Eolico, idroelettrico e smart meter, investimenti Bei per 1,2 miliardi in italia

La Banca europea per gli investimenti ha approvato il finanziamento di tre progetti italiani nel settore energetico, per un totale di oltre 1,2 miliardi di euro. Questi investimenti fanno parte di un più vasto piano che prevede lo stanziamento complessivo di 12 miliardi di euro.

La Banca europea per gli investimenti ha approvato il finanziamento di tre progetti italiani nel settore energetico, per un totale di oltre 1,2 miliardi di euro.

La Bei finanzierà infatti con 1 miliardo un progetto …

Autore: Giorgia QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

centrali a carbone indonesiane finanziate da governi stranieri

centrali a carbone

Il doppio gioco della Cina sulle centrali a carbone e l’accordo sul clima

(Rinnovabili.it) – Con il calo del business in patria, la chiusura degli impianti e lo stop ai piani di costruzione di nuove centrali a carbone, alcuni stati che in patria si impegnano a rispettare l’accordo di Parigi stanno utilizzando le banche di sviluppo per aiutare l’industria fossile a continuare gli affari fuori dai confini nazionali. Il boom molto discusso del carbone nel sud-est asiatico, ad esempio è stato finanziato da governi e banche straniere. Il settore privato, da solo, avrebbe rischiato troppo e l’investimento non sarebbe stato remunerativo, ma con la spinta del pubblico (e dunque dei contribuenti) tutto si può fare.

Il caso indonesiano è la spia di un sistema più ampio, ed è stato analizzato nel dettaglio da Market Forces, un team di analisti ambientali legato a Friends of the earth Australia. Il gruppo di attivisti ha preso in esame 22 operazioni finanziarie che hanno coinvolto 13,1 gigawatt a carbone in Indonesia, scoprendo che il 91% dei progetti ha avuto il sostegno di governi stranieri tramite agenzie di credito all’esportazione o banche di sviluppo.

>> Leggi anche: La Cina si impegna sul clima ma finanzia il carbone in Sudafrica <<

Le prime, che forniscono prestiti a progetti esteri per aiutare le industrie attive in paesi terzi, sono state coinvolte nel 64% dei casi, coprendo complessivamente circa il 45% del prestito totale. In pratica, i privati hanno dovuto trovare soltanto la metà del denaro per i loro progetti, riducendo drasticamente il rischio d’impresa.

I flussi di denaro, mappati tra il gennaio 2010 e il marzo 2017, hanno portato gli analisti a risalire l’emisfero: la gran parte dei finanziamenti viene infatti da Giappone e Cina, con la Banca giapponese per la cooperazione internazionale (JBIC) coinvolta in cinque accordi e la Export-Import Bank of China (Cexim) in sette. Dai cinesi sono piovuti tre miliardi di dollari, malgrado la Banca Mondiale abbia avvertito lo scorso anno che costruire nuove centrali a carbone in Asia sarebbe disastroso per il pianeta. Pechino sta aggirando gli impegni sul clima mentre continua a tendere la mano all’Occidente, ma il piede in due scarpe non potrà tenerlo a lungo.

Autore: redattore Rinnovabili

Learn Five Ways Meters Mean Money for You

Want to save money? Check  Want to avoid risks? Check 

Five ways meters mean money for you

One easy way to check items off your ever-growing facility management to-do list is with power and energy meters. Power and energy meters pull in information, isolate areas of waste, reduce costs, and track performance. They also can help meet sustainability goals and mandates.  Plus, they are connected, customizable, easy-to-read and manage, and turnkey ready.

From simple to advanced capabilities, from an add-on to embedded meters or even entire systems, there is a wide range of meter options available. But whether you need meters for a data center or a hospital, the benefits of adding even one meter shouldn’t be ignored.

How old is your electrical system? How healthy is your electrical system? It may be time for an update. Intelligent meters improve your electrical system health and empower your system with actionable data. But most of all, they can help you save money.

Five ways meters mean money for you

Let’s look at five ways meters mean money for you.

1. Improved Energy Efficiency:

Gain operational efficiency through better energy performance — as simple as 2+2=4.

But it might not always be that simple to know your company’s energy usage and performance. 24% of companies thought they did not have an “accurate overview of how much energy is consumed and why.” (Edison Energy ‘The New Energy Future’ white paper copyright 2016)

Intelligent meters rapidly achieve that knowledge and improve energy proficiency. Meters track actual energy usage as compared to projected consumption. Meters quickly identify when more energy is being used than expected. You even can understand energy usage down to the load. They analyze capacity and help reduce peak demand. An energy efficiency program utilizing intelligent meters can save up to 30% of a building’s energy needs.

2. Asset Management:

Every competent manager seeks to optimize equipment and save the capital outlay needed for new assets. An intelligent meter partners with you to achieve this goal.

Picture a tube of toothpaste. You waste half of the paste if you don’t squeeze from the bottom. That’s asset management. Only instead of saving $1, multiply that by the tens of thousands when you choose asset management with an intelligent meter. In terms of a facility, the “toothpaste” is your electrical distribution equipment and the connected loads.

Intelligent meters improve current equipment by showing problems and solutions to keep production humming smoothly. You extend your equipment life span and reduce costs.

They ensure the energy is safe, reliable, efficient, productive, and sustainable.

3. Power Quality Monitoring:

Downtime means loss. Sometimes downtime precipitates significant loss. It can cause a financial hit, a productivity crisis, and in the case of a hospital, threats to people’s lives. Saving your system from power quality issues, including sags/swell, harmonics, transients, or flicker is vital, and when these disruptions cause downtime, crucial.

Up to 40% of industry segment outages are caused by power quality disturbances. (European Copper Institute 2012)

Identifying and mitigating power quality issues provides faster ROI from your system. Meters can provide data on power quality, identify issues such as voltage sags, and even locate the directional source of an issue… With power quality data from a meter, you can then isolate the source, fix it, and reduce risk. Since some electrical companies charge penalties for poor power quality, it’s one more way to save money.

4. Cost Allocation and Billing:

A capable energy management system features cost allocation and billing features, ideal where a building owner must charge back tenants or departments.

Meters give building managers a customizable tenant bill program that can create detailed bills for tenants.  For cost allocation, meters deliver interconnected data. Departments process vendors’ costs and utilize an aggregated view of allocations across suppliers.

Companies also can collect billing data, discover billing errors, and get money back from their utility. 79% of companies suffer overcharges on utility bills. (The Department of National Utilities Refund)

5. Improved Power Availability and Reliability

A power and energy meter can monitor your sensitive power equipment and your entire electrical infrastructure.  By using a meter to monitor equipment and even backup power systems, you can ensure you always have power when you need it.  Tracking performance of your system and equipment can help you avoid malfunctions, power spikes, and shutdowns, improving reliability. Plus, you can improve facility uptime, optimize your electrical network and maximize power usage. Increasing your facility reliability and efficiently using power means dollars saved and a healthier bottom line.

Intelligent meters provide programmable control and intelligent management, meeting the needs for simplicity, connectivity, flexibility, productivity, and efficiency.

Meters mean results versus risks. Meters mean money saved.

To learn more about how to improve power and energy management visit www.schneider-electric.us/powerandenergy

Quanto continua a inquinare il carbone in Europa

Gli ultimi dati ufficiali delle industrie nei 28 Stati membri UE, riferiti al 2015, evidenziano che gli impianti con più emissioni di CO2, ossidi di azoto e anidride solforosa sono i termoelettrici alimentati a carbone e lignite, anche se negli ultimi 10 anni hanno ridotto il loro impatto ambientale.

Le centrali a carbone rimangono in cima alla classifica delle industrie europee più “sporche”.

Lo dicono i dati ufficiali pubblicati dall’European Environment Agency (EEA) dopo l’ultimo aggiornamento del registro UE delle emissioni, European Pollutant Release and Transfer Register (E-PRTR).

I numeri si riferiscono al 2015 e riguardano circa 35.000 siti industriali di 65 settori economici differenti nei 28 Stati membri (tranne l’Italia, in ritardo nel comunicare i propri dati all’agenzia) più Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Serbia.

Il registro contiene le informazioni sul deterioramento dell’aria e dell’acqua causato da ogni stabilimento produttivo nel nostro continente: CO2, monossido di azoto, particolato fine, metalli pesanti, fosforo e così via, per un totale di 9 sostanze pericolose per l’ambiente e la salute umana.

Nella lista dei 59 impianti maggiormente responsabili dell’inquinamento atmosferico e idrico, ben 14 si trovano in Gran Bretagna, seguita da Germania (7) e da Polonia e Francia con cinque menzioni a testa in questa poco invidiabile graduatoria.

Il settore termoelettrico va sempre a cozzare contro l’obiettivo europeo di decarbonizzare progressivamente l’economia, perché le unità alimentate dai combustibili fossili emettono le quantità più elevate di CO2, ossidi di azoto e anidride solforosa, vedi qui la mappa interattiva.

Gli impianti “top polluters” per queste tre sostanze sono 4 e tutti a carbone: il peggiore è Belchatów in Polonia, il più grande d’Europa, che brucia la molto economica e super-inquinante lignite, emettendo da solo circa 37 milioni di tonnellate di CO2 l’anno, il 2,2% dell’intera anidride carbonica registrata nell’E-PRTR.

Al secondo posto troviamo la centrale di Drax nel Regno Unito, che utilizza un mix di carbone e biomasse provenienti perlopiù dall’America settentrionale, aggiungendo alle emissioni locali – questa è una nostra considerazione – un bel “carico” di CO2 correlata al trasporto della materia prima dall’altra sponda dell’Atlantico.

In terza e quarta posizione, rispettivamente, l’agenzia UE per l’ambiente segnala le unità a carbone-lignite di Jänschwalde in Germania e Kozienice in Polonia.

Il carbone, osserva l’European Environment Agency, è il combustibile tuttora maggiormente impiegato nelle grandi centrali termoelettriche di potenza superiore a 50 MW (Large Combustion Plants, LCP) con una quota intorno al 55% del totale, mentre il gas naturale si attesta al 26% circa e le biomasse sfiorano il 5% del fuel input complessivo.

Nel 2015 si contavano 3.400 LCP in attività in Europa, il cui consumo di carburanti fossili è diminuito del 23% dal 2006, a fronte di un calo ben più modesto della domanda elettrica nei 28 Stati membri (-3,3%) quindi è evidente che il mix energetico è diventato più efficiente e più spostato verso le fonti rinnovabili.

Grazie all’introduzione di moderne tecnologie per abbattere le sostanze nocive, prosegue il documento EEA, come richiesto dalla direttiva LCP e dalla più recente direttiva sulle emissioni industriali (Industrial Emissions Directive, IED), i grandi impianti termoelettrici hanno ridotto il loro impatto sull’ambiente negli ultimi dieci anni, come evidenzia il grafico qui sotto.

Tuttavia, è il commento della EEA, il settore LCP “rimane un’importante fonte di emissioni, a un livello che continua a contribuire alla scarsa qualità dell’aria in Europa”.

Di conseguenza, Bruxelles deve accelerare la transizione energetica verso le fonti pulite, altrimenti rischierà di fallire i prossimi obiettivi su energia e clima al 2030 e oltre.

Un modo per farlo è incorporare le esternalità negative nei prezzi dei carburanti fossili, ad esempio attraverso una carbon tax o potenziando il sistema EU-ETS per lo scambio dei diritti di emissione tra le industrie energivore, dove al momento il costo della CO2 rilasciata nell’atmosfera è assolutamente troppo basso (articolo di QualEnergia.it sui benefici economici di una tassa globale sul carbonio).

Il punto è che per scoraggiare progressivamente l’uso di gas, petrolio e carbone occorre far pagare a chi inquina gli extra costi sociali-ambientali che normalmente sono scaricati sulla collettività, includendoli invece nei calcoli – molto complessi per la verità – per determinare il valore “tutto compreso” dell’energia elettrica generata (vedi anche QualEnergia.it).

Autore: Luca QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Perdite della rete idrica, ci pensa il mini robot PipeGuard

PipeGuard

PipeGuard, la sentinella della rete idrica

(Rinnovabili.it) – In Italia il sistema idrico è un vero e proprio colabrodo. I dati pubblicati nel recente Blue Book 2017 (promosso da Utilitalia) forniscono un quadro scoraggiante, fatto di infrastrutture vecchie e fatiscenti e alti sprechi. In media la rete nazionale conta fino al 38 per cento di perdite, con situazioni più drammatiche al Centro (46%) e al Sud (45%).

A dare una mano alla risoluzione del problema potrebbe essere PipeGuard, il nuovo robot sviluppato da MIT di Boston. Simile nell’aspetto al volano del badminton, il piccolo dispositivo è in grado di rilevare le variazioni di pressione causate da una perdita grazie ad una coda in gomma morbida che si espande per riempire il diametro delle tubature.

Come funziona PipeGuard?

Questo robot può essere inserito nel sistema idrico attraverso qualsiasi idrante, affidandolo al flusso dell’acqua. Durante il “viaggio”, la posizione è costantemente monitorata e il rivestimento di gomma permette di registrare anche la più piccola variazione di pressione. Il team ha effettuato un test sul campo in Arabia Saudita, sfruttando una tubatura arrugginita lunga 1,6 chilometri e di 5 cm di diametro.

I ricercatori hanno creato una perdita artificiale e lasciato che PipeGuard si aggirasse lungo curve, giunti a T e connessioni per rintracciarla.

Abbiamo calato il robot in una congiunzione del tubo e lo abbiamo tolto da un’altra”, spiega You Wu, uno degli scienziati che ha lavorato al progetto. “Lo abbiamo testato per 14 volte durante tre giorni e ha completato l’ispezione ogni volta con successo. Inoltre, ha trovato una perdita di circa 4 litri al minuto, che è un decimo della dimensione minima identificata in media dai metodi di rilevamento convenzionali”.

La soluzione MIT sembra avere un vantaggio notevole rispetto agli altri sistemi robotizzati creati sino ad oggi, in quanto la sua coda in gomma ha la capacità di espandersi in tubi di varie dimensioni, come un ombrello. Il passo successivo è quello di realizzare una versione ancora più flessibile e pieghevole di PipeGuard, che si adatti rapidamente a diametri diversi. Non solo il sistema potrebbe essere adattato anche agli impianti di distribuzione del gas naturale, tubature spesso vecchie e scarsamente mappate le cui perdite sono difficili da individuare. Non solo. Gli scienziati stanno già lavorando su un piccolo upgrade per rendere il robot capace non solo di individuare le perdite della rete idrica ma anche di effettuare una riparazione immediata sul posto.

>>Leggi anche tutti gli aggiornamenti sul tema acqua<<

Autore: stefania Rinnovabili