How to convert US to 100 percent renewable energy


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Stanford engineers develop state-by-state plan to convert U.S. to 100% clean, renewable energy by 2050. Mark Z. Jacobson and colleagues show that it’s technically possible for each state to replace fossil fuel energy with entirely clean, renewable energy.

One potential way to combat ongoing climate change, eliminate air pollution mortality, create jobs and stabilize energy prices involves converting the world’s entire energy infrastructure to run on clean, renewable energy. This is a daunting challenge. But now, in a new study, Mark Z. Jacobson, a professor of civil and environmental engineering at Stanford, and colleagues, including U.C. Berkeley researcher Mark Delucchi, are the first to outline how each of the 50 states can achieve such a transition by 2050. The 50 individual state plans call for aggressive changes to both infrastructure and the ways we currently consume energy, but indicate that the conversion is technically and economically possible through the wide-scale implementation of existing technologies.

“The main barriers are social, political and getting industries to change. One way to overcome the barriers is to inform people about what is possible,” said Jacobson, who is also a senior fellow at the Stanford Woods Institute for the Environment and at the Precourt Institute for Energy. “By showing that it’s technologically and economically possible, this study could reduce the barriers to a large scale transformation.”

The study is published in the online edition of Energy and Environmental Sciences. An interactive map summarizing the plans for each state is available at www.thesolutionsproject.org.

Jacobson and his colleagues started by taking a close look at the current energy demands of each state, and how those demands would change under business-as-usual conditions by the year 2050. To create a full picture of energy use in each state, they examined energy usage in four sectors: residential, commercial, industrial and transportation.

For each sector, they then analyzed the current amount and source of the fuel consumed – coal, oil, gas, nuclear, renewables – and calculated the fuel demands if all fuel usage were replaced with electricity. This is a significantly challenging step – it assumes that all the cars on the road become electric, and that homes and industry convert to fully electrified heating and cooling systems. But Jacobson said that their calculations were based on integrating existing technology, and the energy savings would be significant.

“When we did this across all 50 states, we saw a 39 percent reduction in total end-use power demand by the year 2050,” Jacobson said. “About 6 percentage points of that is gained through efficiency improvements to infrastructure, but the bulk is the result of replacing current sources and uses of combustion energy with electricity.”

The next step involved figuring out how to power the new electric grid. The researchers focused on meeting each state’s new power demands using only the renewable energies – wind, solar, geothermal, hydroelectric, and tiny amounts of tidal and wave – available to each state.

They analyzed each state’s sun exposure, and how many south-facing, non-shaded rooftops could accommodate solar panels. They developed and consulted wind maps and determined whether local offshore wind turbines were an option. Geothermal energy was available at a reasonable cost for only 13 states. The plan calls for virtually no new hydroelectric dams, but does account for energy gains from improving the efficiency of existing dams.

The report lays out individual roadmaps for each state to achieve an 80 percent transition by 2030, and a full conversion by 2050. Jacobson said that several states are already on their way. Washington state, for instance, could make the switch to full renewables relatively quickly, thanks to the fact that more than 70 percent of its current electricity comes from existing hydroelectric sources. That translates to about 35 percent of the state’s all-purpose power if Washington were 100-percent electrified; wind and solar could fill most of the remainder.

Iowa and South Dakota are also well-positioned, as they already generate nearly 30 percent of their electricity from wind power. California, which was the focus of Jacobson’s second single-state roadmap to renewables after New York, has already adopted some of his group’s suggestions and has a plan to be 60 percent electrified by renewables by 2030.

The plan calls for no more than 0.5 percent of any state’s land to be covered in solar panels or wind turbines. The upfront cost of the changes would be significant, but wind and sunlight are free. So the overall cost spread over time would be roughly equal to the price of the fossil fuel infrastructure, maintenance and production.

“When you account for the health and climate costs – as well as the rising price of fossil fuels – wind, water and solar are half the cost of conventional systems,” Jacobson said. “A conversion of this scale would also create jobs, stabilize fuel prices, reduce pollution-related health problems and eliminate emissions from the United States. There is very little downside to a conversion, at least based on this science.”

Jacobson said that if the conversion is followed exactly as his plan outlines, the reduction of air pollution in the U.S. could prevent the deaths of approximately 63,000 Americans who die from air pollution-related causes each year. It would also eliminate U.S. emissions of greenhouse gases produced from fossil fuel, which would otherwise cost the world $ 3.3 trillion a year by 2050.

The study (pdf)

(Reprinted from materials provided by Stanford University)

EXPO 2015: il padiglione del Messico vince il premio sostenibilità

Autore: Rinnovabili

EXPO 2015: il padiglione del Messico vince il premio sostenibilità

(Rinnovabili.it) – E’ il padiglione messicano ad aggiudicarsi il premio “Towards a sustainable Expo”. Durante la Giornata Mondiale dell’Ambiente lo spazio espositivo è stato premiato con il riconoscimento istituito da EXPO 2015 in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente per le eccellenze del greenbuilding.

L’involucro progettato dall’architetto  Francisco López Guerra Almada in collaborazione con Jorge Vallejo ed il biologo Juan Guzzy, è costituito da una tripla pelle che permette di sfruttare al massimo la radiazione solare con materiali ecologici. Un’altra caratteristica apprezzata dal team del Politecnico di Milano guidato dall’Arch. Luisa Collina, che ha giudicato gli aspetti di sostenibilità dei vari progetti, è stata la facilità di montaggio e smontaggio, che ha fatto trionfare il padiglione sudamericano nella categoria “Progettazione e Materiali dei Padiglioni”.

EXPO 2015: il padiglione del Messico vince il premio sostenibilità

Il concept del Padiglione del Messico a Expo 2015

L’area espositiva di 1910 mq è stata progettata dagli architetti a partire dal concept di una pannocchia di granturco, alimento principe della tradizione culinaria messicana, proclamata Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’Unesco. Il Messico ha avuto un ruolo fondamentale nella diffusione del mais nel mondo, uno dei cibi che ha contribuito allo sviluppo dell’identità nazionale della popolazione.

Nello spazio interno le rampe elicoidali si snodano accompagnate da un corso d’acqua ed il punto principale di aggregazione è il giardino interno ombreggiato da un albero di magnolia, tipico della zona climatica messicana.

L’aspetto chiave su cui si è concentrato il gruppo di progettazione è la riciclabilità dei materiali. “Gli unici elementi che devono essere rotti sono i piani di calpestio. Tutto il resto – la pelle, la struttura il telaio – si può riutilizzare: è un edificio riciclabile, anche in vista della probabile destinazione d’uso futura come padiglione espositivo itinerante. Per questo motivo tutte le strutture sono realizzare con incastri e viti, prive di saldature.” Ha dichiarato il progettista in un’intervista a Domus.

EXPO 2015: il padiglione del Messico vince il premio sostenibilità

Amazon scommette sul fotovoltaico, verso il 100% rinnovabili


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Dopo il recente annuncio di IKEA un altro gigante annuncia grandi investimenti in rinnovabili. Amazon Web Services piattaforma di cloud computing di Amazon.com realizzerà un parco fotovoltaico da 80 MW per alimentare i suoi data-center: punta a soddisfare con l’energia pulita 1l 100% dei consumi.

Dopo il recente annuncio di Ikea di voler investire un miliardo di dollari in rinnovabili e difesa dal  cambiamento climatico, arriva la notizia di un altro gigante che scommette sull’energia pulita. Amazon, infatti, in collaborazione con Community Energy Inc., sosterrà la costruzione e la gestione di un parco solare da 80 MW, nella contea di Accomack, in Virginia, denominato Amazon Solar Farm US East.

Il nuovo parco solare produrrà circa 170.000 MWh ogni anno a partire da ottobre 2016 – più o meno il fabbisogno di 15.000 abitazioni statunitense –   e sarà il più grande nello stato della Virginia. Tutta l’energia generata sarà portata nelle reti elettriche che forniscono i datacenter cloud di Amazon Web Services (la piattaforma di cloud computing di Amazon.com).

A novembre 2014 AWS ha confermato il suo impegno nel raggiungere il 100% del consumo di energia da fonti rinnovabili. Al momento è a circa il 25% e ha l’obiettivo intermedio di arrivare ad almeno il 40% entro la fine del 2016.

Anche Ikea vuole arrivare al 100% rinnovabili, entro, il 2015. Il gigante svedese del mobile a basso costo nei giorni corsi ha annunciato che investirà 600 milioni di euro in solare ed eolico (e 400 milioni in aiuti alle popolazioni colpite da eventi climatici estremi). Dal 2009 Ikea ha già investito 1,5 miliardi in progetti mirati a rendere il gruppo indipendente dal punto di vista energetico. In questi anni ha già firmato contratti per gestire 314 turbine eoliche e 700mila pannelli solari.

Punto di svolta per le energie rinnovabili: superano il nucleare

Autore: Rinnovabili

Nel report Global Market Outlook, presentato dal palco di Intersolar 2015 di Monaco di Baviera, l’associazione sottolinea ancora una volta i record delle energie rinnovabili, fotovoltaico in primis.

(Rinnovabili.it) – Le energie rinnovabili fanno mangiare la polvere al nucleare. Il 2014 sarà ricordato dal settore energetico come l’anno di svolta per ciò che concerne la crescita della composizione del mix. Lo scorso anno infatti le fonti alternative, guidate da fotovoltaico ed eolico, hanno compiuto un netto distacco da nucleare in termini di nuova potenza prodotta. A rivelarlo è l’Associazione Europea dell’Industria Fotovoltaica, oggi ribattezzatasi SolarPower Europe. Nel report Global Market Outlook, presentato dal palco di Intersolar 2015 di Monaco di Baviera, l’associazione sottolinea ancora una volta i record delle energie rinnovabili, fotovoltaico in primis. Il solare infatti ha aggiunto lo scorso anno ben 40 GW di nuova potenza al totale. Lo sviluppo del fotovoltaico ha accelerato rapidamente e nei 14 anni tra il 2000 e il 2014, la capacità cumulativa installata è moltiplicata per 100, raggiungendo 178 GW.

energie rinnovabili

Ma James Watson CEO dell’organizzazione, ha focalizzato l’attenzione soprattutto sul mercato europeo, che mostra oggi quanto mai segni di fatica: all’interno dei confini comunitari il settore fotovoltaico è cresciuto ma con ritmi ben lontani da quelli degli anni passati. Dei Ventotto, è stato il Regno Unito il Paese ad aver installato di più con 2,4 GW di nuova capacità; seguono la Germania con 1,9 GW e la Francia con i suoi 927 MW. “Il successo del Regno Unito, ora sulla strada per essere il più grande mercato europeo del 2015 per nuova potenza, rafforza l’evidenza che l’energia solare è una fonte energetica versatile e conveniente in qualsiasi condizione climatica”, ha ribadito Watson. “L’energia solare potrebbe crescere dell’80% in Europa entro il 2020″.

A livello globale, la Cina rimane in testa alle classifiche 2014, con l’installazione di 10.6  GW, il Giappone è al secondo posto con 9.7GW e terzi gli Stati Uniti che hanno raggiunto 6.5 GW di distribuzione. Nel giro di cinque anni, il rapporto di SolarPower Europe prevede, il mondo potrebbe raggiungere 540 GW capacità installata.

Usa 100% a rinnovabili, uno studio mostra come ci si può arrivare


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Uno studio pubblicato dall’Università di Stanford mostra come gli Stati Uniti entro il 2050 possono eliminare completamente le fonti fossili e il nucleare e contare sulle energie rinnovabili e l’efficienza energetica per il loro intero fabbisogno energetico.

Un nuovo studio uscito dall’Università di Stanford e pubblicato sulla versione online di Energy and Environmental Sciences (allegato in basso) mostra come gli Stati Uniti d’America entro il 2050 possano eliminare completamente fonti fossili e nucleare e contare sulle rinnovabili  per il loro intero fabbisogno energetico.

Il team coordinato dal professore di ingegneria civile Mark Z. Jacobson ha predisposto piani per ognuno dei 50 Stati per arrivare al 100% rinnovabili sia nella produzione elettrica, che nei trasporti e nei consumi termici. Molto importante in tutti i piani è il contributo dell’efficienza energetica, mentre non si prevede la realizzazione di nuovi impianti di grande idroelettrico e ci si limita a considerare le tecnologie già mature.

“Gli ostacoli principali sono sociali, politici e nel convincere i settori produttivi a cambiare – commenta Jacobson – Uno dei modi per superare questi ostacoli è informare la gente su cosa sia possibile fare. Mostrando come a livello tecnologico ed economico ciò sia possibile, questo studio potrebbe ridurre le resistenze per una trasformazione su larga scala.”