Marketing Business Summit 2017, sconto esclusivo con Tom’s

Si aprono i lavori per il Marketing Business Summit, la seconda edizione dell’evento su web marketing, marketing strategico e business online.

L’evento andrà in scena (altro…)

Approfondisci

Samsung Bixby to fight Siri, Alexa and Assistant

Google assistant look alike for the Galaxy S8

Samsung is only a week away from the official announcement of its Galaxy S8 phone and the company officially shared that the new Samsung devices will get a new intelligent interface. The Korean mobile giant is using a rather questionable name, Bixby. 

Samsung is quick to address the elephant in the room but what makes Bixby special is the fact that it should provide a deeper experience thanks to its  proficiency of Completeness, Context Awareness and Cognitive Tolerance.

Using big words doesn’t make a tool better, but at least it can help us get the idea in which direction Samsung wants to go.

Bixby should be able to support almost every task that the application can perform with the interface such as touch commands.

A Bixby-enabled application will be aware of context and you won’t need to call it a specific name. Apparently Cognitive Tolerance will let the tool know when you need it. This will be fun to see in real life, but Samsung claims that there will be a dedicated button on the device.

Bixby will start with smartphones and at a later date will reach other Samsung appliances. Give it a decade, and your overpriced connected fridge or washing machine will be able to understand you.  

Injong Rhee an Executive Vice President and Head of R&D, Software and Services, Samsung Electronics made a big promise with Bixby, and let’s see how well ot can deliver as Siri, Google Now and now Google Assistant and even omni popular Alexa are rather unintelligent and unintuitive in most of the cases. Let’s see if Samsung can get this one right. 

Autore: Fudzilla.com – Home

Approfondisci

Opinion: Apple just made its best iPhone even better

Last year, Apple launched the iPhone SE. It’s the company’s last remaining 4-inch device, and it uses the same chassis as the iPhone 5s, but packs iPhone 6s hardware into the form factor. The diminutive smartphone was reviewed extremely well, but for one aspect of its design: Its low-end model was limited to 16GB.

Now, Apple has removed that restriction and bumped the basic storage to 32GB, while keeping the same $ 399 price tag. In doing so, it’s transformed the iPhone SE into the best iPhone on the market, in my personal opinion, even if the guts of the chip are now 18 months old. Here’s why:

First, the iPhone SE is still the easiest iPhone to grip and use with one hand. The iPhone 6, 6s, and 7 may only technically be slightly larger, but that small difference is increased when you add a protective case. It may not be a huge difference (in fact, it can’t be when you consider we’re talking about millimeters) but every millimeter counts. I am aware, of course, that there are plenty of people who love giant phablet phones, and some won’t be happy until the skit below becomes reality:

Nonetheless, as a person who likes the ability to answer a call, type a text, or flip through menus while securely gripping my phone, the original iPhone 5’s chassis is superior to anything Apple has built since.

Second, there’s battery life. Despite being built on older technology, the iPhone SE’s battery life beats the iPhone 7, as shown in the chart below, from Ars Technica’s review of Apple’s latest hardware.

iPhone 7 battery life

Data by Ars Technica

The only Apple device that manages to beat the iPhone SE is the iPhone 7 Plus, which wins by a whopping 3 percent. In gaming tests, the iPhone SE is tied with the 7 Plus and 6 Plus as the longest-lasting smartphone, at ~374 – 377 minutes.

Third, there’s price. True, the iPhone SE isn’t as fast as either the iPhone 7 or 7 Plus, but it’s also a heck of a lot cheaper — and you may never notice the processor difference since it’s pushing fewer pixels than the two larger phones. A 32GB iPhone SE is $ 399, an iPhone 7 starts at $ 649, and the 7 Plus is $ 769. That’s the base price for 32GB of storage for all three phones. You may not be getting quite as much overall performance, but even the iPhone 7 is 1.62x more expensive than the SE.

Fourth, you get to keep your headphone jack. I won’t belabor this point; you either care about having a headphone jack or you don’t.

Fifth, while mobile benchmarks are great for showing big numbers on devices, they aren’t so great at actually capturing the experience of using the device. My personal phone today is the iPhone 5c (16GB). It’s built on iPhone 5 hardware, which means I’m “rocking” a smartphone effectively built in 2012. I’m not going to tell you that I don’t notice the speed difference between an iPhone 7 and my poor 5c. Of course I do. It’d be stupid to claim otherwise. But the relative experience of using the 5c has degraded much more slowly than the discount iPhone 3G I bought in 2009 and was painfully waiting on by 2011. My 5c is effectively a year older than my 3G was when I replaced it, but it’s far more useful to me at this point in its life cycle than the 3G was. Smartphones, like PCs, don’t age as quickly as they used to. (I might love the SE, but I also find the video below to be hilarious).

If you love huge screens and cutting-edge tech, this opinion piece won’t change your mind. If you’re an Android user, well, I don’t expect us to see eye-to-eye, either. But one of the reasons I’ve stuck with Apple is because it continues to make a small phone that suits my preferences at a time when most of the Android market has been chasing larger devices. The only reason I didn’t upgrade to an SE already is because the 16GB capacity stuck in my craw, and bumping up to 32GB removes that problem. If the screen size doesn’t trip you up, it’s arguably the best iPhone you can buy today.

Autore: ExtremeTechExtremeTech

Approfondisci

AGCOM diffida Wind Tre per le offerte zero rating (Veon e Music)

Si riapre il dibattito sulle offerte zero rating (quelle che non comportano l’erosione del traffico dati a disposizione dell’utente) e sulla neutralità della rete.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha diffidato Wind Tre dal proporre agli utenti applicazioni e servizi che possano discriminare le offerte di terzi.
In particolare, l’AGCOM ha acceso un faro sulle app Veon e Music by 3: il traffico generato dalle due applicazioni non viene infatti mai preso in considerazione da Wind Tre e di fatto non contribuisce a erodere il traffico mensile che ciascun utente ha a disposizione nell’ambito del piano dati prescelto.
Veon, app di messaggistica e client VoIP (vedere Connessione dati gratis con Wind e Veon) e Music by 3, app che offre contenuti musicali, possono quindi essere utilizzate anche in caso di credito pari a zero.

AGCOM diffida Wind Tre per le offerte zero rating (Veon e Music)

Citando il quadro giuridico di riferimento, l’AGCOM ha ritenuto di “ammonire” Wind Tre ritenendo le sue offerte zero rating (quelle, appunto, che non computano il traffico
generato da o verso particolari servizi o applicazioni) non in linea con le disposizioni in materia di neutralità della Rete e di accesso a una rete Internet aperta.
L’AGCOM ha quindi stabilito che “le offerte zero rating di Wind Tre” determinano “una discriminazione del traffico zero-rated rispetto al restante traffico” e che “la discriminazione del traffico osservata riguarda la diversità di trattamento alla conclusione del bundle dati tra il traffico general purpose che risulta bloccato o rallentato, e il traffico verso le applicazioni zero-rated, che continua senza blocchi o rallentamenti (a seconda dell’offerta sottoscritta)“.In altre parole, quando l’utente raggiunge la “soglia dati”, applicazioni di terze parti non funzionano più o sono fortemente rallentate mentre Veon e Music by 3 continuano a operare regolarmente senza limitazioni, neppure in termini di banda.
A questo punto, entro il prossimo 15 aprile, Wind Tre dovrà inviare una risposta chiarendo in che modo intenda adeguarsi.

Si tratta, quella firmata AGCOM, di una decisione che farà certamente parlare e che sarà di sicuro fonte di non poche polemiche.
Dal punto di vista degli utenti un aspetto importante, ricordando il regolamento europeo in materia, è stato rimarcato: gli operatori di telecomunicazioni e i provider Internet sono tenuti a trattare tutto il traffico dati allo stesso modo, senza discriminazioni, restrizioni o interferenze, e a prescindere dalla fonte e dalla destinazione, dai contenuti cui si è avuto accesso o che sono stati diffusi, dalle applicazioni o dai servizi utilizzati o forniti, o dalle apparecchiature terminali utilizzate.

Tutti i bit nascono uguali, potremmo dire.

Nel caso dell’affaire Veon-Music by 3 un’obiezione, crediamo legittima, potrebbe essere sollevata: nella fattispecie, infatti, non vi sarebbe una specifica penalizzazione del traffico afferente ad applicazioni di terze parti. Semmai vi è una concessione “aggiuntiva”, offerta gratuitamente dal provider, che dà la possibilità all’utenza di usare app e servizi che non potrebbero essere sfruttati, ad esempio, in caso di esaurimento del credito o del superamento della soglia dati. Il metro di giudizio dovrebbe essere ciò che accade durante il lasso di tempo in cui l’offerta dati, a pagamento, risulta attiva ed è in questo preciso frangente che non dovrebbero esservi trattamenti differenti tra le varie tipologie di traffico.
Anche perché, diversamente, un’eliminazione tout court delle offerte zero rating, peraltro non esplicitamente vietate dalla normativa, potrebbe in ultima analisi penalizzare gli utenti finali.

Il testo del provvedimento AGCOM è consultabile a questo indirizzo (formato PDF).

Autore: IlSoftware.it

Approfondisci

Apple acquisisce il team di Workflow, celebre app per l’automazione

Apple ha acquisito il team alla base della celebre app di automazione Workflow per una cifra non ancora ufficializzata. A riportare la notizia è stato il sito TechCrunch, senza riuscire ad ottenere ulteriori dettagli per quanto riguarda l’aspetto finanziario dell’operazione.

Rilasciata nel 2014, Workflow è un tool di automazione che può eseguire diverse tipologie di operazioni, ovvero creare flussi di lavoro (come dice lo stesso nome) per portare a compimento attività come la creazione di una GIF da una serie di foto, recuperare le immagini da una pagina web, tradurre un articolo, pubblicare foto sui social con un unico tap, calcolare una mancia sulla base dell’importo versato, e moltissime altre attività all’interno di un’unica applicazione.

Workflow integra una pagina principale in cui è possibile lanciare diverse attività o creare pattern di automazione personalizzati. Nel team dell’app ormai acquisito dalla Mela sono da menzionare principalmente Ari Weinstein, Conrad Kramer e Nick Frey, che faranno parte di Apple.

“Siamo entusiasti di unirci ad Apple”, ha dichiarato Winstein. “Abbiamo collaborato da vicino con Apple sin dagli inizi, da quando lanciavamo la compagnia da studenti partecipando alla WWDC per sviluppare e lanciare Workflow, notando il suo straordinario successo su App Store. Non vediamo l’ora di portare il nostro lavoro al successivo livello in Apple, contribuendo allo sviluppo di prodotti che coinvolgono le persone in tutto il mondo”.

Anche Apple ha confermato pubblicamente l’acquisizione del nuovo team, il quale – lo ricordiamo – ha ricevuto un Apple Design Award nel 2015 per le feature dell’app legate all’accessibilità. Solitamente le app acquisite da Apple scompaiono da App Store, tuttavia nel caso di Workflow la situazione sembra differente: l’app è infatti ancora disponibile e da adesso è gratis, con il team di sviluppo che continuerà ad aggiornarla con cadenze regolari.

Non è ancora chiaro quale sarà il destino di Workflow e quali siano le intenzioni di Apple per il prossimo futuro o, ancora, se la Mela abbia intenzione di integrare le tante funzioni dell’applicazione nativamente su iOS e macOS. Workflow potrebbe essere la base di nuove funzionalità integrate su Siri, con l’assistente virtuale che di fatto potrebbe guadagnare in un sol colpo innumerevoli funzionalità aggiuntive.

Autore: Le news di Hardware Upgrade

Approfondisci