Amministrative, Renzi si tiene alla larga dai ballottaggi: Lucca, Pistoia e Carrara in bilico. Pd a rischio flop nella sua Toscana

No, Matteo no. La campagna elettorale per le amministrative in Toscana si è chiusa senza i fuochi di artificio dei comizi del segretario del Pd Matteo Renzi. Che è rimasto a casa e si potrà consolare con i fuochi di San Giovanni, la festa del patrono di Firenze, che si festeggia il 24 giugno. La Toscana rossa è in bilico, nelle tre città più importanti chiamate al voto – Carrara, Lucca e Pistoia – il Pd rischia il flop ma i vertici regionali del partito hanno ritenuto di non far scendere in campo l’ex premier. Si è ritenuto che anziché portarli i voti avrebbe potuto sottrarli. Ecco le motivazioni, città per città.

A Lucca, città tradizionalmente bianca, moderata, ex democristiana, non sono molto amati “quelli fuori le mura”. Persino la potente famiglia Marcucci, il senatore Andrea, renziano doc, in testa, non sono ben visti a Lucca, loro che hanno il quartier generale a Barga. Figurarsi Renzi. Che viene da Firenze, storicamente avversa a Lucca, tanto che ancora dalla città del giglio alle mura il treno viaggia su un solo binario come ai tempi del Granduca. E poi Lucca, ragionano in casa Pd, ama i toni moderati. Lo scontro tra il sindaco uscente Alessandro Tambellini, dem legato al governatore Enrico Rossi, e il giornalista della Nazione Remo Santini, candidato del centrodestra, è sul filo del rasoio. La venuta di Renzi avrebbe potuto alterare gli equilibri di una campagna vecchio stile tra due lucchesi purosangue. Infine, ultima ragione della rinuncia a Renzi, è la presenza di CasaPound, lista che al primo turno ha conquistato un sorprendente 7,8 contro ad esempio il 7,6 del M5S. La venuta del segretario del Pd avrebbe potuto scatenare reazioni: meglio evitare, i lucchesi non amano le risse.

A Pistoia il sindaco uscente Samuele Bertinelli ha conquistato al primo turno il 37,1%, una decina di punti in più rispetto al candidato del centrodestra Alessandro Tomasi. Che sulla carta sembrerebbero rassicuranti, ma non lo sono affatto. Intanto perché Bertinelli è un rossiano e i renziani non lo amano, a tal punto che un ex fedelissimo di Renzi, Roberto Bartoli, per reazione ha lasciato il Pd e si è presentato con una propria lista che ha conquistato l’11,72 per cento di voti, che solo in parte potrebbero confluire, al ballottaggio, su Bertinelli. A Carrara infine la situazione per il Pd è messa ancora peggio perché nella città del marmo il candidato del M5S Francesco De Pasquale al primo turno ha superato quello del Pd, Andrea Zanetti (27,27 contro il 25,28). Terzo incomodo Andrea Vannucci, ex assessore della giunta Zubbani, esponente del Pd uscito dal partito per aderire a Articolo 1-Mpd, che ha conquistato al primo turno un buon 15,16. Voti che difficilmente potranno confluire su Zanetti. Situazione che appare disperata per il Pd. Con o senza i comizi di Renzi.

Il segretario del Pd è stato al largo dai comizi ma è rimasto molto deluso dai risultati toscani a tal punto che il 13 giugno scorso ha convocato al circolo Vie Nuove di Firenze tutti i circoli dem della Toscana. Obiettivo? Evitare il flop nei ballottaggi di Carrara, Lucca e Pistoia. Sì perché se il Pd dovesse perderli Renzi rischia grosso a livello di immagine proprio nella sua regione. Dove prima del suo avvento, nel 2013 , alla guida del Pd, soltanto Prato – tra i capoluoghi di provincia – era guidato dal centrodestra. Poi una serie di crolli di città storicamente rosse: nel 2014 Livorno con sindaco Filippo Nogarin del M5S, nel 2015 Arezzo con Alessandro Ghinelli, centrodestra, infine nel 2016 Grosseto con Antonfrancesco Vivarelli, centrodestra. Se il Pd dovesse perdere anche Lucca, Pistoia e Carrara sarebbe per la Toscana una sconfitta storica: solo metà rossa, il resto diviso tra centrodestra e M5S.

Autore: Carlo Giorni Il Fatto Quotidiano

Edicola sul Fatto Quotidiano del 24 giugno: Aveva 84 anni. Docente di Diritto, deputato per 4 legislature, primo Garante della Privacy, da sempre in difesa dei beni comuni

Appalto campo sportivo

Cuccureddu indagato ma può ritornare subito ad Alghero

Il tribunale del riesame di Sassari ha revocato le misure cautelari disposte dal gip di Sassari su richiesta del sostituto procuratore Cristina Carunchio, eseguite lo scorso 10 giugno dai carabinieri del Noe nei confronti del vicesindaco di Alghero, Antonello Usai, del dirigente comunale Giansalvo Mulas, dell’impiegato Giancarlo Chessa, per i quali erano scattati gli arresti […]

L’ex badante dei genitori

Modena, ammazza il compagno e lo evira col coltello da cucina

Otto coltellate tra il torace e l’addome, mentre gli stava preparando la colazione alle cinque del mattino come ogni giorno. Poi l’evirazione, sempre con lo stesso coltello da cucina. Infine la telefonata al 113: “Venite, ho appena ucciso il mio compagno”. Verona Popescu, 50enne rumena, ex badante dei genitori della vittima, il 63enne Claudio Palladino, […]

Autore: RQuotidiano Il Fatto Quotidiano

Anita Sarkeesian Calls Sargon A “Garbage Human”


CHANNEL SUPPORT AND SOCIAL MEDIA:
✔️Patreon: https://www.patreon.com/MrDapperton
✔️PayPal: http://www.paypal.me/AshJamesWilliams
✔️Discord: https://discord.gg/nRHynxd
✔️Twitter: https://twitter.com/MrDapperton
✔️Facebook: https://www.facebook.com/MrDapperton
✔️MINDS.com: https://www.minds.com/MrDapperton
✔️Email: AshJamesWilliams@gmail.com
✔️Character Artist: (Fridle) https://fridlearts.wordpress.com/
✔️Background Artist: https://www.facebook.com/logicalanarchy/ Disclaimers: FAIR USE NOTICE
This video may contain copyrighted material; the use of which has not been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available for the purposes of criticism, comment, review and news reporting which constitute the 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. Not withstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work for purposes such as criticism, comment, review and news reporting is not an infringement of copyright. DON'T HARASS/BULLY:
This video is for educational, entertainment and social commentary purposes only. It is not intended to cause harassment. Do not contact or harass the creator of the video I’m responding to. The link is provided solely for copyright purposes. If you are the creator of the video and want the link removed tweet me at the Twitter above.

Morbillo, bambino leucemico morto a Monza: “I fratelli non c’entrano. Unica protezione? Immunità di gregge”

“I fratellini non c’entrano nulla con il morbillo, lo hanno avuto in un secondo momento”. Il professor Andrea Biondi, primario della Clinica Pediatrica del San Gerardo di Monza, dove giovedì è morto il bambino malato di leucemia che aveva contratto la malattia infettiva, è netto. Il problema, spiega il medico, è la mancanza dell’immunità di gregge. “Se viene meno – ha detto Biondi – le persone e i bambini più deboli possono pagare un prezzo più alto”.

Biondi si dice “devastato, non solo dal sentimento di sconfitta per aver perso il nostro piccolo paziente, ma anche perché è stata caricata una famiglia di un peso che è un dramma nel dramma. Provo un dolore grandissimo, fin da stamattina, quando ho aperto i giornali”. E’ stato scritto, infatti, che il bimbo di 6 anni sarebbe stato contagiato dai fratelli. “Semplicemente non è vero. La sua unica protezione – ribadisce il medico – sarebbe stata l’immunità di gregge“.

Ma i tassi di vaccinazione sono scesi in Italia, dove i casi di morbillo dal 1 gennaio sono più di 3000. Il 15 marzo i medici avevano avanzato il sospetto di una infezione da morbillo per il bambino. Una diagnosi confermata il giorno dopo. A quel punto il piccolo è stato trasferito in terapia intensiva per il peggioramento progressivo del quadro polmonare con necessità di assistenza respiratoria.

“È stato intubato e successivamente è iniziata l’assistenza mediante Ecmo per insufficienza cardiaca o respiratoria, proseguita fino alla data di oggi”, ha spiegato nella giornata di giovedì l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera. “Il piccolo era affetto da una leucemia linfoblastica acuta, malattia che oggi ha una probabilità di guarigione in oltre 85% dei casi con forme simili”, aggiunge Gallera.

Con la leucemia il sistema immunitario del bambino era però molto debole. “Il morbillo è particolarmente insidioso”, ricorda il primario del San Gerardo, per chi ha una patologia grave come quella del bambino deceduto giovedì. L’unica protezione era, quindi, l’immunità di gregge.

Autore: F. Q. Il Fatto Quotidiano