarzo 17350, 18050, 18500, 19050, 19650, 20480,21600
Angoli Settimanali: 19050, 19850,20060,20400, 20700
Angoli Giornalieri 19890, 19982, 20122, 20262, 20472

I commenti giornalieri sull’articolo riguardante i Setup e gli Angoli di Gann saranno sempre disabilitati e continueranno sempre sull’articolo unico

GD Star Rating
loading…

GD Star Rating
loading…

Autore: Finanza.com Blog Network Posts

Approfondisci

Il perverso mondo del DEBITO PUBBLICO

debito-pubblico-italia

Credo di avere già annoiato i lettori coi soliti discorsi, però è altrettanto vero che continuando a “martellare” su certi temi, alla fine, si crea anche consapevolezza.
Ho più volte spiegato come il mondo stia affogando nel debito, che nella versione aggregata (privato e pubblico messi insieme) non ha fatto che continuare a crescere.
Oggi le stime di questa montagna di carta sono veramente impressionanti ma, in questa sede, vorrei concentrarmi un attimo solo sulla componente pubblica. E sono già dei signori numeri.

Infatti, da un’analisi di S&P Global Rating, figura che il debito pubblico mondiale ammonta alla fantomatica cifra di 44.000 miliardi di USD. Se dovessi provare a scriverlo, all’incirca suonerebbe così: 44.000.000.000.000 $ .
Ma noi possiamo stare tranquilli. Si perchè per il futuro le previsioni sono solo…peggiorative. Basta guardare le intenzioni dell’amico Trump, il quale vuole finanziare la crescita economica con un violento incremento del deficit (tutto da verificare).
E l’Italia? Beh, noi siamo il paese numero 3 a livello volumetrico, dopo appunto gli USA e il Giappone. Vero, sembra che la tendenza rialzista sia un po’ in diminuzione (non preoccupatevi, compenserà il debito privato), ma quello che poi va a preoccupare è la qualità dello stesso. Infatti aumenta la componente del debito BB e calano quindi gli emittenti “Investment Grade” e tripla A.
Cosa dite? Che nella realtà NESSUN debito potrà mai essere ripagato?
VERISSIMO, quello che conta è la sostenibilità dello stesso, prima ancora del suo volume. La capacità di poter pagare le cedole e, all’atto dell’emissione, trovare sempre qualcuno che è disposto ad investire, sono due delle più importanti caratteristiche che un emittente deve avere per essere solvibile.
Certo però che quei numeri fanno paura…
E se poi sommati a quelli privati…

debito-sovrano-globale-2016

Questa mappa del debito pubblico è però, secondo me, criticabile in quanto non completa. Infatti mi risulta che la Germania si ritrovi con un debito pubblico pari a 2.284 miliardi di euro, superiore a quello dell’Italia. qui non vengono quindi conteggiati tutti quei bond parastatali dove Berlino garantisce direttamente pur non essendo l’emittente (Vedi ad esempio i pfandbriefe).
Comunque sia, ribadisco per l’ennesima volta: le maggiori economie del mondo sono fondate sul debito, ma la loro stabilità deriva dalla capacità di generare ricchezza, e quindi è la storia del gatto che si morde la coda, o se preferite della bolla che continua a gonfiarsi.
Sarebbe necessario e salutare un rinsavimento e magari una ristrutturazione di tale debito, ma… cosa comporterebbe sul sistema finanziario?

Oggi viviamo nel mondo perfetto ed addirittura paesi come il Giappone possono permettersi un debito pubblico mostruoso (anche se poi paragonato al PIL, oltre il 230%) con un rating decoroso (A), tassi ridicoli e bond molto stabili.
Già, ma occorre a questo proposito spiegare un mistero: Vale a dire: come è possibile che questa folle massa di debito giapponese non diventi un problema?
Bisogna tornare al ragionamento iniziale, ovvero: chi compra il debito? E se ci sono delle nuove emissioni chi se lo prende? E chi lo detiene?

detentori-debito-giappone-2016

Ecco spiegato l’arcano. Il debito pubblico giapponese è totalmente in mano alle istituzioni che poi, alle varie scadenze, comprano e rinnovano il debito. Un meccanismo perverso che potrebbe portare il debito…chissà dove…
Praticamente la parte di debito lasciata al mercato è pari a circa un 8% che potrebbe anche essere in parte di matrice istituzionale.
Finchè tutto va bene, non succede nulla. Ma potenzialmente queste dinamiche possono durare all’infinito?

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 10.0/10 (4 votes cast)

Il perverso mondo del DEBITO PUBBLICO, 10.0 out of 10 based on 4 ratings

Autore: Finanza.com Blog Network Posts

Approfondisci

SMILE! Lo spread BTP Bund inverte la rotta

smile-btp-bund-spread-grafico

Con le banche centrali nuovamente nell’occhio del ciclone, i mercati obbligazionari tornano ad essere protagonisti. USA con tassi in aumento e possibili due prossimi rialzi nel 2017, e BCE che sembra voglia giocare a carte COPERTE con una strategia, di per se, sempre molto espansiva ma…già inizia ad intravvedere, da parte di alcuni membri, in lontananza, la volontà di cambiare qualcosa.
La curva dei tassi inizia ad essere sensibile. Ma attenzione, tutte le curve dei tassi ne subiscono le conseguenze ma i mercati più deboli si ritrovano ad essere più volatili ripsetto agli altri.
Un esempio su tutti è il nostro spread BTP Bund.

Grafico Spread BTP Bund

spread-btp-bund-2017-mix

Come potete vedere, gli spreads su tutte le scadenze (2yr-5yr-10yr-20yr) stanno progressivamente salendo, costruendo una specie di “smile”. Segno che è partito un movimento correttivo che vedrà i BTP perdenti contro i Bund per le più diverse motivazioni, tutte concernenti però una diversa percezione del rischio. Scenario strano se visto con quanto sta accadendo coi PIR. Ma questi sono i fatti.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 10.0/10 (1 vote cast)

SMILE! Lo spread BTP Bund inverte la rotta, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Autore: Finanza.com Blog Network Posts

Approfondisci