Non voglio rappresentanti, sì alla democrazia diretta, di Michel Houellebecq

dal Corriere della Sera

Seduto sul divano del suo appartamento, nel quartiere cinese di Place d’Italie, Michel Houellebecq riflette su un momento cruciale nella storia d’Europa. A Roma nel fine settimana si celebrano i 60 anni dei Trattati europei, occasione di rilancio o possibile epitaffio di una Unione che non è decollata. Tra un mese si tengono in Francia le elezioni presidenziali più importanti degli ultimi anni, perché il destino del continente cambierà radicalmente a seconda che il vincitore sia l’europeista Emmanuel Macron o la nazionalista anti Ue Marine Le Pen. Lo scrittore francese vivente più celebre nel mondo, una sigaretta dopo l’altra, affida al Corriere il suo sguardo, come sempre duplice: immerso nella realtà e pronto a superarla. Nei suoi romanzi ha descritto o anticipato alcuni tra i grandi temi del nostro tempo: l’estensione della logica capitalistica ai rapporti sentimentali, il terrorismo, le biotecnologie, la stanchezza dell’Europa tentata dalla sottomissione all’Islam. Oggi Houellebecq intravede la fine della democrazia per come l’abbiamo conosciuta finora: «Il sistema politico non funziona più, Macron sarà il presidente centrista di un Paese mai così a destra. Io non voglio essere rappresentato. Voglio essere consultato, di continuo, su ogni argomento. Auspico la democrazia diretta».

Pensa che i giochi per l’Eliseo siano fatti?
«Sì, credo. In testa al primo turno arriveranno Emmanuel Macron e Marine Le Pen, e al ballottaggio vincerà Macron».

Il candidato della destra François Fillon non ha più chance?
«Era il favorito ma ormai è stato travolto dallo scandalo. La storia lo giudicherà severamente, ha deluso in modo grave sul piano personale».

Alle passate elezioni lei non è andato a votare, giusto?
«No infatti».

E stavolta che farà?
«Mi asterrò con particolare entusiasmo».

Non vuole essere un’imbeccata, ma Marine Le Pen propone cose non lontane dalle sue idee: l’uscita della Francia dalla Nato e dalla Ue, e anche più referendum. Che cosa la trattiene dal votarla?
«Ma Marine Le Pen parla del referendum per uscire dall’Unione Europea, cioè un tema che è lei a sottoporre ai cittadini. La democrazia diretta significa un’altra cosa: sono i cittadini a proporre dei progetti di legge da approvare tramite referendum. Quanto all’Europa, non penso che i francesi siano pronti a uscirne».

Perché?
«La Brexit è riuscita perché gli inglesi si sentono superiori, diciamo la verità. Sono convinti che la City non abbia paragoni, che la sterlina reggerà sempre, in fondo sono convinti che riusciranno meglio da soli. Mentre i francesi hanno un vero complesso di inferiorità rispetto alla Germania.Temono di non potercela fare senza l’Europa. Se venisse indetto un referendum sulla Frexit io credo che la risposta sarebbe no. Anche se difendo un’idea diversa».

Quale?
«Nella Carta e il Territorio dico che la Francia farebbe meglio a rassegnarsi alla nuova realtà economica, rinunciare all’industria e dedicarsi al turismo, alla gastronomia, al lusso. L’Italia mi sembra il solo Paese europeo che abbia gli stessi interessi, forse un’unione Italia-Francia potrebbe funzionare. Gli altri Paesi hanno vocazioni diverse. Non credo all’Unione Europea».

Ma gli europei non sono uniti dalla cultura, da secoli?
«Oggi c’è molta meno cultura europea di quanta ce ne fosse un tempo. Prendiamo la letteratura, per esempio. In Francia traduciamo soprattutto opere anglosassoni, e questo vale anche per il cinema e la tv, mentre a fine Settecento I dolori del giovane Werther elettrizzavano l’Europa intera. Nella maggior parte dei Paesi europei la gente compra libri locali e poi anglosassoni. Esiste una cultura locale legata al singolo Paese e una cultura globale anglosassone. Di cultura europea ne vedo poca».

Dopo la Brexit e Trump alla Casa Bianca, eventi segnati dall’appello ai cittadini scavalcando i possibili intermediari, il clima è più favorevole alla democrazia diretta?
«Non in Francia, dove restiamo fermi allo stesso schema: “Il popolo non è una cosa seria”. Eppure il solo Paese che pratica la democrazia diretta, la Svizzera, non mi sembra poco serio. Non credo affatto a questi argomenti».

Neanche alla necessità di una competenza, che i cittadini per forza non possono avere su tutte le questioni?
«La tesi di una presunta incompetenza dei cittadini è molto antidemocratica. Il voto del più ignorante vale quanto quello del più istruito. O siamo d’accordo su questo oppure affidiamo le decisioni agli esperti. Io preferisco la prima soluzione. Non so se dà migliori risultati, ma a quelli mi sento obbligato di aderire. Non è tanto una questione di efficacia quanto di giustizia».

In Italia il Movimento Cinque Stelle, primo partito secondo gli ultimi sondaggi, punta molto sulla democrazia diretta e sulla sua piattaforma digitale Rousseau.
«Non sapevo che in Italia il tema fosse centrale. Credo che sulla questione di fondo Beppe Grillo abbia ragione. La fattibilità tecnica è decisiva, adesso la tecnologia rende possibile consultare le persone in modo puntuale e l’alibi classico contro la democrazia diretta tende a cadere».

La sua scelta di astenersi alle elezioni è una forma di rifiuto della democrazia rappresentativa?
«Voto solo alle elezioni municipali. Altrimenti mi si chiede sempre un’adesione globale mentre io vorrei essere interrogato su temi specifici».

Qual è quindi la sua idea di democrazia diretta?
«Non ci sarebbe più un Parlamento. Montesquieu diceva che non si possono toccare le leggi senza tremare: le modifiche legislative sarebbero decise solo da referendum di iniziativa popolare. Anche la spesa pubblica sarebbe stabilita dall’insieme della popolazione. Ogni cittadino sa quanto vuole destinare più o meno all’educazione, alla sanità, ai trasporti. In terzo luogo i giudici sarebbero eletti. I cittadini sarebbero consultati sempre, dal numero dei professori nella scuola pubblica alla costruzione di un nuovo aeroporto, come in Francia per Notre-Dame-des-Landes. Io ho sempre votato ai referendum».

Anche a quello del 2005 sulla Costituzione europea. Votò no, vero?
«Già, e poi la scelta mia e della maggioranza dei francesi venne ignorata da Sarkozy per firmare il Trattato di Lisbona. Sono in molti a non averglielo mai perdonato, io di sicuro. La prima grande frattura mai rimarginata. Tornato in Francia dall’Irlanda dopo il 2012, mi sono accorto che il Paese era più a destra del 2007, ma aveva un presidente di sinistra, Hollande. Se anche fosse stato eccellente, quel presidente non rispecchiava la società».

Pensa lo stesso della fase che si prospetta con Macron?
«Sarà anche peggio, perché i francesi sono ancora più a destra rispetto al 2012. È una situazione spaventosa. Macron non ha colpe, presenta legittimamente un programma, ma la democrazia rappresentativa non funziona. Il sistema politico francese è fatto per garantire un’alternanza tra due blocchi, uno vagamente di sinistra moderata e l’altro di destra moderata, che hanno entrambi accanto delle formazioni più estreme. Ma nel momento in cui altre forze importanti appaiono sulla scena il sistema non funziona più. Anche se Macron è molto migliore di Hollande può portare a una catastrofe. La realtà politica non corrisponde alla società, è una situazione da nevrosi».

La democrazia diretta è populista?
«Quando sento qualcuno evocare il populismo so che in fondo quella persona è contraria alla democrazia. La parola populismo è stata inventata, o meglio recuperata, perché non era più possibile accusare di fascismo certi partiti, sarebbe stato troppo falso. Allora è stato trovato un nuovo insulto, populista. Sì, penso di essere populista. Voglio che il popolo decida su tutti gli argomenti».

La spaccatura tra élite e popolo, tra classe dirigente ed elettori, è molto attuale.
«Il principio di base della rivoluzione francese era che ci fosse uguaglianza tra cittadini in grado di decidere. Penso che sia un errore avere abbandonato questo principio, mai applicato del resto. Certe idee dell’Illuminismo sono state dimenticate».

Un’altra obiezione ai referendum come strumenti di democrazia diretta è che la partecipazione dei votanti non aumenta necessariamente, anzi. In Italia spesso i referendum non arrivano al quorum.
«Ma non si deve avere un’opinione su tutto, certe volte è lecito essere indecisi. Per esempio su temi come la procreazione assistita non so ancora che cosa pensare. Ma rispetterei l’opinione della maggioranza. La scarsa partecipazione non invalida l’idea dei referendum popolari, sono sempre meglio del sistema in cui le decisioni passano sopra le teste dei cittadini che non vengono consultati. Se su certi argomenti non ho un’opinione mi asterrei e lascerei decidere a quelli che un’opinione ce l’hanno. E il non avere votato non mi impedirebbe di considerare che la decisione presa merita il mio rispetto».

In Italia si cita spesso il precedente del referendum sul nucleare, tenuto poco dopo il disastro di Cernobyl. Gli italiani avrebbero detto no allo sviluppo del nucleare sull’onda dell’emozione.
«Ma i politici avrebbero fatto lo stesso, sono ancora più sensibili a quella che credono essere l’opinione corrente. I politici decidono in base a sondaggi di dubbia affidabilità».

In Francia c’è qualche uomo politico che si interessa alla democrazia diretta
«No, a un certo punto gli ecologisti puntavano molto su questa idea perché pensavano che la gente sarebbe stata del loro avviso, ma poi si sono accorti che non era così e allora hanno mollato. Ne parla un po’ Marine Le Pen perché pensa che la gente sia d’accordo con lei ma non è essenziale nel suo programma. In Francia è crollata la fiducia negli uomini politici ma non nella politica. Quando ero giovane conoscevo persone appassionatamente di sinistra e appassionatamente di destra, molti si identificavano nelle posizioni di partito. Oggi non è più così, è cambiata la partecipazione ma l’interesse per la politica continua. La divisione tra destra e sinistra non è scomparsa del tutto ma si sono aggiunti altri discrimini come sovranità nazionale o federalismo, liberalismo o statalismo. In ogni caso i francesi eleggeranno un presidente della Repubblica che non piace loro granché».

L’idea delle consultazioni popolari continue e onnipotenti è un po’ inquietante. Non pensa che sarebbe utile una qualche forma di garanzia e di controllo?
«Non credo che le persone siano irresponsabili. Né che la maggioranza prenderebbe decisioni irragionevoli. E non credo neppure all’argomento secondo il quale i cittadini sarebbero più emotivi dei politici. Non è la stessa cosa rispondere a un sondaggio o votare in un referendum. Non vedo svantaggi al fatto di votare anche una volta al giorno. Creerebbe un sentimento più forte di appartenenza a una società».

Autore: Blog di Beppe Grillo

Approfondisci

Decreto Migranti, l’intervento di Manuela Serra (M5S)


L' intervento in discussione generale della portavoce M5S al Senato Manuela Serra nel corso della seduta del 22 marzo 2017 sul ddl n.2705 – decreto-legge n. 13, procedimenti protezione internazionale e contrasto immigrazione illegale. Segui MoVimento 5 Stelle Senato su:
Facebook: http://www.facebook.com/SenatoCinqueStelle
Twitter: http://twitter.com/M5S_Senato
Google+: http://plus.google.com/+Parlamentari5stelleIt
Iscriviti al nostro canale: http://www.youtube.com/senatocinquestelle
Qui tutte le info sulle attività del M5S in Parlamento: http://www.parlamentari5stelle.it

Approfondisci

Alberto Zolezzi (M5S) – “Amianto, 25 anni dopo la messa al bando”


A 25 anni dalla sua messa al bando, l'amianto ha ancora effetti letali. Vi aspettiamo per parlarne lunedì 27 marzo. Per partecipare scrivete qui: http://bit.ly/AmiantoM5S
Segui le attività del M5S in Parlamento: http://www.parlamentari5stelle.it Seguici sui social
M5S Camera
Facebook: http://www.facebook.com/MontecitorioCinqueStelle
Twitter: http://twitter.com/M5S_Camera M5S Senato
Facebook: http://www.facebook.com/SenatoCinqueStelle
Twitter: http://twitter.com/M5S_Senato

Approfondisci

Il CETA è incostituzionale. L’esempio da seguire di 106 deputati francesi

Dona

di MoVimento 5 Stelle Europa

In Francia si fa sul serio. Ben 106 deputati francesi si sono ribellati a François Hollande e hanno presentato un ricorso alla Corte Costituzionale per bloccare il Ceta: se i giudici francesi dovessero ritenere incostituzionale il trattato di libero scambio siglato con il Canada, il banco europeo potrebbe saltare. Abbiamo intervistato Paola Zanetti, la deputata all’Assemblée Nationale che ha sfidato le oligarchie finanziarie e politiche che hanno imposto questo Trattato raccogliendo le firme di altri 105 deputati francesi. Il coraggio di questi deputati francesi è da ammirare. Sono un esempio per tutti!

“Buongiorno, mi chiamo Paola Zanetti. Sono una deputata francese e mi batto con alcuni miei colleghi per provare a impedire la ratifica del Ceta, perché noi lo troviamo pericoloso per gli europei e per il popolo. Abbiamo oggi la responsabilità di prendere in considerazione ciò che ci dicono i cittadini europei che si trovano in Francia, Belgio, Italia o negli altri Paesi, per potere rappresentare al meglio i loro interessi. Facciamo questo perché io penso che l’Europa debba proteggerci e renderci tutti più forti di fronte alla globalizzazione. La nostra responsabilità collettiva – che comincia individualmente nei Paesi membri – deve metterci insieme per combattere ciò che è molto pericoloso.

In Francia, all’indomani del voto del Parlamento europeo, 106 deputati socialisti, comunisti ed ecologisti hanno presentato un ricorso alla Corte Costituzionale, che è garante della Costituzionale francese, per chiedergli di stabilire se il Ceta è conforme alla Costituzione francese. Questa iniziativa ci permette, un mese dopo, che la Corte si pronunci e ci dica: “sì, è conforme” e in questo caso il Parlamento dovrà ratificare il Ceta. Oppure: “no, non è conforme”. E se non è conforme, in Francia servirà cambiare la Costituzione francese prima di adottare il Ceta. Per cambiare la Costituzione francese ci sono delle regole precise che sono molto difficile da mettere in pratica. Bisogna riunire i senatori e i deputati, che sono circa 925 parlamentari. Si riuniscono in un Congresso e si devono esprimere sulla modifica della Costituzione e bisogna che i 3/5 di questi 925 parlamentari dicano sì alla modifica della Costituzione perché in seguito noi possiamo ratificare il Ceta. Dunque questo prenderà tantissimo tempo, tempo che serve a noi per evitare che questo accordo di libero scambio – che noi consideriamo pericoloso – possa essere applicato.

IL CETA È INCOSTITUZIONALE PER TRE RAGIONI
Per me, e per i miei colleghi, il Ceta è incostituzionale per tre ragioni: La prima è che trasferisce la sovranità dei Paesi membri dell’Unione europea. Mi spiego meglio. È previsto, nell’ambito del Ceta, che i grandi gruppi industriali e finanziari potranno domani citare in giudizio uno Stato sulle proprie politiche pubbliche che ha deciso di fare, sulla regolamentazione nazionale, dal momento in cui considerano, questi gruppi finanziari e industriali, mettere in pericolo il loro commercio. E io credo che effettivamente questa capacità di farlo va al di là del trasferimento di sovranità che gli Stati membri hanno dato all’Unione europea, nel momento in cui hanno costruito l’Unione europea. E, dunque, questa perdita di sovranità che colpirà la Francia, ma anche l’Italia, per noi è molto pericolosa perché significa che domani gli Stati membri non avranno più la capacità di definire la propria politica nazionale. La seconda ragione perché secondo noi è incostituzionale rispetto alla Costituzione francese è che noi abbiamo un principio dell’uguaglianza dei cittadini davanti la legge francese. Ora, gli investitori stranieri potranno beneficiare con il Ceta di un regime specifico di protezione che non hanno gli investitori francesi. Dunque, c’è il principio di uguaglianza che non è rispettato secondo la Costituzione francese. Il terzo elemento di incostituzionalità è che noi abbiamo scritto nella Costituzione francese il principio di precauzione ambientale, lo stesso che esiste nell’Unione europea. Ora, il Canada rifiuta questo principio di precauzione ambientale che non è presente nel Ceta. Dunque questo è il terzo punto di incostituzionalità del Ceta.

L’APPELLO AI PARLAMENTARI ITALIANI
Io spero che altri Paesi possano seguire la nostra battaglia perché, adesso che il Parlamento europeo ha votato il Ceta, sarà necessario che i Parlamenti nazionali facciano lo stesso. Noi abbiamo il dovere, essendo rappresentanti del popolo, di prendere in considerazione ciò che ci dicono. Io vedo molti cittadini mobilitati contro il Ceta. Vedo molti agricoltori che verranno messi in pericolo diretto dal Ceta perché si importeranno 120.000 tonnellate l’anno in Europa di carne bovina e suina senza alcun diritto di dogana e noi sappiamo che gli agricoltori europei sono già messi in crisi dalla globalizzazione e questa nuova concorrenza che gli viene imposta. Allora, la mia responsabilità in quanto deputata francese, come potrebbe essere quella dei colleghi italiani o belgi, è di rappresentare prima di tutto gli interessi dei loro cittadini e di rappresentare anche gli interessi dell’Europa. Io mi aspetto, dunque, che saremo tantissimi a mobilitarci per far sì che questo Trattato non venga ratificato dai parlamenti nazionali. È la sola soluzione che abbiamo oggi affinché l’Europa continui a proteggerci ed è importante che l’Europa continui a proteggerci”.

‘); galOpenCheck = true; } this.timerGallery = setTimeout(function () { jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove(); jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).show(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).show(); jQuery( ‘.ad-back, .ad-forward’ ).show(); jQuery(“#galleryContainer”).width( 950 ); jQuery(“#galleryContainer”).height( ‘95%’ ); jQuery(“#gallery”).css({‘width’:’580px’}) jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeIn( 500 ); jQuery(“#galleryContainer”).css( {‘z-index’:’2000′,’position’:’absolute’ } ); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).show(); jQuery( ‘#galleryContainer #last-hashtag, #galleryContainer #descriptions’ ).show(); jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’10px’}); jQuery(document).scrollTop( jQuery(“[name=’twittergallerylink’]”).offset().top ); _gaq.push([‘_trackEvent’, ‘galleryOpen’, ‘Individual’]); }, 3000); /* } */ },function (){ if(this.timerGallery){ clearTimeout(this.timerGallery); jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove();} }); jQuery(‘#galleryContainer, .ad-back, .ad-forward,.ad-thumb-list a,.twittergallerylink’).click(function (e){ if(galOpenCheck != true) { jQuery(‘#galleryContainer’).append(‘

‘); galOpenCheck = true; } jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove() jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).show(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).show(); jQuery( ‘.ad-back, .ad-forward’ ).show(); jQuery(“#galleryContainer”).width( 950 ); jQuery(“#galleryContainer”).height( ‘95%’ ); jQuery(“#gallery”).css({‘width’:’580px’}) jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeIn( 500 ); jQuery(“#galleryContainer”).css( {‘z-index’:’2000′,’position’:’absolute’ } ); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).show(); jQuery( ‘#galleryContainer #last-hashtag, #galleryContainer #descriptions’ ).show(); jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’10px’}); jQuery(document).scrollTop( jQuery(“[name=’twittergallerylink’]”).offset().top ); _gaq.push([‘_trackEvent’, ‘galleryOpen’, ‘Individual’]); }); jQuery(document).click(function (e) { var container = jQuery(‘#galleryContainer, #closeBtnGalleryTw,.twittergallerylink’); if ((!container.is(e.target) // if the target of the click isn’t the container… && container.has(e.target).length === 0) || jQuery(‘#closeBtnGalleryTw’).is(e.target)) // … nor a descendant of the container { jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw,#galleryContainer #last-hashtag,#galleryContainer #descriptions’ ).hide(); jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeOut( 100, function() { var widthResizedContainer = jQuery(“#galleryContainer”).css({width:’auto’}).width(); jQuery(“#galleryContainer”).width(widthResizedContainer); jQuery(“#gallery,#galleryContainer”).css({‘width’:’390px’}); jQuery(“#galleryContainer”).css({‘z-index’:’auto’,’position’:’relative’}) jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’0′}); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).hide(); }); jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).hide(); galOpenCheck = false; } }); jQuery(“#last-hashtag .single-hash”).click(function (e){ window.location.href = ‘http://www.beppegrillo.it/gallery-archive.html’ + jQuery(this).text(); return false; }); /* jQuery(document).mouseup(function (e) { var container = jQuery(‘#galleryContainer’); if ((!container.is(e.target) // if the target of the click isn’t the container… && container.has(e.target).length === 0) || jQuery(‘#closeBtnGalleryTw’).is(e.target)) // … nor a descendant of the container { jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).hide(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).hide(); jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeOut( 100, function() { var widthResizedContainer = jQuery(“#galleryContainer”).css({width:’auto’}).width(); jQuery(“#galleryContainer”).width(widthResizedContainer); jQuery(“#galleryContainer”).css({‘z-index’:’auto’,’position’:’relative’}) jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).hide(); }); } }); */ /* setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t7.jpg”, “images/7.jpg”);}, 1000); setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t8.jpg”, “images/8.jpg”);}, 2000); setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t9.jpg”, “images/9.jpg”);}, 3000); setTimeout(function() {galleries[0].removeImage(1);}, 4000); */ jQuery(‘#switch-effect’).change( function() { galleries[0].settings.effect = jQuery(this).val(); return false; } ); jQuery(‘#toggle-slideshow’).click( function() { galleries[0].slideshow.toggle(); return false; } ); jQuery(‘#toggle-description’).click( function() { if(!galleries[0].settings.description_wrapper) { galleries[0].settings.description_wrapper = jQuery(‘#descriptions’); } else { galleries[0].settings.description_wrapper = false; } return false; } ); }); } });

25 Mar 2017, 11:05 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Tags: CETA, MoVimento 5 Stelle, sovranità

Autore: Blog di Beppe Grillo

Approfondisci

#ProgrammaEsteri: Smantellamento della Troika

Dona

Oggi parliamo del primo dei dieci punti del Programma Esteri del MoVimento 5 Stelle. Una volta terminata l’esposizione dei punti, si procederà a una votazione online su Rousseau con la quale gli iscritti decideranno le priorità del programma. Informatevi e partecipate!

di Lidia Undiemi, Dott. Ricerca Diritto dell’Economia

L’anno zero della deriva europea risale a 10 anni fa. La crisi finanziaria mondiale, di cui l’Europa ha subito la ricaduta, è stata affrontata dalle istituzioni europee nel peggiore dei modi possibili: con la creazione e realizzazione della Troika, cioè un’istituzione finanziaria internazionale che è stata propagandata al grande pubblico col nome di “Fondo Salva-Stati”. Un nome rassicurante per ribattezzare qualcosa che di rassicurante non ha assolutamente nulla, perché si tratta di un’entità politica.

La Troika, detta anche MES (Meccanismo Europeo di Stabilità), ha due obiettivi fondamentali: il primo, continuare a salvaguardare questo sistema finanziario europeo anche se evidentemente fallimentare, il secondo, quello di far gravare sulle popolazioni dei Paesi in difficoltà il peso della crisi. Come? L’organizzazione funziona in questa maniera: se un Paese si trova in difficoltà di natura finanziaria e chiede un prestito, quel Paese deve poi sottostare a condizioni rigorose, cioè attuare le famose riforme che abbiamo visto in Grecia ma anche Spagna e in Portogallo. Riforme realizzate anche in Italia, o a Cipro di cui ricordiamo il prelievo forzoso del 2012. Queste riforme hanno portato alla distruzione del diritto del lavoro in molti Paesi europei, alla drastica riduzione della spesa pubblica per servizi sociali come per le riforme sulle pensioni, insomma tutta una serie di provvedimenti che hanno salvato gli interessi finanziari dell’Europa ma hanno tradito quell’obiettivo europeo per cui è nata la comunità europea, cioè quello di garantire il benessere generale e la piena occupazione.

Tutti gli obiettivi delle riforme sono stati smentiti dai fatti. Se vogliamo pensare di uscire dalla crisi nell’ottica di una tutela degli interessi collettivi e di una salvaguardia dei valori fondamentali costituzionali, e senza anteporre gli interessi finanziari a tutto questo, dobbiamo mettere in discussione questa architettura politica che fa sì che il capitale debba essere salvato a tutti i costi e che a pagare debba essere il popolo. Per mettere in discussione questo sistema (ricordiamoci che siamo in un ambito strettamente politico, e anche se molto spesso le questioni vengono ricondotte soltanto a problematiche economiche in realtà è una questione politica, la troika è un organo politico) è necessario anche chiedersi quale è oggi il ruolo che le multinazionali rivestono nell’ambito dell’economia globale. In questi mercati che sono fortemente integrati nel sistema di globalizzazione finanziaria ed economica, l’espansione delle multinazionali ha un impatto politico: attraverso le organizzazioni internazionali infatti abbiamo da un lato dato potere politico al capitale, dall’altro con l’enorme espansione delle multinazionali occorre comprendere fino in fondo l’impatto di queste entità anche sotto il profilo fiscale, e questa è una delle questioni principali. Perché oggi le multinazionali hanno la possibilità di insediarsi in diversi Paesi ed ottenere grandissimi vantaggi fiscali.

Le crisi in un modo o nell’altro portano grandi opportunità di cambiamento. Noi dobbiamo sì cambiare, ma cambiare questo sistema di governo dell’economia e della finanza in senso favorevole alla popolazione, nel rispetto della Costituzione e delle democrazie dei vari Paesi coinvolti. Lasciando tutto così com’è, la situazione non migliorerà.

‘); galOpenCheck = true; } this.timerGallery = setTimeout(function () { jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove(); jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).show(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).show(); jQuery( ‘.ad-back, .ad-forward’ ).show(); jQuery(“#galleryContainer”).width( 950 ); jQuery(“#galleryContainer”).height( ‘95%’ ); jQuery(“#gallery”).css({‘width’:’580px’}) jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeIn( 500 ); jQuery(“#galleryContainer”).css( {‘z-index’:’2000′,’position’:’absolute’ } ); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).show(); jQuery( ‘#galleryContainer #last-hashtag, #galleryContainer #descriptions’ ).show(); jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’10px’}); jQuery(document).scrollTop( jQuery(“[name=’twittergallerylink’]”).offset().top ); _gaq.push([‘_trackEvent’, ‘galleryOpen’, ‘Individual’]); }, 3000); /* } */ },function (){ if(this.timerGallery){ clearTimeout(this.timerGallery); jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove();} }); jQuery(‘#galleryContainer, .ad-back, .ad-forward,.ad-thumb-list a,.twittergallerylink’).click(function (e){ if(galOpenCheck != true) { jQuery(‘#galleryContainer’).append(‘

‘); galOpenCheck = true; } jQuery( ‘#waitLoader’ ).remove() jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).show(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).show(); jQuery( ‘.ad-back, .ad-forward’ ).show(); jQuery(“#galleryContainer”).width( 950 ); jQuery(“#galleryContainer”).height( ‘95%’ ); jQuery(“#gallery”).css({‘width’:’580px’}) jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeIn( 500 ); jQuery(“#galleryContainer”).css( {‘z-index’:’2000′,’position’:’absolute’ } ); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).show(); jQuery( ‘#galleryContainer #last-hashtag, #galleryContainer #descriptions’ ).show(); jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’10px’}); jQuery(document).scrollTop( jQuery(“[name=’twittergallerylink’]”).offset().top ); _gaq.push([‘_trackEvent’, ‘galleryOpen’, ‘Individual’]); }); jQuery(document).click(function (e) { var container = jQuery(‘#galleryContainer, #closeBtnGalleryTw,.twittergallerylink’); if ((!container.is(e.target) // if the target of the click isn’t the container… && container.has(e.target).length === 0) || jQuery(‘#closeBtnGalleryTw’).is(e.target)) // … nor a descendant of the container { jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw,#galleryContainer #last-hashtag,#galleryContainer #descriptions’ ).hide(); jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeOut( 100, function() { var widthResizedContainer = jQuery(“#galleryContainer”).css({width:’auto’}).width(); jQuery(“#galleryContainer”).width(widthResizedContainer); jQuery(“#gallery,#galleryContainer”).css({‘width’:’390px’}); jQuery(“#galleryContainer”).css({‘z-index’:’auto’,’position’:’relative’}) jQuery(“.ad-gallery .ad-thumbs li a”).css({‘padding-top’:’0′}); jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).hide(); }); jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).hide(); galOpenCheck = false; } }); jQuery(“#last-hashtag .single-hash”).click(function (e){ window.location.href = ‘http://www.beppegrillo.it/gallery-archive.html’ + jQuery(this).text(); return false; }); /* jQuery(document).mouseup(function (e) { var container = jQuery(‘#galleryContainer’); if ((!container.is(e.target) // if the target of the click isn’t the container… && container.has(e.target).length === 0) || jQuery(‘#closeBtnGalleryTw’).is(e.target)) // … nor a descendant of the container { jQuery( ‘.galleryoverlayer’ ).hide(); jQuery( ‘#closeBtnGalleryTw’ ).hide(); jQuery( ‘#boxLateraleAdv’ ).fadeOut( 100, function() { var widthResizedContainer = jQuery(“#galleryContainer”).css({width:’auto’}).width(); jQuery(“#galleryContainer”).width(widthResizedContainer); jQuery(“#galleryContainer”).css({‘z-index’:’auto’,’position’:’relative’}) jQuery(“#gallery .ad-image-wrapper, #gallery .ad-controls”).hide(); }); } }); */ /* setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t7.jpg”, “images/7.jpg”);}, 1000); setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t8.jpg”, “images/8.jpg”);}, 2000); setTimeout(function() {galleries[0].addImage(“images/thumbs/t9.jpg”, “images/9.jpg”);}, 3000); setTimeout(function() {galleries[0].removeImage(1);}, 4000); */ jQuery(‘#switch-effect’).change( function() { galleries[0].settings.effect = jQuery(this).val(); return false; } ); jQuery(‘#toggle-slideshow’).click( function() { galleries[0].slideshow.toggle(); return false; } ); jQuery(‘#toggle-description’).click( function() { if(!galleries[0].settings.description_wrapper) { galleries[0].settings.description_wrapper = jQuery(‘#descriptions’); } else { galleries[0].settings.description_wrapper = false; } return false; } ); }); } });

25 Mar 2017, 13:41 | Scrivi | Commenti (47) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Tags: austerità, economia, esteri, finanza internazionale, programma, programmaesteri, Rousseau, smantellamento della troika, troika

Autore: Blog di Beppe Grillo

Approfondisci